L’Assemblea dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura Italiana riunita venerdì 26 febbraio a Roma, ha approvato un deliberato sul regolamento adottato dal Consiglio Nazionale Forense nella seduta amministrativa dell’11 dicembre 2015, avente ad oggetto: “Rimborsi spese e gettoni di presenza”.
Nel documento l’Oua evidenzia “le voci critiche sul metodo con cui il CNF è pervenuto all’approvazione del suddetto regolamento” sottolineando come, l’avvocatura, in tutto il Paese sia, “afflitta da una profonda crisi reddituale”, soffrendo, oltretutto un chiaro svilimento del proprio ruolo.
 
Il deliberato definisce come “inopportuna e non condivisibile la scelta operata dal Consiglio Nazionale Forense di aggiungere ai rimborsi spese e ai benefit già oggi esistenti in favore dei componenti del CNF e dell’Ufficio di Presidenza ‘gettoni di presenza’ di entità rilevante, calcolati in euro 90.000 in favore del Presidente, 50.000 in favore del Vicepresidente, 70.000 in favore del Consigliere Segretario ed euro 50.000 in favore del Tesoriere, nonché euro 650,00 oltre accessori di legge in favore dei Consiglieri nazionali per ciascuna udienza giurisdizionale e/o seduta amministrativa”.

Non solo, l’Oua evidenzia come “tale regolamento, nonostante costituisca una novità assoluta nella storia del CNF e degli Ordini territoriali e determini un rilevante impegno di spesa a carico degli avvocati sia stato adottato senza l’opportuno confronto con l’Organismo Unitario dell’Avvocatura nonché con i singoli Consigli degli Ordini e le Associazioni maggiormente rappresentative”.
Si ritiene, quindi, improcrastinabile aprire “un confronto all’interno dell’avvocatura che conduca a decisioni chiare sulle regole che presiedano e definiscano in modo certo competenze e poteri degli Organi rappresentativi dell’Avvocatura”.
Concludendo l’Assemblea dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura, invita, “il Consiglio Nazionale Forense a sospendere il regolamento sui rimborsi spese e sui gettoni di presenza rimettendo al Congresso Nazionale Forense il confronto sul tema”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *