Nel formulare gli auguri agli 80 delegati eletti alla Cassa forense l’Associazione Nazionale Avvocati Italiani indica alcune questioni preliminari che dovranno impegnare il nuovo Comitato dei delegati e il nuovo Consiglio di Amministrazione.
Primo. Bisogna agire politicamente perché venga definitivamente riconosciuta la natura privata della Cassa e la sua autonomia ed indipendenza.
“Il patrimonio che si è incrementato a sette miliardi di euro – ha dichiarato il presidente Anai Maurizio De Tilla – fa gola ad una politica famelica che ha bisogno di soldi e non rispetta il risparmio dei professionisti italiani.
L’impegno in tal senso dovrà essere primario e non sono consentiti cedimenti o tentennamenti per salvaguardare il trattamento previdenziale degli avvocati”.
Secondo. La grave crisi di guadagni che attanaglia gli avvocati, derivante dalla più generale crisi economica e dall’attacco proditorio e furibondo alla funzione costituzionale e sociale dell’avvocatura, richiede un intervento consistente della Cassa di Previdenza a favore dei giovani, delle colleghe e dei percettori di redditi bassi.
“La Cassa forense, che ha nelle proprie disponibilità più di 100 milioni di euro all’anno da destinare alla solidarietà – ha continuato De Tilla – dovrà istituire con determinazione un vero e proprio “Welfare” di supporto a favore dei colleghi che si trovano in difficoltà nell’esercizio della professione forense”.
Terzo. La iscrizione obbligatoria di tutti gli iscritti agli albi alla Cassa forense – a parte la illegittimità costituzionale – potrà costituire motivo di ingiustizia sociale penalizzando i più giovani nella professione.
Per i primi tre anni – ha detto il presidente Anai – dall’applicazione della nuova norma inserita nella riforma (fortemente contestata) non dovrà essere previsto alcun contributo per i nuovi iscritti”.
Quarto. Stanno entrando nella professione numerose colleghe che si trovano in una condizione di difficoltà e di sfavore.

“La Cassa forense – ha concluso De Tilla – non può rimanere estranea a questa nuova realtà che ha bisogno di equi interventi che sono fino ad oggi mancati per riequilibrare le forti differenze nella categoria forense”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *