Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Contro dolori e infezioni ma attenzione alle dosi

Ruta, la pianta della magia

12 Settembre 2016 di  Flaminia Antonucci
Ruta, la pianta della magia
La ruta (Ruta graveolens ) è una pianta erbacea perenne, con fusti erbacei ramificati alti fino ad un metro. Le foglie sono molto profumate ma non vanno mai toccate a mani nude perché il contatto può provocare arrossamenti e prurito. Originaria dell’Europa meridionale, cresce in luoghi erbosi, lungo i muri, coltivata negli orti.

In Italia è presente spontanea, in tutte le regioni, eccetto le isole (dove si trova solo negli orti e giardini ) . Uno degli usi più conosciuti della ruta è quello dell’infusione nella grappa ma può anche essere utilizzata nei giardini per la creazione di graziose siepi.

Molte civiltà antiche hanno utilizzato e persino adorato i poteri della ruta. I romani la coltivavano e la portavano con loro quando dovevano visitare un prigioniero visto che si diceva che proteggesse dal malocchio. I cinesi la usavano per fronteggiare i pensieri negativi. I maghi celtici dicevano che la ruta fosse una difesa contro gli incantesimi oltre ad usarla per guarire i malati. Ha rivestito un ruolo sacro per ebrei, egizi e caldei, che sostenevano fosse un dono degli dei. In America la ruta viene impiegata dalle comunità aborigene per fare incantesimi d’amore. Queste popolazioni assicurano che dopo aver esposto un ramo di ruta al chiarore della luna e averlo consegnato alla persona amata si potrebbe conquistare il suo cuore per sempre. Leonardo da Vinci le attribuiva  la straordinarie capacità di restituire la vista. La tradizione popolare  le accreditava la capacità di allontanare dai  giardini topi, serpenti ma soprattutto energie negative compresi gli spiriti  maligni.

Da un punto di vista fitoterapico la ruta veniva utilizzata dalla medicina popolare solo esternamente come olio essenziale per trattare dolori articolari, nevralgie e crampi, mentre l'infuso era utilizzato per trattare mestruazioni dolorose, per lenire le coliche intestinali flatulentistimolare la digestione. Per la sua azione antispasmodica veniva anche utilizzata per trattare l’ipertensione, l'epilessia e le coliche. Un tè preparato con la ruta è utile nel trattamento delle infezioni alimentari, delle infezioni batteriche intestinali, del tratto urinario e della salmonella. Il suo utilizzo può portare benefici in caso di artrite reumatoide. Un paio di tazze di tè al giorno riducono il dolore e l’infiammazione tipica dell’artrite reumatoide. I suoi principi attivi sono efficaci sulle neurotossine, in caso di avvelenamento provoca il vomito. Può essere utilizzata per i morsi dei serpenti che hanno un veleno neurotossico come ad esempio il cobra.  Si ritiene che abbia proprietà cicatrizzanti in grado di apportare benefici in caso di foruncoli, ferite e scottature ed è un noto rimedio nella cura delle ferite causate da incidenti sportivi. E, però. una pianta tossica che, se assunta in grandi quantità, può avere effetti molto gravi sulla salute, anche letali. È stato dimostrato che la sua assunzione in dosi elevate provoca l’aborto. Per questo motivo si consiglia di non avventurarsi in preparazioni casalinghe a base di foglie di ruta ma di utilizzare prodotti già pronti acquistabili in farmacia sotto controllo medico.
Flaminia Antonucci
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Flaminia Antonucci
Flaminia Antonucci
Informazioni sull'autore
E’ laureata in Lettere presso l’Università “La Sapienza” di Roma, con specializzazione in dialettologia italiana. La passione per i dialetti l’ha portata a girare la penisola alla ricerca delle molte “lingue” che vi si parlano. E in questo suo peregrinare ha scoperto che il Paese dei campanili è anche il Paese delle erbe. Di qui nasce la sua passione per la fitoterapia che l’ha portata a sperimentare personalmente quasi ogni rimedio erboristico. Ha collaborato per circa un decennio con una nota erboristeria della Capitale, per la quale ha creato numerose tisane originali.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni