– Bella frate’!
– Bella zio! Me dispiace… C’avemo già tutto, nun compramo gnente!
– Ma io non vendo nulla… Sono Papa Francesco
– L’argentino?
– Sì, come Lamela…

– Bbono, nun toccà ‘sto tasto, che ancora me ce piagne er core che l’avemo venduto…
– Ti comprendo, sono anch’io un appassionato di calcio…
– Ce lo so che sei tifoso… Però dovevi parlà co’ Totti, che è un bravo ragazzo, mica co’ Balotelli, che fa’ solo er paino…
– Paino?
– Sì, er bullo, er prepotente…
– Il mio compito è occuparmi delle pecorelle smarrite…
– Ma quella è ‘na pecora nera!
– Non sarai razzista, per caso?
– Chi, io? Possi cecamme! Era solo ‘na battuta, tanto pe’ ride. Comunque ‘naa dì in giro che magari ce squalificheno ‘a curva!
– Tranquillo, Abbiamo il segreto della Confessione… 
– Che posso fa’ pe’ te zì… Sai, starebbe a lavorà…
– Tu credi, frate’?
– Nella Roma?
– In Dio!
– Boh… In dio me sa de no…
– Sei ateo come il dottor Scalfari?
– Nun lo conosco a quello… però sì, me sa che so’ ateo. Cioè in Chiesa nun ce vado e, a esse sinceri, nun è che me ne freghi molto … E’ grave?
– No. Come ho spiegato al dottor Scalfari, Dio perdona anche un non credente o uno che non ha mai cercato Dio. L’importante è che agisca in base alla propria coscienza.
– Cioè?
– La Verità non è assoluta, ma è una relazione… Ovvero dipende dalle circostanze in cui uno si trova…
– Famme capì… Piamo Berlusconi… Se in coscienza ha penzato che pagava troppe tasse, allora era giusto che frodasse er fisco?
– Beh… No…
– E così, tanto pe’ dì… Se in coscienza, dentro de lui, riteneva fosse giusto ingroppasse le ragazzine, allora ha fatto bene a carzasse quella Ruby che, tra l’altro, era pure musulmana!
– Forse non mi sono spiegato bene…
– No ‘a zì’… Ho capito benissimo… Mo’ lo dico alla mi’ regazza, armeno smette de rompe!
– Cosa le dovresti dire?
– Che c’ho raggione io… E’ mejo che nun se sposamo e che nun mettemo ar monno regazzini perché, in coscienza, so’ convinto che, in un monno così, è mejo lassà perde… Però potemo trombà… Me l’ha detto er Papa!
– Veramente…
– Sei forte a zì! Mò, si davero chiudi lo IOR, dai i conventi all’immigrati anziché facce l’arberghi e cacci via un po’ de baciapile, và a finì che te famo Presidente der Consijo
– Ma io sono il Papa…
– Che te frega… Tanto ce l’hanno tutti er doppio incarico! Bella zì… Torno a lavorà, se lo risentimo!
– Bella fratè…
Papa Francesco chiude la conversazione e solo adesso si accorge di non essere solo. Nella stanza c’è l’altro Papa, quello tedesco, che ha ascoltato tutto e che gli si rivolge furibondo:
– Quante folte defo dirti che tu dovere fare solo pastore di anima… Di teologhia tu dovere lasciare parlare me… Dannato testone!

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *