Cooperazione: storie di finanziamento di ONG

In un dossier il sito Atlasinfo denuncia come le fondazioni americane abbiano strumentalizzato la causa dei diritti umani e messo alla prova la stampa mondiale, con il pretesto della filantropia

Uno in particolare ha aperto la strada per quasi 40 anni: la Open Society Foundation del magnate della finanza americana George Soros. Armato del suo potere finanziario, il multimiliardario ha messo a punto un sistema di strategie di influenza che si basa sulla società civile. Lo dota di mezzi colossali per raggiungere obiettivi geostrategici ed economici intimamente legati ai circoli del potere americano.

Per un attivista che ama la giustizia e la libertà, non c’è niente di peggio che scoprire che l’organizzazione per i diritti umani a cui ha dedicato parte della sua vita si è smarrita per sottomettersi a una linea d’azione dettata dai suoi donatori, con pratiche che contraddicono le sue convinzioni .

Per un giornalista che opera all’interno di un’organizzazione che mostra l’ambizione di proteggere i giornalisti, questo è ancora più doloroso. Distribuire punti positivi o negativi, “addolcire” informazioni importanti perché coinvolge un donatore o abusare di un altro perché “uno” lo ha chiesto, è semplicemente sacrificare i propri valori morali ed etici.

Queste pratiche sono oggetto di una delle più grandi omerte degli ultimi 40 anni. I pochi giornalisti e ricercatori che hanno cercato di alzare il velo sull’opacità dei finanziamenti di queste organizzazioni sono stati definiti “sold out”, ovvero sospettati di collusione con i servizi di intelligence quando non sono stati accusati di corruzione per aver tentato di rompere il legge del silenzio attorno alla costruzione di una megastruttura internazionale, costruita per 40 anni dal miliardario americano George Soros.

Un capo di stato senza stato. Così ama definirsi l’uomo che ha fatto saltare in aria la Banca d’Inghilterra nel 1992 aggirando le falle del sistema monetario europeo. Un attacco speculativo che ha aumentato la sua fortuna e lo ha fatto pensare in grande: sottomettere il mondo al suo modello di società “aperta” e promuovere l’espansione del suo impero economico.

Pochi osano opporsi a lui, poiché ha investito miliardi di dollari per sviluppare una rete straordinaria con due assi essenziali: la società civile e le istituzioni governative.

Per accompagnare questa strategia è ovviamente necessario plasmare l’opinione pubblica e questo non solo attraverso i media ma tutto ciò che la supervisione, la formazione e l’organizzazione dei giornalisti possono offrire come staffetta. Così, nella rete intessuta attraverso la Open Society Foundation si trovano ONG internazionali o locali, media, comitati di protezione dei giornalisti, piattaforme di indagine collaborativa, università, gruppi di riflessione, partiti politici, sindacati e qualsiasi altra entità o persona che può esercitare un’influenza a favore del progetto George Soros, in tutto il mondo.

Per avere successo, colui che ha spinto per costruire la sua colossale fortuna nella finanza ha dovuto iniziare a costruire l’immagine di un filantropo innamorato di un’umanità traboccante.

Particolarmente satirico Il 1° settembre 1997 il Time ha dedicato una prima pagina a “San Giorgio: e le sue improbabili crociate”, che spaziavano dalla politica all’immigrazione, passando per la depenalizzazione della droga, la difesa delle minoranze e la causa LGBT+, costruendo la propria strategia su democrazia e giustizia sociale, la difesa dei deboli per provocare la caduta dei potenti, tutti coloro che comunque ostacolerebbero il suo cammino verso la costruzione di una società transnazionale.

Sul piano politico, non ha mai nascosto le sue posizioni democratiche, finanziando generosamente le campagne di John Kerry nel 2004 contro Georges W Bush, Barack Obama che aveva iniziato a sostenere come senatore dell’Illinois, Hillary Clinton di fronte a Trump nel 2016 e un corteo di senatori democratici, ovviamente, che sono tutti suoi per sempre.

In Africa, dove le attività del miliardario americano non suscitano lo stesso interesse che negli Stati Uniti o in Europa, Repubblica Democratica del Congo e Burkina Faso in particolare sono state schiacciate da manovre attribuite alle reti di George Soros. 2017, Open Society Foundation ha speso più di 70 milioni di dollari per le sue attività nel continente).

Il magnate finanziario non esita a collaborare con parte dei circoli del potere americano quando necessario. Meglio ancora: avanza sostanzialmente allo stesso ritmo della politica americana, lavorando spesso di pari passo con il NED, National Endowment for Democracy, una propaggine del Congresso americano finanziata attraverso l’USAID, l’Agenzia americana per lo sviluppo internazionale.

Una frase del suo ex presidente esecutivo, Allen Weinstein, riassume la sua missione, dichiarando al Washington Post nel 1991: “molto di quello che facciamo oggi è stato fatto segretamente 25 anni fa dalla CIA” hui è stato fatto segretamente dalla CIA 25 anni fa”.

Unendo i loro sforzi, la NED e la rete della Open Society Foundation avrebbero lavorato per l’emergere, la supervisione, la formazione e il finanziamento di molti movimenti di protesta in diversi paesi dove soffiava il vento della primavera araba.

George Soros è ovunque e non si offende per le contraddizioni che può presentare, come spiega Thibault Kerlinzin, autore di un’affascinante inchiesta “Soros, the Imperial”, pubblicata nel 2019. È un democratico ma pronto a confrontarsi con Repubblicani se gli affari lo richiedono. Denuncia la dipendenza dei bambini dai giochi su Internet ma è un importante investitore nei casinò. È il cantore della democrazia ma finanzia le rivoluzioni colorate.

Nel 1993 dichiarò che non avrebbe investito nei paesi in cui operano le sue fondazioni, ma l’anno successivo fece esattamente il contrario. Denuncia la corruzione e le pratiche illegali e sostiene la trasparenza, ma fa di tutto per sfuggire alle verifiche fiscali, finanziando ONG come Transparency International. Ha investimenti nell’estrazione del carbone e nel settore petrolifero, ma sposa la causa degli attivisti ambientali.

È tutto questo sia il personaggio di Soros: cinismo negli affari e una rete in almeno 100 paesi che lo accompagni nel progetto di smantellamento delle società a cui aspira, distribuendo il bello o il brutto da parte di organizzazioni non governative e dei media. Secondo Thibault Kerlirzin, che analizza il “collegamento Soros” fatto di interessi e licenziamenti, sarebbe ingenuo credere che il magnate della finanza avrebbe perso i suoi lunghi artigli che gli hanno fatto la fama di lupo di Wall Street: quando Georges Soros cede , è sempre un investimento.

“The Puppet Master”, come lo chiama Margaux Krehl in un ritratto che gli dedica su Vanityfair.fr pubblicato il 25 ottobre 2018, è lui il manipolatore descritto dai suoi avversari? Il fatto è che il nome delle sue fondazioni è associato a tutte le ONG che vorranno prendersi i miliardi che ha a disposizione, e ce ne sono molte. Dal 1984 ha iniettato più di 30 miliardi di dollari nella Open Society Foundation con l’ambizione dichiarata di promuovere “la governance democratica, i diritti umani e le riforme economiche, sociali e legali”.

Nel 2017 ha annunciato il trasferimento della cifra sbalorditiva di 18 miliardi di dollari dalla sua fortuna personale ai conti della sua fondazione, aggiungendo che alla sua morte, la maggior parte dei suoi beni sarà lasciata in eredità alla Open Society Foundation. Infine, a gennaio, George Soros ha emesso un nuovo assegno da un miliardo di dollari per un progetto di rete di università che considera il progetto della sua vita: “la sopravvivenza delle società aperte è minacciata e noi siamo di fronte a una crisi ancora più grande : cambiamento climatico”, ha spiegato durante la cena che fa ogni anno.

Related Articles