Così come non ha mai avuto luogo la trattativa Stato – Mafia negli anni tra il 1992-93, sabato scorso non è avvenuta alcuna trattativa Stadio – Mafia. Almeno questo è quanto ha riferito alle Camere il Ministro degli Interni, Angelino Alfano.

Ma un fatto smentisce categoricamente la sua versione. E non si tratta certo della diretta TV. Cosa volete che contino le immagini del Presidente del Consiglio Renzi, del Presidente del Senato Grasso, della Presidente della Commissione Antimafia Rosi Bindi e di oltre 50mila spettatori che assistevano allibiti al colloquio tra il pluritatuato Gennaro De Tommaso, detto “Jenny ‘a carogna”, e i responsabili delle forze dell’ordine. E’ un po’ come lo sbarco sulla Luna. Una nota montatura televisiva americana.

La prova che la trattativa c’è stata, però, è l’incontro, avvenuto al Nazareno tra il pregiudicato e Renzi. Ricevuto con tutti gli onori, il delinquente ha parlato con il Presidente del Consiglio, della riforma elettorale, di quella del Senato e, soprattutto, di quella della Giustizia e delle carceri, dando il via ad una serie di proposte/promesse, da realizzarsi in base ad un preciso calendario. Proprio ieri poi, il pregiudicato, ha garantito i propri voti sul Decreto Lavoro, consentendo al Governo di ottenere la fiducia sul provvedimento. E questo dimostrando la grande magnanimità, di certi esponenti della malavita. Infatti, proprio nello stesso giorno, la senatrice PD, Finocchiaro, aveva testimoniato contro di lui, nell’ambito dell’inchiesta sulla compravendita dei voti.

A questo punto è chiaro che stiamo parlando di Silvio Berlusconi, autocandidatosi a padre della Patria e recentemente più volte ricevuto al Quirinale dal Presidente Napolitano. In un Paese, dove a un condannato in via definitiva è consentito tutto questo, in un Paese che ha visto sedere in Parlamento il latitante dell’Utri, il detenuto Cosentino detto “Nick ‘o mericano” e che continua a passare il vitalizio di 6mila euro al mese al galeotto per mafia Totò Cuffaro, perché ci si meraviglia se un quasi incensurato come Jenny ‘a carogna” decide se far giocare o meno una partita di calcio? E perché Renzi non dovrebbe incontrarlo davvero, magari per discutere con lui dei provvedimenti sulla sicurezza negli stadi? In fondo, dopo, basterà dire che ce lo ha chiesto l’Europa…

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *