Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Il Cannonau di Sardegna

15 Giugno 2012 di  Valentina Vercelli

Il vitigno autoctono più famoso e coltivato della regione dà vita a un rosso potente che si abbina a tutto pasto. Molto piacevole, soprattutto d’estate, nelle versioni rosato e spumante.

Il Cannonau di Sardegna

“Non conoscete il Nepente di Oliena neppure per fama? Ahi, lasso. Io sono certo che se ne beveste un sorso, non vorreste mai più partirvi dall’ombra delle candide rupi”, scriveva Gabriele D’Annunzio, al ritorno da un suo viaggio in Sardegna, evidentemente conquistato dalla potenza del Cannonau, vino ottenuto dal vitigno più famoso e più coltivato di una regione in cui la viticoltura ha almeno 5.000 anni di vita.

Fino a non molto tempo fa si pensava che il Cannonau discendesse da un vitigno di origine spagnola, importato sull’isola intorno al 1400, al tempo della dominazione aragonese, ma recenti studi hanno confutato questa ipotesi e ora sembra non solo che si tratti di un vitigno endemico, ma che possa addirittura fregiarsi del titolo di vino più antico del Mediterraneo.

Il Cannonau è un vitigno a bacca rossa diffuso in tutta la Sardegna, ma la zona di produzione più rinomata è quella dell’Ogliastra, dove la Doc prevede le sottodenominazioni geografiche Jerzu, Oliena e Nepente di Oliena; esiste poi una quarta sottozona di nome Capo Ferrato, in provincia di Cagliari.

Per fregiarsi della menzione Riserva il disciplinare di produzione prevede un invecchiamento minimo di due anni, di cui almeno sei mesi in botte di rovere o castagno, e una gradazione minima di 13°.

La pianta, di media vigoria, regala una produzione costante e abbondante; la foglia è di media grandezza, con forma reniforme o rotonda, mentre il grappolo è conico-cilindrico, a volte alato, con acini tondi, di colore molto scuro, con buccia sottile e consistente.

La versione di Cannonau più conosciuta è senz’altro quella rossa, ma sono ottimi anche i rosati, in cui l’uva viene vinificata in bianco, e una novità da assaggiare è la versione spumantizzata con metodo Charmat.

Il Cannonau rosso ha un bel color rubino, con riflessi granati se invecchiato; se giovane, ha aroma intenso, fruttato e tipico e gusto sapido e secco; nelle versioni invecchiate, regala sentori di frutta matura, macchia mediterranea e spezie.

E’ un vino da tutto pasto, nonostante abbia un grado alcolico piuttosto elevato; si abbina al meglio con piatti di carne strutturati, come selvaggina, cinghiale e brasati, con frattaglie, quali il fegato e il rognone, con grigliate miste di carne e con formaggi stagionati a lungo. Provatelo anche con pasta e fagioli e con due classici della cucina sarda, il maialino e il capretto arrosto. Le versioni rosato e spumante, da servire fresche, sono ideali come aperitivo e con piatti leggeri, anche a base di pesce.

 

I produttori consigliati

Tenute Soletta

Cannonau di Sardegna Doc Sardo, Cannonau 100%, venduto in loco a circa 9 euro.

Cannonau di Sardegna Doc Corona Majore, Cannonau 100%, venduto in loco a circa 11 euro.

Cannonau di Sardegna Doc Riserva Keramos, Cannonau 100%, venduto in loco a circa 17 euro.

Keramos, Grappa di Cannonau, venduta in loco a circa 16 euro (bottiglia da mezzo litro).

Su appuntamento si possono fare visite guidate e degustazioni in cantina.

Reg. Signor’Anna, Codrogianus (SS), tel. 079.435067, www.tenutesoletta.it

 

Azienda agricola Fratelli Puddu

Tiscali Cannonau di Sardegna Doc rosso, Cannonau 100%, venduto in loco a 8 euro.

Nepente di Oliena Doc rosato, Cannonau 100%, venduto in loco a 9 euro.

Cannonau di Sardegna Doc Nepente di Oliena, Cannonau 100%, venduto in loco a 10 euro.

Cannonau di Sardegna Doc Riserva Nepente di Oliena Pro Vois, Cannonau 100%, venduto in loco a 20 euro.

Baloi Brut rosé metodo Charmat Cannonau, Cannonau 100%, venduto in loco a 10 euro.

Papalope rosso Igt, vendemmia tardiva, Cannonau 100%, venduto in loco a 16 euro.

Abbardente de Nepente, grappa di Cannonau, venduta in loco a 15 euro (bottiglia da mezzo litro).

Su appuntamento si possono fare visite guidate e degustazioni in cantina.

Loc. Orbuddai, Oliena (NU), tel. 0784.288457, www.aziendapuddu.it

 

Gabbas Azienda Vitivinicola

Lillové, Cannonau di Sardegna Doc, Cannonau 100%, venduto in enoteca a circa 7,50 euro.

Dule, Cannonau di Sardegna Doc Riserva, Cannonau 100%, venduto in enoteca a circa 11,50 euro.

Grappa di Cannonau, venduta in enoteca a circa 16 euro (bottiglia da mezzo litro).

Grappa di Cannonau affinata in legno, venduta in enoteca a circa 16 euro (bottiglia da mezzo litro).

Il produttore non organizza visite e degustazioni per singoli, ma solo per gruppi, e non effettua vendita diretta.

Via Trieste 59, Nuoro, tel. 0784.33745, www.gabbas.it

Valentina Vercelli
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Valentina Vercelli
Valentina Vercelli
Informazioni sull'autore

Milanese, 37 anni, dopo il liceo classico e una laurea in lettere moderne con indirizzo comunicazione, si è chiesta che cosa le sarebbe piaciuto fare nella vita. E si è risposta: “scrivere e viaggiare”. Le sono sembrate due attività ben poco remunerative e, quindi, ci ha bevuto su per dimenticare. Così si è appassionata anche di vino.

Fortunatamente, nonostante le premesse, tutto è andato quasi per il meglio: è diventata giornalista professionista, ha lavorato nelle redazioni delle più importanti testate di turismo e continua a interessarsi di vitigni poco conosciuti e viticoltori eroici. Ma nella prossima vita ha già deciso che farà il cardiochirurgo a Berlino.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Video correlati

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni