Cooperazione: Ong perdono credibilità

Quando i comunicati di Hrw facevano tremare la Casa Bianca

C’è stato un tempo in cui i comunicati stampa di Human Rights Watch facevano tremare i corridoi della Casa Bianca. Oggi bisogna essere una dittatura o essere ingenui per credere ancora in HRW, in gran parte finanziata da fondi discutibili e la cui parzialità è denunciata da attivisti per i diritti umani.

Ascesa e caduta di una ONG gestita per 27 anni da Kenneth Roth. La sua longevità alla guida dell’organizzazione non ha nulla da invidiare a quella dei tiranni che l’associazione sostiene di denunciare, né a quella del suo direttore per la regione MENA, Éric Goldstein, nella stessa posizione da 31 anni.

Ai tempi del suo fondatore Robert L. Bernstein, un editore idealista amante della libertà, il minimo rapporto di quella che era una delle più grandi organizzazioni per i diritti umani del mondo poteva scuotere un governo.

In una colonna ormai famosa pubblicata il 19 ottobre 2009 sulle pagine del New York Times, Bernstein ha rimproverato i leader di Human Rights Watch per aver sbagliato la missione primaria che aveva immaginato per l’organizzazione che ha guidato per 20 anni e questo nel mezzo della guerra fredda. Robert L. Bernstein è morto nel 2019 all’età di 96 anni, non senza rendere il compito più difficile ai dirigenti di HRW, definendo l’associazione “moralmente fallita”.

In effetti, sono state due lettere che hanno scosso l’organizzazione e acceso il dibattito negli Stati Uniti e nei circoli dei diritti umani. Sono stati scritti dal premio Nobel per la pace e attivista nordirlandese Mairead Maguire e dal premio Nobel per la pace attivista argentino Adolfo Perez Esquivel.

Questo fallimento morale dell’organizzazione che afferma di “difendere i diritti delle persone in tutto il mondo”, è stato oggetto nel maggio 2014 di una lettera aperta inedita di due premi Nobel per la pace e un centinaio di accademici, attivisti per i diritti umani e giornalisti di fama mondiale , come l’ex sottosegretario generale delle Nazioni Unite Hans Von Sponeck, Chris Hedges, autore di “La guerra è una forza che ci dà significato” forza che ci dà significato”), inseguono Madar, autore che ha firmato “La passione di Chelsea Manning : The Story Behind The Wikileaks Whistelblower”), Norman Solomon, giornalista e attivista americano contro la guerra, Oliver Stone, regista coautore di “Forbidden History of the United States” o Keane Bhatt, scrittore e attivista, uno dei promotori di questa lettera.

Tra le critiche a Human Rights Watch c’erano la sua politica di assumere dirigenti di diverse entità dell’amministrazione statunitense, la sua incapacità di denunciare la pratica della consegna extragiudiziale, il suo avallo dell’intervento militare statunitense in Libia e il suo assordante silenzio durante il colpo di stato del 2004 ad Haiti. Ma è soprattutto lo stretto legame di HRW con il governo degli Stati Uniti e quindi la messa in discussione della sua indipendenza, su cui si soffermano i firmatari di queste lettere indirizzate a Kenneth Roth.

“Lo stretto rapporto di Hrw con il governo Usa diffonde l’apparenza di un conflitto di interessi”, con esempi a sostegno, per dimostrare che l’organizzazione è così “vicina” alla politica estera americana da essere incapace di criticarla. Ancora di più: lavora nella direzione di accompagnarlo. Da Cuba all’Ecuador, passando per la Siria, la Colombia o l’Etiopia, i rapporti e i comunicati stampa di HRW sono spesso in linea con la politica estera americana.

La diffusione di false informazioni sulla situazione dei diritti umani in Marocco, Egitto, Ruanda, RDC o Eritrea, per citare solo alcuni paesi del continente africano, rafforza l’immagine travagliata di un’associazione con manifesta parzialità le cui scelte non sono più guidate da la tutela dei diritti umani.

Un’organizzazione che risponde agli orientamenti dell’amministrazione americana

Tra le critiche a Human Rights Watch c’erano la sua politica di assumere dirigenti di diverse entità dell’amministrazione statunitense, la sua incapacità di denunciare la pratica della consegna extragiudiziale, il suo avallo dell’intervento militare statunitense in Libia e il suo assordante silenzio durante il colpo di stato del 2004 ad Haiti. Ma è soprattutto lo stretto legame di HRW con il governo degli Stati Uniti e quindi la messa in discussione della sua indipendenza, su cui si soffermano i firmatari di queste lettere indirizzate a Kenneth Roth.

“Lo stretto rapporto di Hrw con il governo Usa diffonde l’apparenza di un conflitto di interessi”, notano i firmatari, con esempi a sostegno, per dimostrare che l’organizzazione è così “vicina” alla politica estera americana da essere incapace di criticarla. Ancora di più: lavora nella direzione di accompagnarlo. Da Cuba all’Ecuador, passando per la Siria, la Colombia o l’Etiopia, i rapporti e i comunicati stampa di HRW sono spesso in linea con la politica estera americana.

La diffusione di false informazioni sulla situazione dei diritti umani in Marocco, Egitto, Ruanda, RDC o Eritrea, per citare solo alcuni paesi del continente africano, rafforza l’immagine travagliata di un’associazione con manifesta parzialità le cui scelte non sono più guidate da la tutela dei diritti umani.

Su questo, la reazione di HRW all’intervento americano in Iraq è ancora oggi un vero e proprio caso da manuale, se si considera il comunicato stampa pubblicato all’epoca dall’organizzazione: “evitiamo giudizi sulla legittimità della guerra stessa perché tendono a compromettere la neutralità necessaria per monitorare nel modo più efficace la guerra condotta”. Questo comunicato stampa aveva poi creato un tale scalpore da dividere le squadre di HRW.

Tra i casi più emblematici di “profili” doppiati dall’amministrazione americana e citati nella lettera aperta dei vincitori del premio Nobel per la pace, quello di Tom Malinowski, capo del lobbying per HRW a Washington, che in precedenza era stato assistente speciale del presidente Bill Clinton.

Era anche l’autore di discorsi per Madeleine Albright, allora Segretario di Stato. Nel 2013, Malinowski si è dimesso da HRW dopo essere stato nominato Sottosegretario di Stato per la democrazia, i diritti umani e il lavoro di John Kerry. Oggi è un deputato eletto nel 2018 sotto la bandiera del Partito Democratico.

“Attualmente”, proseguono gli autori di questa lettera aperta del maggio 2014, “il Comitato consultivo di HRW-Americas è composto da Myles Frechette, ex ambasciatore degli Stati Uniti in Colombia, e Michael Stifter, ex direttore del polo dell’America Latina presso il all’interno del National Endowment for Democracy (NED), finanziato dal governo degli Stati Uniti. Più avanti nella lettera aperta: “Miguel Diaz, analista della Central Intelligence Agency (CIA) negli anni ’90, ha prestato servizio nel comitato consultivo di HRW-Americas tra il 2003 e il 2011. Oggi, Diaz è al Dipartimento di Stato”.

Un altro esempio è quello di Susan Manilow. Nella sua biografia su hrw.org, la vicepresidente del consiglio si definisce “una vecchia amica di Bill Clinton”, “molto coinvolta” nel suo partito politico e che ha “partecipato a dozzine di eventi”. .

Infine, il caso di Javier Solana, che era stato segretario generale della NATO durante l’intervento nell’ex Jugoslavia nel 1999, evento poi descritto da HRW come fonte di “violazioni del diritto umanitario internazionale”, mette in discussione il modello del “reclutamento” dell’associazione. Il diplomatico spagnolo è entrato a far parte del consiglio di amministrazione di HRW nel gennaio 2011, due anni dopo l’intervento nell’ex Jugoslavia.

Related Articles