Cooperazione: Amnesty International in crisi

La responsabile di Amnesty International in Ucraina, Oksana Pokaltchouk, ha annunciato le sue dimissioni in seguito al rapporto della Ong che accusa le forze armate ucraine di mettere in pericolo i civili, cosa che ha provocato l’ira di Kiev. “Mi dimetto da Amnesty International in Ucraina”, ha detto Oksana Pokaltchouk in una dichiarazione sulla sua pagina Facebook nella notte tra venerdì e sabato, accusando il rapporto pubblicato giovedì di aver inconsapevolmente servito la “propaganda russa”.

Un evento non di poco conto che dimostra che certa stampa internazionale può cambiare volto, anche lingua, docile a seguire in tutte le sue deviazioni la politica che serve interessi particolari. La diplomazia a cielo aperto, che gioca a carte scoperte, sta cedendo il passo a una propaganda mirata rivolta ad alcuni governi (in particolare nell’affare Pegasus). Amnesty è cattiva quando si impegna a dimostrare le carenze degli alleati occidentali, buona quando critica la politica estera e la politica interna di alcuni stati. La libertà di dire tutto non esiste più per Amnesty. I suoi resoconti sugli affari marocchini, ad esempio, sono oggetto di una specifica denuncia firmata da tutti gli pseudonimi immaginabili che denunciano abusi immaginari. La cosa più sorprendente è che Amnesty è stata criticata in seguito a questa segnalazione da parte di media appartenenti ai grandi finanzieri, ai gestori di denaro, che rifiutano che una Ong si metta a difendere la Russia.

Amnesty ha affermato venerdì che sottoscrive pienamente il rapporto che accusa l’esercito ucraino di mettere in pericolo i civili nella resistenza all’invasione russa installando infrastrutture militari nelle aree abitate. La pubblicazione del documento ha suscitato le ire di Kiev. Il presidente Volodymyr Zelensky è arrivato al punto di accusare la Ong di “tentativo di amnistia dello Stato terrorista” russo, mettendo “vittima e aggressore in un certo modo sullo stesso piano”. “Se non vivi in un Paese invaso dagli occupanti che lo stanno dividendo, probabilmente non capisci cosa significhi condannare un esercito di difensori”, ha detto la ex responsabile di Amnesty in Ucraina, che ha affermato di aver cercato di convincere la leadership di Amnesty International che il rapporto era parziale e non teneva conto delle opinioni del ministero della Difesa ucraino. Secondo Pokaltchouk, Amnesty alla fine “ha inviato una richiesta al ministero della Difesa”, ma “ha concesso pochissimo tempo per una risposta”. “Pertanto, l’organizzazione ha pubblicato inconsapevolmente un rapporto che sembrava supportare involontariamente la versione russa. Sforzandosi di proteggere i civili, questo rapporto è diventato uno strumento di propaganda russa”, ha lamentato.

In un precedente post su Facebook, Pokaltchouk ha affermato che Amnesty aveva ignorato le richieste del suo team di non pubblicare il rapporto. “Ieri ho avuto l’ingenua speranza che tutto si potesse sistemare e che questo testo venisse sostituito da un altro. Ma oggi ho capito che non sarebbe successo”, ha affermato. Venerdì, la segretaria generale dell’Ong, Agnès Callamard, ha assicurato che le conclusioni del rapporto erano “fondate su prove ottenute durante indagini su larga scala soggette agli stessi rigorosi standard e al processo di verifica di tutto il lavoro di Amnesty International”. Nel rapporto, dopo un’indagine di quattro mesi, Amnesty ha accusato l’esercito ucraino di aver stabilito basi militari in scuole e ospedali e di aver lanciato attacchi da aree popolate, una tattica che secondo l’Ong viola il diritto umanitario internazionale.

In Marocco i rapporti dell’AMDH sono incredibilmente virulenti e nessuno si offende per questi cosiddetti marocchini che stanno diventando una fonte di disinformazione per tutte le ONG internazionali offrendo loro sistematicamente false informazioni, per non dire altro. Regno a livello internazionale. L’approccio insidioso di questa quinta colonna mira a minare e rendere antiquati i sentimenti di patriottismo che animano i marocchini nei confronti delle loro sacre istituzioni. Difendere il proprio paese dai desideri perniciosi dei detrattori del Regno è diventato per questi nemici dall’interno una devianza e un’eresia. Questi autori sono maestri della denuncia, burberi e vendicativi, avvocati che, non contenti di essere a corto di argomenti, si esauriscono servendoci gli stessi piatti riscaldati, come parte di una truffa intellettuale drappeggiata nel falso moralismo. Diritti umani, Occidente, AI e HRW se ne fregano, in quanto è una leva di pressione sui regimi che rifiutano di inchinarsi quando aspirano a consolidare la propria sovranità politica, economica e culturale, optando per un più ampio multilateralismo. Robert Bernstein, fondatore di HRW, scomparso nel 2019, aveva pubblicato in una rubrica sul New York Times che rimarrà per sempre impressa negli annali della storia, in cui castigava con parole inequivocabili che vale anche ad AI, i leader di Human Rights Watch per aver fuorviato la missione primaria che aveva immaginato per l’organizzazione che ha guidato per 20 anni, definendola “moralmente fallita” (moralmente corrotta).

Related Articles