Sahara: ONG preoccupate per fenomeno bambini soldato

Le ONG che si occupano della difesa dei diritti umani si dicono molto preoccupate per il fenomeno dei bambini soldato che si registra soprattutto nella zona del Sahara.

La Rete della Commissione Indipendente per i Diritti Umani in Nord Africa (CIDH Africa) ha organizzato, mercoledì 14 giugno a Ginevra, una videoconferenza dal tema: “Promozione e protezione dei diritti del bambino nelle aree di conflitto – Situazione di bambini soldato”.

Questo evento, trasmesso anche sulla piattaforma “Zoom”, è stato organizzato in collaborazione con l’African Meeting for the Defense of Human Rights (RADDHO) e l’ONG CECIDE, riunendo un gruppo di personalità internazionali dei diritti umani, esperti africani e studiosi di nel campo dei diritti dei bambini. Il simposio ha affrontato le preoccupazioni più importanti della comunità internazionale nel campo del reclutamento di bambini nel mondo e in particolare nella regione del Sahel e dell’Africa orientale.

I partecipanti hanno accolto con favore l’approvazione di nuove leggi, come è il caso del Codice generale per l’infanzia in Ciad, inteso a fungere da quadro per la tutela dei diritti del bambino e il suo reinserimento nel sistema educativo dopo la sua esperienza traumatica.

Mina Lghazal, presidente del Southern Institute for Strategic Studies e Salwa Sahloul, membro della Rete dell’Unione africana per la sicurezza delle donne, hanno fornito statistiche schiaccianti sul numero di bambini soldato utilizzati nei vari conflitti, nonché come il numero crescente di ragazze soldato, usate anche come schiave sessuali da gruppi estremisti in Siria.

La conferenza ha anche affrontato il tema del quadro normativo internazionale e continentale che garantisce i diritti dei bambini e criminalizza il loro reclutamento.

I partecipanti hanno evidenziato la situazione dei bambini nei campi di Tindouf ei crimini a cui sono esposti i bambini, violandone i diritti fondamentali, dopo essere stati costretti a prendere le armi ed essere stati reclutati dai vertici del Polisario.

Al termine del simposio sono state presentate raccomandazioni generali riguardanti la prevenzione del reclutamento di minori e l’assicurare alla giustizia i responsabili, sostenendo la rieducazione come mezzo per sensibilizzare i bambini piccoli ai loro diritti e come metodo di integrazione nelle loro comunità di origine che li stigmatizza.

Un comunicato finale è stato lanciato a Ginevra per porre fine a queste pratiche e incoraggiare la comunità internazionale a fare di più.

Related Articles