– Ciao, Dudù
– Arf!
– Sono giorni un po’ convulsi…
– Più che giorni, notti… Sono più di 55 notti che non dormo!  
– Come il tuo padrone…

– Dica pure “per colpa” del mio padrone… Prima se ne stava giù nella tavernetta a fare i suoi bunga bunga e io me la potevo ronfare in pace sul divano…
– E adesso?
– Adesso gira per casa come un matto… E prima vuole una coccola, poi una carezza, qualche volta mi chiede pure il biscottino… E Dudù di qua e Dudù di là…
– E la Pascale?
Lei dorme. Si chiude in camera e il lavoro sporco lo lascia a me.
– Dunque rimpiangi l’epoca delle Ruby, delle olgettine?
– Assolutamente. Ormai il palo della lap dance si è arrugginito e non è più buono nemmeno  per farci una pisciatina…
– Ma a cosa pensi sia dovuta l’insonnia del tuo padrone ai guai giudiziari, alle difficoltà con il partito, alla crisi del Paese?
– Si è rincoglionito, tutto qui. Straparla tutto il tempo. Dice che presto diventerà povero, che lo vogliono mettere in galera, che nessuno gli vuole più bene…
– Un po’ di ragione ce l’ha…
Sì. Ma poi farnetica di voler cambiare mestiere, vita…
– E che vorrebbe fare?
E’ come i bambini. Un giorno sogna di diventare uno scafista e di farsi dare 5.000 euro da ogni migrante per poi scaraventarlo in mare a frustate…
– Ma è orribile!
– Sostiene che quello dello scafista è il mestiere del futuro. Dice che c’è da fare soldi a palate…
Soldi sporchi, però…
– Per lui i soldi sono sempre stati i soldi. Pensi che altre volte dice che vuole fare in narcotrafficante peruviano…
– Colombiano, vuoi dire…
– No, no. Peruviano. Si è documentato e ha scoperto che il Perù ha superato la Colombia in quanto a fatturato per la cocaina…
– E tu, Dudù, cosa pensi di fare?
– Fagotto! Me ne vado! In questa casa non ci resisto più!
– In quale delle tante?
– In tutte. Berlusconi non lo voglio vedere più nemmeno in cartolina!
– Ma proprio adesso che è stato tradito dai suoi amici più fedeli?
– Si è tradito da solo. Prima ha chiesto le dimissioni dei parlamentari, poi quelle dei ministri. Quindi ha ordinato di votare la sfiducia a Letta, poi ha votato lui stesso la fiducia… Lo ripeto, ormai è rincoglionito!
– Ma tu, Dudù, dove andrai a vivere?
– A casa di Alfano!
– L’ex delfino di Berlusconi, quello che l’ha tradito di più insieme a Cicchitto?
– Tra me e Alfano c’è sempre stata una grande empatia… Siamo abituati tutti e due a scodinzolare, leccare la mano e non solo, fare le feste e stare al guinzaglio…
– Insomma siete uguali…
– No. Lui è a pelo corto, mentre io, il pelo, ce l’ho lungo e morbido!
L’intervista si conclude qui, mentre Dudù si allontana da palazzo Grazioli fischiettando allegro, con il suo fagottello sulle spalle. Prima, però, fa un’ultima pisciatina sul portone…

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *