Ore 9.11 Si sottopone a un massaggio con i fanghi. Pare ci sia una nuova tecnica che fa miracoli: il metodo Boffo.

Ore 10.40
Propone in redazione di introdurre un inserto satirico sul Giornale. Poi gli spiegano che un inserto satirico all’interno di un inserto satirico avrebbe poco senso.

Ore 11.23
Affida a Romana Liuzzo un’inchiesta sulla nascita di Giuliano Ferrara. “L’ipotesi iniziale, cioè quella di farlo uscire dalla vagina della mamma, fu scartata subito, perché in ospedale non ci sarebbero stati abbastanza punti per ricucire lo strappo. Allora si scelse la via della cicogna, ma anche lì un casino: la prima cicogna che lo stava portando si spezzò il collo a causa del peso e morì; la seconda cicogna venne mangiata da Ferrara; la terza cicogna preferì suicidarsi direttamente urlando slogan pro-aborto”.

Ore 12.50
Dopo il dossier Boffo e il dossier Marcegaglia, dà il placet a una nuova indagine: il dossier Gesù. Eccone i punti salienti: “Ok, Gesù è risorto. Ma poi la seconda volta come è morto? Comunque anche io farei il figo a sacrificarmi per l’umanità se sapessi che tanto poi risorgo. E un’altra cosa. Va bene, Gesù è nato per merito dello Spirito Santo, fecondazione assistita, cliniche svizzere, eccetera, ok. Ma Gesù aveva sei fratelli. Come ha fatto Maria a rimanere vergine? Da dove uscivano loro? Cioè, da dove entrava? Insomma, dove? In ogni caso prima o poi Gesù sarebbe morto, non è che si è sacrificato per noi”. Non manca, poi, un lungo corsivo su Dio: “Dio non solo ha creato la vita, ma ogni giorno permette che essa prosegua: facendo iniziare nuove guerre, per esempio. O facendo comparire nuovi tumori. Ma soprattutto facendo sospendere Radio Belva.  Credo che Dio, quando ha realizzato il mondo, avesse dei seri problemi in matematica: ci sono troppi uomini e troppi animali. Dove li mettiamo? Non ci sono abbastanza parcheggi”. E infine: “Chissà cosa faceva Dio prima di creare l’universo. Vedendo com’è venuto, di certo non lo progettava”.

Ore 14.56
Prepara l’editoriale per il giorno dopo: “Un indice della credibilità dei media è la parzialità con cui vengono date le informazioni. Il fatto del giorno è la molestia sessuale su un bambino? Per una settimana cinque o sei notizie ogni giorno di molestie sessuali su bambini. Poi basta, non se ne parla più, perché è il turno di Acquabomber: e per una settimana si parla solo di bottiglie dell’acqua avvelenata. A un certo punto sembra che sia iniziata la moda di lasciare in macchina i neonati, e ogni giorno c’erano notizie su neonati lasciati in macchina. Poi c’è stata la settimana dei preti pedofili. No, non parlo della Settimana della Moda, intendo proprio una settimana in cui uscivano solo notizie su preti pedofili”.

Ore 15.15
Assume dieci nuovi collaboratori: arrivano tutti da Lercio.

Ore 16.17
Legge il pezzo preparato da Luigi Mascheroni che riporta nuove ipotesi sull’estinzione dei dinosauri: “Un meteorite cadde sulla Terra, un dinosauro si fermò a guardare, quello dietro gli andò addosso e si innescò un tamponamento a catena con conseguenze devastanti”; “Non erano capaci di guidare le Opel prodotte in Usa e Europa (teoria chiamata ‘la Meriva dei continenti’)”; “Mario Adinolfi non mangiava da due giorni”; “La lupara bianca”; “Michele Misseri”; “Bertolaso”; “Tutta colpa degli immigrati”.

Ore 23.58
Il giornale di domani è ormai in stampa. Alessandro per svagarsi legge la pagina degli annunci: “Offresi stage non retribuito di durata sei mesi. Ruolo divinità cristiana. Il candidato dovrà non esistere e scrivere un libro pieno di contraddizioni e violenza. Il candidato, vieppiù, dovrà predicare povertà ma avere un reddito superiore a 350mila euro. L’omofobia costituirà titolo preferenziale”; “Aaa. Laurenda 22enne cerca lavoro come dattilografa. Esperienza pluriennnale, massima serietà”; “Aaa cercasi interprete o traduttore finlandese per intrattenere corrispondenza con anziano distributore di giocattoli. Contattare con urgenza prima del 25/12”; “Aaa cerco barzellette a sfondo sessuale da esibire in incontri diplomatici e convention. Chiedere di Silvio”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *