Gli Autori hanno analizzato le posizioni assunte da lobby, media, rappresentanti della comunità scientifica, sindacati, partiti e Chiesa. “6C” sono state individuate per comprendere la complessità della vicenda: conflitti, credibilità delle alternative, comunicazione, coinvolgimento, consenso, coesione.

Questo lavoro di analisi dei media si pone come quadro interpretativo della lettura degli eventi, specialmente dei tre momenti topici del paventato ritorno al nucleare in Italia: l’annuncio del Ministro Scajola, l’incidente di Fukushima e il referendum. La comunicazione è stata individuata come il filo conduttore del policy-making. Dettagli passati inosservati vengono qui posti sotto la lente di ingrandimento: la posizione di propaganda della stampa e il suo silenzio o il veloce accantonamento del tema, l’alterna visibili, il ruolo di Greenpeace come osservatorio privilegiato, l’affermarsi del modello reticolare incentrato sull’utilizzo della Rete. Questi temi sono soltanto alcune delle peculiarità emerse dall’analisi.
La questione nucleare è stata affrontata su tre livelli: la prima parte è dedicata all’analisi della stampa italiana dall’annuncio del Governo Berlusconi sul possibile ritorno dell’Italia al nucleare fino al referendum; nella seconda parte vengono proposte interviste ad esperti non pregiudizialmente contrari nel dibatto sul nucleare per capire i cambiamenti percepiti nel periodo dopo Fukushima; la terza è un approfondimento dell’atteggiamento degli attori sociali coinvolti, dai favorevoli ai contrari.
Si scopre così una storia ben diversa da quella che ci hanno raccontato i media, un viaggio istruttivo tra le arcane strategie e le pressioni di numerosi attori sociali che hanno profondamente scalfito la politica energetica italiana.
«Un mix di giochi di potere ed interessi, dove gli stakeholder hanno agito su posizioni ideologicamente contrastanti e con armi economicamente impari, sono stati alla base dei vari tentativi di riproporre il nucleare. Tra annunci e dinieghi, l’ipotesi del ritorno al nucleare si è riaffacciata nel sistema energetico nazionale dopo che per circa un ventennio era scomparso dai media, ma non certo dal ricordo degli italiani».

Il libro è stato redatto in collaborazione con Greenpeace

Gaetano Borrelli, Tanja Poli – Il nucleare al tramonto. Referendum, media e nuovo sentimento degli italiani,Datanews, 2013 – 12 euro.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *