Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Divorzio: basta l’avvocato per obbligare l'ex marito a pagare

18 Maggio 2012 di 

Non serve il giudice per incassare l’assegno di mantenimento direttamente dal datore di lavoro dell’ex coniuge inadempiente. Ecco come fare.

Divorzio: basta l’avvocato per obbligare l'ex marito a pagare
L’art. 8 della legge divorzile n° 898/70 e successive modifiche, ai commi da tre a sette ha introdotto una procedura rapidissima per ottenere il pagamento del mantenimento per il figlio e dell’assegno divorzile per la moglie, direttamente dal datore di lavoro dell’ex coniuge.

Tale diritto, già previsto nella disciplina che riguarda la separazione personale dei coniugi, è tuttavia esercitabile nel divorzio senza necessità di un provvedimento del magistrato ed è caratterizzato sia dalla rapidità dell’azione, sia perché per la prima volta è rimesso il potere coercitivo in mani dell’avvocato della creditrice.

Azione diretta e potere dell’avvocato
La riforma divorzile di cui alla legge n° 74/87 ha introdotto nel testo originario del 1970 questo potere, parificabile sotto certi aspetti al pignoramento presso terzi dei beni del debitore, azionabile, come si è detto, senza che necessiti l’intervento del magistrato, ed in ciò la norma ha un carattere eccezionale.
In sostanza l’esecuzione è rimessa in mano al legale dell’ex coniuge creditore, ponendo il pagamento dell’assegno mensile direttamente a carico del terzo, in genere il datore di lavoro.
Non vi è chi non intraveda in tale disposizione, dettata evidentemente da esigenze di celerità, un eccesso di zelo a favore del coniuge più debole.
Infatti rimettere l’esecuzione in mani al legale della parte interessata, esclude ogni criterio di equilibrio; equilibrio che invece permea la valutazione del magistrato, soggetto estraneo dal rapporto fra gli ex coniugi.
Tuttavia non va sottaciuto che tale possibilità, anche se scarsamente precisata nei termini procedurali dalla disciplina divorzile, in realtà costituisce un forte deterrente per il coniuge obbligato alle prestazioni economiche.

I presupposti dell’azione
Affinché possa darsi corso all’esercizio dell’azione diretta con la quale il terzo si trova coinvolto in prima persona nell’obbligo di pagamento nei confronti del coniuge creditore, sono necessari le seguenti condizioni:
A) Deve trattarsi di credito previsto dagli art.li 5 e 6 della legge n° 898/70 e successive modifiche. Si deve cioè trattare di assegno divorzile o di contributo al mantenimento della prole;
B) I terzi assoggettabili alla procedura sono quelli “tenuti a corrispondere periodicamente somme di denaro al coniuge obbligato”, quindi il datore di lavoro, gli enti pensionistici, i conduttori degli immobili ed ogni altro soggetto che debba versare periodicamente somme al coniuge obbligato.

La procedura
Sotto il profilo procedurale il meccanismo che deve essere seguito è il seguente.
Innanzitutto va posto in mora il debitore mediante invio di una raccomandata con ricevuta di ritorno.
Nel caso di irrintracciabilità del debitore si deve ritenere che farà fede la certificazione di residenza.
Successivamente dovranno decorrere inutilmente trenta giorni senza che si provveda al pagamento.
A questo punto va notificato il provvedimento giudiziale al terzo tenuto alla prestazione periodica, unitamente all’invito a corrispondere, ai sensi della legge n° 898/70 art. 8 commi 3-7, le somme dovute.
Di tale atto andrà datata comunicazione al coniuge obbligato.
In pratica sarà necessario notificare il titolo, anche privo della formula esecutiva, al coniuge ed al terzo.
Sarà opportuno, nel silenzio della norma, assegnare un termine di messa in mora di almeno 15 giorni.
Nel caso di inadempimento del terzo, il coniuge avente diritto “ha azione diretta ed esecutiva nei suoi confronti”, cioè ha diritto a farsi pagare direttamente dal datore di lavoro procedendo all’esecuzione forzata nei suoi confronti.

Percentuale massima assegnabile
Ricordiamo che secondo la Corte di Cassazione è legittima l’azione diretta anche nei confronti degli enti previdenziali in relazione ai trattamenti pensionistici dovuti all’obbligato.
Ovviamente lo stesso diritto di ottenere il pagamento diretto dal datore di lavoro, vale anche allorchè il marito inadempiente sia dipendente dello Stato o di enti pubblici.
Nel caso invece in cui i crediti siano già stati sottoposti a pignoramento da parte di terzi, bisognerà necessariamente rivolgersi al giudice dell’esecuzione, il quale provvederà alle relative ripartizioni ed assegnazioni.
In tale ipotesi al coniuge creditore converrà insinuarsi nella procedura promossa dagli altri creditori.
Per quanto riguarda la percentuale massima assegnabile al coniuge avente diritto, il 6° comma all’art. 8 della legge 898/70 modificata dalla legge n° 74/87 precisa che “Lo Stato e altri enti indicati nell’art. 1 del Testo Unico concernente il sequestro, il pignoramento e la cessione degli stipendi… nonché gli altri enti datori di lavoro… non possono versare a quest’ultimo oltre la metà delle somme dovute al coniuge obbligato, comprensive anche degli assegni e dei emolumenti accessori”.
Si noti infine che, secondo l’innovazione della legge n° 74/87, a fronte del 50% della retribuzione assegnabile al coniuge beneficiario, il vecchio DPR. N° 180/50 ammetteva per causa di alimenti il pignoramento al massimo del 33%.
Maurizio Bruno
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Maurizio Bruno
Maurizio Bruno
Informazioni sull'autore
Avvocato, iscritto all’albo dal 1973. E’ autore o coautore di oltre quindici opere di diritto civile e specificatamente di diritto di famiglia, molte in edizioni aggiornate di volta in volta. Tra i più venduti: (Buffetti editore: Separazione e Divorzio, La famiglia di fatto, Successioni ereditarie, Comunione e separazione dei beni, Convivenza more uxorio, Le adozioni, etc.), (Janua editrice: I ricorsi d’urgenza nel nuovo processo civile), (Giuffre: Separazione, divorzio: questioni processuali, I provvedimenti a tutela dei minori, I contratti di uso corrente). Collabora ed ha collaborato con siti Internet di diritto e con numerose riviste, tra le quali: Gente Money, Argos, Consulenza e Consulenza casa, Diritto e Giustizia. Svolge da oltre 40 anni l’ attività di avvocato nel proprio studio in Roma.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articoli dell'approfondimento

Abbandonare il tetto coniugale non è più reato ma l’obbligo di assistenza resta
Abbandono del tetto coniugale e il diritto alla casa
Il coniuge che, magari dopo un tradimento, sbatte la porta e se ne va rischia comunque un’imputazione e per giunta potrebbe perdere il diritto alla casa coniugale e vedersi addebitare la separazione.
Separazione e divorzio: a chi presentare la domanda?
Certe volte le questioni più semplici diventano, per l’intervento impreciso del legislatore o per le interpretazioni della giurisprudenza, di estrema complessità. Così è successo per una norma banale come quella che indica quale Tribunale sia competente per le istanze di separazione e divorzio.
Lui la tradisce e lei se ne va? Non c’è addebito della separazione
Il mantenimento va attribuito solo dopo una precisa valutazione della disparità di redditi tra i coniugi.
Il matrimonio non consumato: una strada privilegiata per il divorzio
L’evoluzione della giurisprudenza, le prove necessarie, le unioni simulate, le sentenze recenti, la decisione del tribunale di Salerno e la pronuncia della Cassazione sul caso di una donna al suo terzo matrimonio.
Non paghi le spese dei figli? E io ti denuncio
Ma negli ultimi anni la giurisprudenza applica la pena prevista per chi si sottrae agli obblighi di assistenza verso la famiglia soltanto se si dimostra lo stato di bisogno di chi dovrebbe ricevere l’assegno. Quando si viene condannati, come essere assolti.
Assegno di mantenimento: la Cassazione aiuta gli eredi che non vogliono più pagare
La Suprema Corte sceglie l’interpretazione rigorosa della norma secondo la quale l’obbligo per l’eredità sussiste solo in caso di stato di bisogno dell’ex coniuge superstite.
Lui la tradisce? Paga anche i danni: la Cassazione ci ripensa
Improvviso dietro-front della giurisprudenza. Pochi giorni fa una sentenza della Suprema corte non solo ha addebitato la separazione al coniuge… fedifrago, ma lo ha anche condannato al risarcimento.
Scoprire il tradimento dopo il divorzio non cancella l’assegno
La Cassazione conferma il mantenimento anche se la nascita… improvvisa di un bambino dimostra che l’ex moglie aveva una storia già prima della separazione.
Separazione: cede tutti i beni all’ex moglie per non pagare i debiti
Una recente sentenza del tribunale di Roma tenta di fare giustizia per i creditori rimasti a bocca asciutta in caso di cessione fraudolenta delle proprietà.
Divorzio: basta l’avvocato per obbligare l'ex marito a pagare
Non serve il giudice per incassare l’assegno di mantenimento direttamente dal datore di lavoro dell’ex coniuge inadempiente. Ecco come fare.
Assegno di mantenimento: se l’ex marito non paga ci pensa il datore di lavoro
La Cassazione in numerose occasioni ha confermato che l’ordine ai terzi di pagare possa anche essere rivolto ad un ente pubblico ovvero ad un ente previdenziale. Il magistrato tuttavia prima di emettere un simile provvedimento richiede sempre la dimostrazione del ritardo del pagamento, nonostante l’intimazione.
Moglie divorziata: quand’è che ha diritto al Tfr dell’ex marito?
C’è una certa confusione sui presupposti necessari per ottenere una parte del trattamento di fine rapporto (di lavoro). Anche perché, in passato, la giurisprudenza era contrastante. Attenzione: la norma non vale per le coppie di fatto.
Addebito della separazione: quando il coniuge paga anche i danni
Rileva la Cassazione che l’assegno di divorzio non ha alcuna funzione risarcitoria, ma soltanto assistenziale, e quindi resta aperta la possibilità di agire autonomamente per il risarcimento se sussiste violazione dei diritti della persona.
Come eliminare l’assegno di mantenimento rispettando la legge
Sempre più spesso si ricorre al trucco dell’annullamento del matrimonio avanti la Sacra Rota. E la giustizia civile fa finta di non capire.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni