La prossima sarà la settimana della relazione del Guardasigilli sullo stato della Giustizia in Italia, per il momento ci godiamo il ministro per le politiche agricole e gli interventi del Movimento 5 Stelle e dei leghisti.

AULA
Si parla ancora di Fiscal compact e pareggio di bilancio. Per chi ha buona memoria, ricorderà che il pareggio di bilancio fu inserito nella Costituzione la scorsa legislatura (governo Monti). Con le mozioni approvate mercoledì 15 gennaio è sembrato per un attimo che ad approvare quella legge costituzionale fossero stati dei marziani sbarcati sulla Terra per l’occasione e poi subito ripartiti.
La Camera ha approvato anche le Modifiche al Codice dei beni culturali: interessante la dichiarazione di voto finale del leghista Gianluca Buonanno: “ringrazio la relatrice Ghizzoni perché, secondo me, pur essendo del Partito Democratico, ha fatto un lavoro molto efficace e la Lega Nord si dice soddisfatta di questo provvedimento”. Evviva la sincerità.

COMMISSIONI
La commissione Giustizia ha proseguito l’esame del decreto cosiddetto svuotacarceri e ha concluso quello sulle Disposizioni in materia di delitti contro l’ambiente e azione di risarcimento del danno ambientale.
Le commissioni riunite Affari esteri e Difesa di Camera e Senato nell’ambito dell’indagine conoscitiva sull’operazione internazionale di disarmo chimico in Siria hanno svolto l’audizione del ministro per i Trasporti, Maurizio Lupi, del ministro degli Affari esteri, Emma Bonino e del Direttore generale della Organization for the Prohibition of Chemical Weapons (Opcw), Ahmet Uzumcu. Da qui la notizia che quintali di armi chimiche altamente letali verranno “trasferite” da una nave siriana ad una inglese nel porto italiano di Gioia Tauro. In Calabria sono iniziati i festeggiamenti per accogliere l’evento.
Governo battuto sui succhi di frutta. Ebbene sì, in commissione Agricoltura un emendamento del Pd contro il parere dell’esecutivo è passato: alzata al 20 % la quantità minima di frutta (attualmente al 12%) che deve essere contenuta nelle bevande analcoliche a base di frutta prodotte e commercializzate in Italia. Che non si dica che il Parlamento non fa niente.

SENATO
AULA

Tempi duri per l’Assemblea di Palazzo Madama che deve approvare il disegno di legge in materia di pene detentive non carcerarie e messa alla prova. Il testo contiene la cancellazione del reato di immigrazione clandestina… Leghisti sulle barricate.

COMMISSIONI
In commissione Affari costituzionali ci sono i provvedimenti più spinosi: il decreto milleproroghe, l’abolizione al finanziamento pubblico diretto, le province e le città metropolitane e la semplificazione. Come se questo non bastasse la commissione doveva votare la nomina di Pier Carlo Padoan alla presidenza dell’Istat che per un voto è stato bocciato. Procedura da rifare. Venerdì 17 il governo ha confermato il nome di Padoan, quindi altro giro di giostra.
La commissione Giustizia ha iniziato la discussione del divorzio breve. Le unioni civili arriveranno dopo, così appena istituite si potranno sciogliere più facilmente. Tanti gli argomenti trattati dalla commissione in settimana: Amnistia e indulto, tribunale della famiglia, corruzione, voto di scambio, falso in bilancio e riciclaggio quindi esercizio abusivo delle professioni e contrasto all’omofobia e transfobia.
In commissione Finanze stenta a proseguire l’esame della delega fiscale. Si chiama rinvio tecnico si legge poche speranze di approvazione; e non si potrà dire “datti all’ippica” visto che ad essere bocciate sono state proprio le norme del settore ippico.
In commissione Lavoro tante nomine: parere favorevole alla proposta di Rino Tarelli, Antonella Valeriani e Francesco Massicci a Presidente e componenti della Commissione di vigilanza sui fondi pensione (Covip). Eletta inoltre la vicepresidente di commissione: senatrice Maria Spilabotte (Pd).

Infine notizia d’oltralpe: il Senato francese ha istituito la Commissione per il controllo dell’applicazione delle leggi che assicura un osservatorio sulla pubblicazione dei testi regolamentari necessari per applicare le leggi e per informare il Senato sulla messa in opera e la concreta applicazione delle leggi. Vedi dossier allegato.
La commissione per il controllo delle leggi del Senato francese

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *