CAMERA
AULA

Giovedì l’Assemblea di Montecitorio ha approvato il ddl che riforma il Codice penale e il Codice di procedura penale in materia di diffamazione, a mezzo stampa o con altro mezzo di diffusione, di ingiuria e di condanna del querelante. Introdotta una forma di deterrenza per il ricorso alla diffamazione, con multa per il querelante decisa dal giudice solo in sede penale. Esclusi i blog ma non le testate giornalistiche on line registrate presso i tribunali.
L’Aula comunque ha approvato anche le norme sul finanziamento ai partiti e il decreto Imu. Tutto ora si sposta a Palazzo Madama. I partiti potranno avere accesso a finanziamenti privati, ci saranno detrazioni fiscali per chi fa donazioni spontanee anche se quelle private avranno un tetto di 300 mila euro e ciascun partito e movimento politico dovranno pubblicare sui siti entrate, uscite tutte rigorosamente documentate.
Tra le altre comunicazioni, da sottolineare che l’ex ministro Paolo Romani è stato eletto presidente della Delegazione italiana presso l’Assemblea parlamentare dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.
Infine, non poteva mancare l’interrogazione settimanale dell’on. Brunetta sulla discarica di Falcognana, una delle poche certezze del nostro Parlamento.

COMMISSIONI
La commissione Affari costituzionali ha approvato il documento finale sulla comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al COmitato delle regioni per Istituire un programma di formazione europea delle autorità di contrasto e la Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce l’Agenzia dell’unione europea per la cooperazione e la formazione delle autorità di contrasto (Europol) e abroga le decisioni 2009/371/GAI del Consiglio e 2005/681/GAI del Consiglio. Il documento è leggibile in allegato.
In commissione Difesa si è svolta l’audizione dell’ad di Finmeccanica Alessandro Pansa, prevalentemente incentrata sugli F-35. A quanto pare diminuiranno le commesse, di conseguenza tutto l’indotto, meno posti di lavoro in meno. Tenendo conto poi, che anche gli altri paesi non stanno messi bene (a quanto pare Norvegia e Regno Unito non è scontato che manderanno i loro aerei in Italia per la manutenzione, Washington ha tagliato il loro budget), le possibilità di successo di tutta l’operazione si fa sempre più remota…
La commissione Bilancio ha approvato i documenti finali riguardanti le comunicazioni della Commissione al parlamento europeo e al Consiglio sull’Unione economica e monetaria autentica e approfondita – creazione di uno strumento di convergenza e di competitività – coordinamento ex ante delle grandi riforme di politica economica previste. Non vuole essere necessariamente una critica al nostro lavoro, ma negli altri Paesi europei questo tipo di documenti vengono analizzati con molta attenzione e soprattutto a Bruxelles e a Strasburgo i documenti finali dei vari parlamenti vengono sostenuti con energia. Sicuramente lo faranno anche i nostri rappresentanti…
La commissione Lavoro ha approvato il documento conclusivo nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulle misure per fronteggiare l’emergenza occupazionale (il documento è leggibile in allegato).

SENATO
AULA

E’ proseguita la discussione generale sull’Istituzione del Comitato parlamentare per le riforme costituzionali ed elettorali. Lo ricordiamo ancora una volta, stiamo ancora parlando dei famosi saggi (ed inquisiti a questo punto) che dovranno poi fare le riforme…
L’aula ha approvato la mozione sugli assetti societari di Telecom Italia che impegna il Governo ad adottare urgentemente disposizioni che consentono di esercitare il golden power e introdurre una seconda soglia per l’Opa. E sì, non ce la facciamo sfuggire questa grande azienda, finora gestita benissimo e che gode di ottima salute
Interessante l’interrogazione sulla programmazione e gestione dei fondi strutturali europei e politiche di coesione territoriale. Qualcuno prima o poi ci spiegherà perché lasciamo a Bruxelles gran parte dei finanziamenti che altri Paesi invece stanno sfruttando
COMMISSIONI
La commissione Giustizia ha iniziato l’esame dei provvedimenti in materia di amnistia e indulto. In allegato il Dossier del Centro studi sui provvedimenti legislativi in materia dal 1948 ad oggi.
Concluso l’esame del ddl che inserisce il reato di negazionismo.

COMMISSIONI BICAMERALI
La commissione di controllo sulle attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale, ha eletto vicepresidenti i deputati Titti Di Salvo e Giuseppe Galati e segretari la senatrice Nicoletta Favero e il deputato Mario Caruso.
La Commissione per la semplificazione ha eletto presidente il deputato Bruno Tabacci e vicepresidenti Mino Taricco e Giovanna Petrenga; segretari i senatori Pasquale Sollo e Francesco Campanella.
Il Comitato di Shengen ha costituito il suo Ufficio di Presidenza: risultati eletti, Presidente il deputato Laura Ravetto, vicepresidente il deputato Giorgio Brandolin e segretario la senatrice Nadia Ginetti. Più poltrone per Totti.
Dossier Senato – Amnistia e Indulto dal 1948 ad oggi
Documento conclusivo commissione Lavoro
Documento conclusivo commissione BIlancio
Documento finale commissione Affari costituzionali

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *