Legittimo licenziare chi approfitta del permesso per assistere familiari disabili

La fruizione del permesso per assistere persona disabile in maniera anche solo parzialmente difforme dalle finalità per cui il diritto è stato riconosciuto costituisce giusta causa di licenziamento. (altro…)

Read More

Illegittimo il licenziamento per incrementare i profitti

Il giustificato motivo oggettivo del licenziamento individuale non può consistere in una soppressione di posto o di reparto meramente strumentale all’incremento dei profitti aziendali. (altro…)

Read More

Niente licenziamento disciplinare senza elemento psicologico

La Suprema Corte, sezione lavoro, con la recentissima sentenza n. 2691 depositata in data 11 febbraio 2015, ha accolto il ricorso promosso da una società che si occupava di vendita…

Read More

L’assenza ingiustificata non equivale a dimissioni volontarie

Non è consentito alle parti contraenti introdurre un terzo genere di recesso, oltre al licenziamento ed alle dimissioni volontarie del dipendente. (altro…)

Read More

Addebito disciplinare? Basta il telegramma

E’ legittimo il licenziamento intimato a mezzo telegramma purchè i fatti contestati siano ivi sufficientemente ed adeguatamente specificati. (altro…)

Read More

Il codice disciplinare non ammette ignoranza

La Suprema Corte, sezione lavoro, con la recentissima sentenza n. 24392 depositata in data 17 novembre 2014, è nuovamente intervenuta in tema di giusta causa di licenziamento, confermando il principio…

Read More

Il ne bis in idem vale anche per la sanzione disciplinare

La condotta del lavoratore, per la quale sia intervenuta condanna penale passata in giudicato, non può essere sanzionata più di una volta. Per i medesimi fatti, ad una sanzione conservativa…

Read More

Contratto aziendale peggiorativo

La Suprema Corte, sezione lavoro, con la recentissima sentenza n. 19396 depositata in data 15 settembre 2014, è nuovamente intervenuta in materia di rapporti tra contrattazione collettiva nazionale e aziendale.…

Read More

Il demansionamento non ha scuse

La Suprema Corte, sezione lavoro, con la recente sentenza n. 16012 depositata in data 11 luglio 2014, è nuovamente intervenuta in materia di limiti allo ius variandi datoriale, chiarendo ulteriormente…

Read More

Il lavoratore che danneggia l’azienda ci rimette anche tutto lo stipendio

La Suprema Corte, sezione lavoro, con la sentenza n. 14688/2012, in ossequio all’orientamento maggioritario già espresso dalla giurisprudenza di legittimità, ha riconosciuto il diritto del datore di lavoro a compensare…

Read More