La menta è uno degli ingredienti principali di granite, ghiaccioli e infusi dissertanti, utili in caso di gran caldo. Esistono più di 600 specie di questa pianta aromatica, dalla mentuccia romana, alla menta piperita, alla menta acquatica.

Per via del suo profumo intenso la menta è, da sempre, molto usata nel campo dolciario, per caramelle e sciroppi, ma anche nelle preparazioni medicinali e nei detergenti intimi. Le sue doti erano note anche nell’antichità, tanto che i naturalisti rinascimentali la consideravano un rimedio universale, come si rileva da uno scritto dello studioso Durante che così recita: “Il succo bevuto con aceto ristagna il sangue, leva la nausea allo stomaco, ammazza i vermini tondi…” I monaci ne raccoglievano in quantità per farne tisane dissetanti e digestive.

Nonostante possieda molteplici virtù, l’origine della menta è legata a leggende che la collegano agli Inferi. La menta sarebbe nata dalla morte della ninfa Mintha, amante del sovrano dell’Ade, il regno dei morti. Quando il sovrano degli Inferi vi condusse la sua legittima sposa, Persefore, la ninfa si adirò a tal punto da suscitare la collera di Demetra, sua madre, che ne decretò la morte, mentre Ade, impietosito, le permise di diventare una pianta profumata, chiamata minthe o hedyosmos = “dal buon odore”. In altri racconti la menta provocava molte ostilità in Grecia dove esisteva il proverbio “Non mangiare menta durante la guerra e non farne crescere” perché si pensava che la pianta esercitasse un’azione deleteria sulla virilità e il coraggio dei guerrieri. Nelle leggende Medioevali, invece, la menta, è un erba legata alla Madonna: quando la Sacra Famiglia era in fuga verso l’Egitto, Maria, stremata, vide sulla strada un cespuglio di menta. Il profumo la rinfrescò e, miracolosamente dalle foglioline caddero gocce d’acqua profumate che diedero ristoro a lei e a Gesù.

Da un punto di vista fitoterapico, la menta, essendo composta principalmente di acqua e mentolo è rinfrescante e aiuta nella digestione. La tisana alla menta rappresenta un buon rimedio anche nei casi di raffreddore, sinusite, tosse e mal di gola, grazie all’azione vasodilatatrice del mentolo. In caso di  alitosi si può usare anche per fare gargarismi, magari con l’aggiunta di un cucchiaio di miele. Diarrea, dolori mestruali e stanchezza fisica sono altri disturbi che possono essere curati con la menta, come anche digestione difficile e meteorismo. Grazie all’azione antiemetica, inoltre, la menta può quindi essere utilizzata per combattere nausea e vomito.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *