Sahara: i Paesi Bassi a sostegno del piano di autonomia del Marocco

I Paesi Bassi hanno preso in considerazione, mercoledì, il piano di autonomia, presentato nel 2007 dal Marocco, come “un contributo serio e credibile al processo politico guidato dall’ONU” per trovare una soluzione alla questione del Sahara.

Attraverso questa nuova posizione, espressa nel comunicato stampa congiunto pubblicato dopo i colloqui tra il Ministro degli Affari Esteri, della Cooperazione Africana e marocchini residenti all’estero, Nasser Bourita, e la sua controparte Olandese, Wopke Hoekstra, i Paesi Bassi sono entrati chiaramente nella dinamica internazionale di sostegno al piano di autonomia del Marocco definitivamente sull’artificiosa contesa intorno alla marocchinità del Sahara.

La nuova posizione dell’Aia arriva così sulla scia del sostegno espresso a favore di Stati Uniti, Germania, Spagna o addirittura Filippine all’iniziativa di autonomia presentata dal Marocco nel 2007 come l’unica base per la risoluzione di questa controversia.

Nel comunicato congiunto, che sanciva i colloqui Bourita-Hoekstra, i Paesi Bassi e il Marocco hanno ribadito il loro sostegno all’inviato personale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per il Sahara, Staffan de Mistura, e ai suoi sforzi
per perseguire “un processo politico volto al raggiungimento di una soluzione politica giusto, sostenibile e reciprocamente accettabile”, in conformità con le deliberazioni del Consiglio di Sicurezza e finalità e principi della Carta delle Nazioni Unite.

L’incontro di Bourita con il capo della diplomazia olandese ha avuto luogo il 10 maggio a Marrakech a margine della riunione ministeriale della Coalizione mondiale anti-Daesh.

Related Articles