Napoli- Sembra essere la buona notizia di questo Natale alle porte. Una volta tanto “i buoni”, arrivano prima ed evitano che un crimine si compia. È la vicenda della sede napoletana di Banca IntesaSanPaolo, in via Marina, sotto la quale, in quel sottosuolo ricco di gallerie e passaggi, la “banda del buco” era pronta, ancora una volta, ad agire.

I ladri, sfruttando l’intricato dedalo di vie sotterranee, erano arrivati a pochi metri dal caveau della filiale. Muniti di martelli pneumatici e picconi, erano convinti di poter agire indisturbati, protetti dal buio e dalla lontananza da uffici frequentati. Ma Banca Intesa, a Napoli, è protetta dai sistemi di sicurezza del CNS, il prestigioso gruppo guidato dall’imprenditore Antonio Romano, e le telecamere predisposte alla videosorveglianza, periodicamente, vengono controllate dai manutentori, sempre in linea e in contatto costante con la centrale operativa della stessa Banca. È bastato dunque poco, al tecnico sul luogo insospettito dai rumori inusuali, per lanciare l’allarme. In men che non si dica è stata allertata la questura con una efficace azione di contrasto e i ladri sono stati messi in fuga, dovendo rinunciare all’attacco predatorio e, almeno per questa Banca, è certo che non ci riproveranno.
Con molta probabilità avrebbero colpito tra la notte del 24 e il 25, quando gli uffici sarebbero restati chiusi. In effetti il cunicolo, che portava dalla rete fognaria alla sala del caveau, era praticamente terminato ed i malviventi vi hanno lasciato, insieme al loro sogno di un illecito arricchimento, anche gli “strumenti da lavoro”, recuperati dalla polizia.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *