I titoli, in economia, rappresentano dei veri e propri contratti, per i quali un soggetto acquista il diritto a ricevere una prestazione. I titoli del debito (come BOT e BTP) danno diritto a ricevere un rendimento (o interesse), in percentuale rispetto al valore iniziale.

Ad esempio, comprando un “Bund” tedesco per 100 euro che rende il 5%, con scadenza a un anno, si ottiene il diritto a ricevere 105 euro. Sullo stesso mercato si potrebbe comprare un “BOT”, di pari valore e pari scadenza, che però rende il 7%.
Lo spread è la differenza tra i rendimenti dei titoli, misurata in punti base, per cui 100 punti equivalgono all’1%: nell’esempio dunque lo spread del BOT rispetto al Bund è di 200 punti base (2%).

Il “differenziale” è una misura del rischio di credito, per cui la probabilità percepita che lo Stato italiano non paghi (fallisca) è maggiore rispetto a quella tedesca. Per accollarsi questo rischio, l’investitore chiede il 2% in più, altrimenti compra titoli tedeschi, meno remunerativi ma più sicuri. La spesa ulteriore sopportata dallo Stato ricade poi sui conti pubblici, aggravando la posizione del debito pubblico. (luigi borrelli)

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *