Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Beni artistici abbandonati

Trieste e le rane (vere) di Aristofane

14 Giugno 2013 di 

Il Teatro romano invaso dai rumorosi anfibi; il parco e il castello di Miramare in pieno declino tra erbacce e acqua stagnante al punto da indurre il discendente dalla casa d’Asburgo in una recente visita a dichiarare: “La situazione si commenta da sé”.

Trieste e le rane (vere) di Aristofane

“Trieste ha una scontrosa grazia. Se piace, è come un ragazzaccio aspro e vorace, con gli occhi azzurri e mani troppo grandi per regalare un fiore, come un amore, con gelosia”, così scriveva Umberto Saba per descrivere questa stupenda città di confine, crocevia di lingue e culture. Città cosmopolita per eccellenza, Trieste è patria di numerosi intellettuali ed è da sempre percorsa da una prepotente vena culturale ed artistica. Oggi i continui tagli e ritardi finanziari mettono a rischio la sussistenza di alcuni dei più importanti monumenti antichi che hanno contribuito a fare di Trieste uno dei simboli della cultura italiana ma soprattutto uno dei maggiori poli turistici del Paese.

Il Friuli Venezia Giulia è una regione ricca di siti archeologici di grandissima importanza perché testimoni di un intenso e originale passato, basti ricordare Aquilea chiamata la Seconda Roma, l'Ipogeo celtico di Cividale che custodisce un suggestivo sistema di cavità sotterranee, il teatro romano di Trieste, la Grotta del dio Mitra a Duino, il Parco archeologico di Castelraimondo a Forgaria, talmente unici che tre di essi sono stati inseriti nel patrimonio Unesco. È il caso di Aquileia, una delle più grandi città dell’impero romano divenuta in seguito sede patriarcale e centro per l’evangelizzazione dell’Europa orientale. Le motivazioni per l’iscrizione riguardano sia la zona archeologica, che in gran parte giace ancora sepolta, sia la basilica paleocristiana e il suo splendido pavimento musivo. Cividale è stata inserita per le significative testimonianze dei Longobardi, di cui la città era l’avamposto più orientale e quindi, probabilmente, la prima a cadere all’avanzata di re Alboino che da quì avrebbe proseguito la sua invasione conquistando tutto il nord Italia, la Toscana e le zone appenniniche del centro-sud. La città ancora conserva il tempietto, una delle più straordinarie e misteriose architetture alto-medievali occidentali, l'altare fatto costruire dal duca Ratchis, il battistero del patriarca Callisto e numerosi corredi funerari. Infine, Palù di Livenza nota per il suo sito palafitticolo preistorico, appartenente alla serie di insediamenti simili disposti lungo l’arco alpino e considerato uno dei più antichi dell’Italia settentrionale (5400 a.C.).


Trieste 1Le rane di Trieste
Il Teatro romano è uno dei monumenti più fotografati di Trieste. A fine aprile ha messo in scena, senza volerlo, una versione naturalistica di una delle commedie più divertenti di Aristofane: Le Rane. Questa volta però le rane erano vere. Ad accorgersene i dipendenti della questura, che si trova in prossimità del monumento, infastiditi dal gracidare dei numerosi anfibi rintanati sotto le auto parcheggiate. Si è così scoperta l’esistenza nella zona retrostante il palcoscenico (detta scena) di un vero e proprio stagno con girini, mucillagine e erbe acquatiche. A completare la visuale, lo stile “prateria” della cavea, la colonia felina oramai stanziata nel teatro, il cartello turistico logorato e un cantiere di restauro aperto ma interrotto per l’inverno. “Non c’è manutenzione”, ha spiegato Paola Ventura, archeologa della Soprintendenza per i beni archeologici del Friuli Venezia Giulia e direttore del Museo Nazionale di Aquileia, “siamo a conoscenza del problema dovuto probabilmente ad un intasamento delle pompe ma il ritardo con cui sono arrivati i finanziamenti del 2012 (a dicembre) ha di conseguenza rallentato l’affidamento dei lavori”. La manutenzione delle pompe dipende da quella degli impianti elettrici che viene normalmente data in appalto a ditte esterne alla soprintendenza. Anche il diserbo rientra nello stesso finanziamento degli impianti elettrici. Tardando i soldi è tardata la possibilità di eseguire l’ordinaria manutenzione. Ventura ha assicurato che, preventivi già alla mano, si stava passando già all’assegnazione. Per quanto riguarda il cantiere, si tratta di lavori di restauro conservativo delle versura nord orientale del teatro appaltati per 100 mila Trieste 2euro all’impresa Eu.co.re. di Pavia di Udine. Luigi Fozzati, Soprintendente dei beni archeologici del Friuli, ha precisato che “il cantiere è stato riaperto il 22 aprile, dopo la chiusura invernale resa necessaria dall’impossibilità di usare determinati materiali con temperature basse. La fine dei lavori è prevista per il 9 agosto. Nel frattempo si provvederà anche alla manutenzione dell’intero teatro”. Il dirigente ha inoltre reso noto che a nel mese di giugno presenteranno un lavoro di mappatura delle proprietà dei sedimi di tutti i reperti archeologici, georeferenziati, sia di proprietà pubblica che privata. “Con questo sistema, e siamo i primi in Italia, ognuno dovrà provvedere alla propria manutenzione e noi saremo in grado di chiedere al ministero esattamente i soldi che ci servono: se i soldi non saranno sufficienti non sarà colpa nostra, ma del ministero”.
Il Teatro costituisce una delle più suggestive vestigia della fase romana di Tergeste. Al momento della sua edificazione, in età augustea (fra I sec. a.C. e I sec. d.C.)., il Teatro si affacciava direttamente sul mare dato che in quel periodo la linea di costa giungeva sino alla fila di palazzi dietro piazza Unità. Per i circa 6000 spettatori che la struttura poteva ospitare la vista doveva dunque essere particolarmente suggestiva. Ci si sarebbe aspettati una totale e scrupolosa riqualificazione del monumento in previsione del bimillenario dalla morte di Augusto che cade nel 2014. E invece passate le piaghe dell’erbaccia e dei rospi, ora è il turno dell’immondizia. Lo spettacolo riservato ai turisti è pietoso: all’esterno sul marciapiede rifiuti gettati per terra, all'interno del teatro bottiglie di vetro, ombrelli rotti e carta. Nella parte orientale giace una rete in metallo per letto singolo e altro materiale non meglio decifrato. La colonnina che dovrebbe fornire informazioni sulla storia del teatro è semplicemente vuota.


Trieste, (mancata) capitale europea

I triestini sono furiosi per lo stato in cui versa la  loro città, “lo spettacolo che si offre ai turisti, con un molo audace che continua ad essere in condizioni pietose, le rive tutte dissestate, e rattoppate alla meno peggio, sporcizia dilagante, non è proprio un bel segnale per Trieste che aspirava a divenire capitale europea per la cultura”. Un’aspirazione che poteva diventare realtà. “Per qualche giorno abbiamo anche accarezzato l’idea di lanciare la grande sfida a una delle città leader mondiali nel campo della cultura e del turismo, cioè Venezia. Poi abbiamo dovuto sottostare agli accordi che erano già stati firmati”. Con queste parole il sindaco Roberto Cosolini spiega come Trieste abbia dovuto rinunciare alla corsa a Capitale europea della cultura 2019. Dopo i tentennamenti di Venezia, il Comune aveva incominciato a lavorare per prendere il posto della città lagunare, ma quando la candidatura veneta è divenuta ufficiale, Cosolini aveva addirittura pensato di mettersi in concorrenza con la stessa Venezia. Tentativo risultato inutile in quanto la Regione Friuli Venezia Giulia, facente parte del Comitato dei fondatori, aveva già accordato la candidatura di “Venezia con il Nordest” .


No soldi – No mostre
La mancata candidatura di Trieste a capitale europea si somma ad un’altra brutta notizia arrivata pochi mesi prima. A dicembre Cosolini infatti aveva annunciato che il Comune stava preparando una nuova linea strategica nel settore cultura tesa a “valorizzare e fare rinascere i nostri beni culturali, quelli che abbiamo in casa”. Alla base della decisione il taglio del 25% dei finanziamenti pubblici previsto per il 2013: dai 6 milioni di euro assegnati dal bilancio comunale 2012 era previsto un alleggerimento di circa 1 milione e mezzo. Sono stati quindi annullati le grandi mostre e i progetti importanti, come l’apertura del piano superiore del Museo di Storia Naturale del valore di 500 mila euro, per concentrarsi sul miglioramento delle strutture esistenti con “scelte intelligenti ed europee”.


Trieste 3Il castello e il parco di Miramare  
Il Castello ed il parco di Miramare sono tra i luoghi più visitati del Friuli. Furono costruiti per volontà dell’arciduca Massimilano d’Asburgo che, nel 1855, volle una dimora alla periferia di Trieste e affacciata sul mare. Furono progettati entrambi dall’architetto austriaco Carl Junker. Il castello è in stile eclettico, caratterizzato cioè dall’uso di elementi gotici, medievali e rinascimentali fusi armonicamente tra loro. Il parco, che inizialmente doveva essere una stazione sperimentale di rimboschimento e di acclimatazione di specie botaniche rare, è una complessa unione di natura ed artificiosità. Vi si possono ammirare le sculture prodotte dalla ditta di Berlino Moritz Geiss, le serre con vetrate; la casetta svizzera a lato del Lago dei Cigni, il piazzale con i cannoni dati in dono da re Leopoldo I del Belgio; la Cappella di San Canciano. Tante bellezze non sono riuscite a preservare Miramare dal degrado. Erbacce, sentieri sconnessi, acqua stagnante, fontane senza acqua la fanno da padroni in quello che è considerato il luogo simbolo di Trieste. Meno di un anno fa il Fai aveva attivato una campagna per salvare il sito attraverso il progetto nazionale "I luoghi del cuore". Si tratta del censimento che ogni due anni raccoglie le segnalazioni dei beni culturali italiani che maggiormente necessitano di interventi di restauro e valorizzazione. Le Direzioni Regionali del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dopo aver monitorato i luoghi Trieste 4segnalati, decidono dove intervenire concretamente. Ovviamente, i siti più votati hanno maggiori possibilità di beneficiare dei contribuiti per ristrutturazioni, abbellimenti e miglioramenti. Il parco e il castello di Miramare si sono classificati al settimo posto con 25771 voti. Sarà cambiato qualcosa? i messaggi lasciati di recente sul sito del FAI chiariscono la situazione: “Il degrado continua, non è stato fatto nulla. È un disastro, è una vergogna”, e ancora: “degrado ovunque, orari di apertura personalizzati, porte aperte o chiuse senza alcun criterio, confusione nelle informazioni ai turisti”, e per concludere un po’ di sano ottimismo: “Veramente un peccato per lo stato di degrado di questo meraviglioso parco e per il castello, nonostante tutto continua a disfarsi; speriamo in un prossimo censimento più favorevole”. Di recente il castello ha avuto un ospite d’eccezione: l’arciduca Carlo d’Asburgo Lorena, attuale capo della Casa d’Asburgo. Dopo aver osservato lo scempio del Giardino italiano invaso dalle erbacce ed essersi fermato a leggere un cartello illustrativo sradicato e poggiato a una siepe, è rimasto “senza parole”. Ha poi aggiunto che “la situazione si commenta da sé. Devo dire che da diversi anni non visitavo il castello e il parco. Ma se un sito è uno dei dieci più importanti a livello nazionale, allora è il Paese tutto che dovrebbe prendersene cura. Bisogna aggiungere però che Miramare Trieste 5ha un’importanza che va ben oltre l’area geografica in cui sorge: si potrebbe pensare a un progetto che coinvolga anche i paesi vicini nella gestione del sito”. Nonostante tutto, turisti e scolaresche arrivano sempre più numerosi e la situazione che a loro si presenta è “ gravemente carente”. Queste le parole del sindaco Cosolini che pochi giorni fa si è recato a Miramare per un sopralluogo viste “le continue segnalazioni da cittadini e turisti che lo interpellano su castello e parco, sebbene entrambi non siano di competenza del Comune”. Il sindaco ha riferito che, sebbene alcuni interventi di giardinaggio siano stati avviati e stia forse per partire l'appalto di alcuni servizi (biglietteria, bar, parcheggi etc), i problemi sono ormai così diversi e diffusi che non basterà una buona ordinaria gestione per riportare il Castello, e in particolare  il parco, a essere uno splendido biglietto da visita per Trieste e per l’Italia. Non ritenendo giusto considerare responsabile la Soprintendenza, alle prese con difficoltà economiche e organizzative e forse non in grado di gestire una problematica così complessa, Cosolini ha scritto al Ministro dei Beni e attività culturali, Massimo Bray, affinchè favorisca un'intesa immediata tra amministrazioni che affronti, con un piano straordinario e innovativo, la questione di Miramare. Comune e Istituzioni del territorio sono pronte a collaborare a Trieste 7questo progetto. Non va dimenticato che Cosolini si è più volte detto favorevole all'introduzione di un modesto biglietto di entrata al parco che, in termini economici, si tradurrebbe in un paio di milioni di euro da utilizzare per la manutenzione di Miramare. Duro anche il giudizio delle guide turistiche che non nascondono di “vergognarsi un po’” a portare i turisti che, speranzosi di ammirare qualcosa di meraviglioso, rimangono puntualmente delusi. Si lamentano dei servizi al porticciolo, ancora chiusi, ma soprattutto dell’emergenza bagni: o sono inesistenti o in pessimo stato e senza personale. E stiamo parlando di un sito che ogni anno è visitato da circa 1 milione di persone. Ci sono alcune zone il cui degrado è talmente imbarazzante che le guide vorrebbero essere esentate dal fornire spiegazione su un simile disastro e chiedono che siano messi dei cartelli di avviso “Ci scusiamo, sono in corso restauri, stiamo lavorando, vi promettiamo che...” almeno per arginare le critiche che arrivano puntuali. Simbolo del degrado di Miramare è la statua di amazzone a cavallo, sita davanti al castello, che un tempo trafiggeva con una lancia un leone. Ora il polso si è spezzato, la lancia è sparita. Così come è sparito l’incanto che avvolgeva chiunque visitasse questo sito.

La bucolica Tor Cucherna
Trieste 8Tor Cucherna, situata sotto il castello di san Giusto, un tempo faceva parte delle mura medievali che difendevano la città. I fortunati che riescono a raggiungerla, dato che le indicazioni turistiche sono state imbrattate, potranno ammirare uno dei simboli dell’incuria e del degrado cittadino. La torre oggi ha un aspetto decisamente  bucolico dato che è completamente coperta di edera. Il lato aperto è stato sbarrato con grate di ferro logore e chiuse con lucchetti. Dentro si scorgono bottiglie, lattine, pacchetti di sigarette, cartacce, plastiche, foglie secche e piante selvatiche che oramai fanno da padrone. Nello stesso degrado si trovano le vie limitrofe e la piazzetta antistante  al centro della quale sta un pozzo, un tempo pieno di acqua, oggi colmo di bottiglie e altra immondizia. I turisti non vengono più ad ammirarla, le istituzioni latitano, la torre sembra essere stata dimenticata ed abbandonata da tutti.

© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Informazioni sull'autore
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli dell'approfondimento

La Barcaccia dei rifiuti olandesi
L'arte dei vandali
Come fingersi tifosi, danneggiare opere d’arte (e non solo) e cavarsela a buon mercato. Senza pagare le spese.
I lavoratori (donatori) della cultura
Beni culturali & lavoro
Il turismo culturale in Italia genera un volume di affari da un miliardo di euro che potrebbe essere incrementato. Governo e Comune di Roma però non investono e cercano di risparmiare sugli stipendi puntando sui volontari. La protesta di archeologi e professionisti del settore.
I tesori di Roma s’involano per l’America
Lavoro e archeologia negata
Gli archeologi (e non solo) contestano il sindaco della capitale che firma un accordo per trasferire, far studiare e catalogare centomila reperti archeologici inediti alle università statunitensi.

ArtBonus? Ai turisti, non agli studiosi
Il decreto delle polemiche
Nei musei e nei siti archeologici del Belpaese è ora possibile fotografare. Anche con i cellulari. Il decreto approvato di recente esclude però gli studenti e i ricercatori: per loro le riproduzioni hanno sempre un costo.
Per Ostia antica: tutti giù per terra
Archeologia negata
Dopo una petizione popolare, si tiene sabato un sit per chiedere l’istituzione del Parco archeologico Fiumicino Ostia antica
Appia antica, il parco che non c’è
Archeologia a rischio
Ministero ed enti locali discutono su come tutelare la strada romana concepita a due sensi. In attesa di un accordo vengono violati i vincoli. Anche quelli paesaggistici.
Veduta con Fori
Archeologia negata a Roma
Un progetto per il recupero dei Fori Imperiali: il più importante complesso archeologico del mondo spaccato in due da un incongruo nastro d’asfalto voluto da Mussolini.
La Roma invisibile
Archeologia negata
Elenco ragionato del patrimonio monumentale della capitale che visitatori e turisti difficilmente potranno vedere perché “provvisoriamente” chiusi o eccezionalmente aperti.
Stop all’affitto e il museo statale chiude
Beni artistici negati
Spending review. Il ministero per i Beni culturali sospende il pagamento dell’affitto a una società del ministero dell’Economia e il Museo Nazionale dell’Alto Medioevo di Roma chiude i battenti.
I volontari dei monumenti
Patrimonio artistico a rischio
“Non siamo in grado di tutelare i monumenti”. A Pisa le istituzioni pubbliche si arrendono e aprono le porte ai volontari suscitando le ire delle associazioni professionali.
Stato di calamità (permanente)
Beni artistici a rischio
A Volterra crollano le mura antiche, in Calabria rischia di essere sommerso il Parco archeologico Paolo Orsi. Come nel Belpaese la pioggia può spazzare via il patrimonio artistico.
Con la cultura si mangia (non in Italia)
Patrimonio artistico
Il Guggenheim di Bilbao ha creato 6 mila posti di lavoro e incassa 274 milioni annui. A Lens decolla la succursale del Louvre con una mostra sugli etruschi di Cerveteri. Il British Museum fa il boom di incassi con un documentario su Pompei. Anche gli arabi puntano sui musei di nuova generazione. E l’Italia?
Ciampino, abitazioni con vista (archeologica)
Archeologia a rischio
Un progetto immobiliare pari a un intero quartiere potrebbe essere realizzato a pochi passi dalla villa di Valerio Messalla Corvino, una delle maggiori scoperte archeologiche degli ultimi anni.

Ostia, ma che bel castello
Patrimonio archeologico negato
Uno dei manieri più spettacolari dell’Italia centrale, esempio unico di architettura militare rinascimentale, in ottimo stato di conservazione è visitabile (gratuitamente) solo da 60 persone a settimana. Prosegue il viaggio di Golem tra i tesori archeologici negati.
Ostia, che scempio!
Patrimonio archeologico negato
Restauri in perenne attesa di completamento, muri a rischio crollo, erba e acqua sui mosaici, tasselli e intarsi raccolti e portati via dai turisti come souvenir: visita guidata a Ostia antica. Prosegue il viaggio di Golem tra i tesori archeologici a rischio.
Il valore della cultura
Assunzioni ai Beni culturali
Il Mibact pubblica un bando per 500 “giovani” laureati a cui offre un tirocinio sottopagato suscitando le proteste di tutte le associazioni di categoria: “Due milioni e mezzo di euro sprecati”. (english version)
L’Ara Pacis della discordia
Roma, monumenti allagati
La copertura non regge all’impeto della pioggia e il monumento augusteo finisce in ammollo. Stessa sorte per le fondamenta del Tempio di Giove e la sala degli Orazi e Curiazi dove nel 1957 furono firmati i Trattati di Roma e nel 2004 fu sottoscritta la Costituzione per l’Europa.
Il litorale (perduto) dei romani
Patrimonio archeologico negato
Un patrimonio immenso e unico, negato ai visitatori, ignorato dai turisti. Come perdere un’opportunità di rilancio e favorire l’incuria. Prosegue il viaggio di Golem tra i tesori archeologici a rischio.
Cerveteri, i banditi della Banditaccia
Patrimonio artistico negato
Definita dall’Unesco “una testimonianza unica ed eccezionale dell’antica civiltà etrusca”, la necropoli più estesa del Mediterraneo in balìa di furti, saccheggi e incuria potrebbe rinascere. Prosegue il viaggio di Golem nell’Italia archeologica a rischio.

Umbria, curia, affari e rovine
Beni artistici negati
A Narni il Castello di San Girolamo (pronto per diventare albergo di lusso) finisce sotto sequestro. A Perugia un bassorilievo di Canova in pezzi durante il trasferimento dall’Accademia di Belle Arti. Prosegue il viaggio di Golem nel patrimonio artistico negato.

Valle d’Aosta. Gli archeoritardi
Beni artistici negati

La realizzazione del Parco di Saint Martin de Corléans, una delle più importanti testimonianze archeologiche dell’età preistorica in Italia, va avanti da 40 anni. Storia di un guinness, fra sprechi, errori di progettazione, ritardi e mancanza di fondi. Prosegue l’inchiesta di Golem sul patrimonio artistico negato.

Colosseo in (eterna) attesa di restauro
Archeologia negata
Cade a pezzi a causa di traffico, vibrazioni, sbalzi di temperatura e scarsa manutenzione. Due anni fa Tod’s ne ha sponsorizzato il recupero con 25 milioni di euro, ma tra ritardi burocratici e ricorsi i lavori non sono ancora iniziati. Prosegue il viaggio di Golem nei beni artistici a rischio.
Emilia Romagna, il patrimonio crollato
Beni culturali
A poco più di un anno dal terremoto che ha colpito le province di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia si procede al recupero di oltre duemila immobili di valore artistico. Trasferite tele, sculture e reperti. Numerosi i preziosi in attesa di restauro. Prosegue il viaggio di Golem nei beni artistici italiani.
Gorizia, ascensore per il castello
Beni culturali
Raddoppiano i costi, si allungano i tempi (15 anni già trascorsi) per la realizzazione di un’opera che rischia di diventare a grosso impatto ambientale in un’area archeologica ancora da valorizzare. Prosegue il viaggio di Golem nel patrimonio artistico negato.
Trieste e le rane (vere) di Aristofane
Beni artistici abbandonati
Il Teatro romano invaso dai rumorosi anfibi; il parco e il castello di Miramare in pieno declino tra erbacce e acqua stagnante al punto da indurre il discendente dalla casa d’Asburgo in una recente visita a dichiarare: “La situazione si commenta da sé”.
L’arte ritrovata
Mostra di reperti trafugati
Castel Sant’Angelo a Roma ospita una mostra di capolavori archeologici recuperati dopo essere stati trafugati. Ottantamila gli oggetti sequestrati lo scorso anno dai carabinieri della Tutela del patrimonio culturale, per un valore di oltre 150 milioni di euro.
Piemonte, archeologia ad alta velocità
Scavi in Val di Susa
Smantellati il Museo e il sito di Chiomonte per ospitare un cantiere della linea ferroviaria Torino-Lione. Tra tombe e reperti anche i cingolati delle forze dell’ordine. Un gruppo di studiosi lancia la Carta archeologica online per monitorare e archiviare il patrimonio artistico regionale.
Aci, soccorso archeologico
Archeologia negata in Sicilia
I responsabili dei Beni culturali sopprimono quattro parchi nel Catanese. In attesa di un Piano Territoriale, i provvedimenti si basano su norme temporanee scadute. L'assessore regionale archeologa in controtendenza approva i Parchi di Selinunte e Segesta. Prosegue il viaggio di Golem nel patrimonio artistico negato.
Siracusa, il dramma del teatro Greco
Musei restaurati e chiusi

Musei aperti ma senza reperti, musei restaurati, inaugurati e subito dopo richiusi, torri saracene cadenti, parchi archeologici invasi dalle erbacce e privi di manutenzione, aspiranti soprintendenti dell’Inda bocciati e riciclati. Prosegue l’inchiesta di Golem nel patrimonio artistico negato.

Catania, parchi archeologici a rischio
La guerra dell'archeologia
Potrebbero essere soppressi quelli del sito greco-romano, delle Aci, del Calatino e del Simeto. La proposta è del sovrintendente, mentre la nuova giunta regionale lavora a un piano di rilancio. Prosegue l’inchiesta di Golem sul patrimonio negato.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni