Il cinema di Ingmar Bergman è sempre stato caratterizzato da spietate quanto laceranti introspezioni dei rapporti personali, spesso familiari, sovente coniugali. Un’atomizzazione dei sentimenti, una scarnificazione quasi materiale dell’immateriale espressa e rappresentata in un contesto che affonda le radici nella cultura luterana del peccato, della confessione, della punizione, del perdono e della grazia, quella cultura di cui era austero esponente il pastore Erik, padre del cineasta, che ha profondamente segnato la sua educazione.

Il cinema di Bergman è però al tempo stesso molto fisico nella sua sensualità, nella sua materialità dei corpi, perfino nella sua crudezza esistenziale, nella solitudine e nel tormento spirituale. Tematiche che lo stesso Bergman sviluppa nella stesura delle sceneggiature, spesso a forte impianto teatrale, e poi esalta col suo stile cinematografico asciutto, di intensi primi piani. La parola per Bergman, artista che si è formato in teatro, è importante quanto l’immagine. Parole, frasi e a volte significati che la morale cattolica italiana non sempre ha condiviso, ma anziché prenderne le distanze sguinzagliando i suoi critici militanti e dando così voce al proprio dissenso ha preferito agire radicalmente censurando scene e sequenze, modificando frasi e situazioni appositamente tradotte per un pubblico ignaro. Nel Settimo sigillo, per esempio, la canzone medioevale intonata dallo scudiero ha questi versi: “Tra le gambe di una troia / è la vita una gran gioia. / In alto siede l’Onnipotente / così lontano che è sempre assente / mentre il Diavolo suo fratello / lo trovi anche al tuo cancello”. Nella versione italiana le strofe diventano: “E’ stanco il cavaliere / è stanco lo scudiero / ma il cavaliere è fiero / e ammetterlo non può. / Ei sogna di pranzare / bere e poi dormire / però non lo vuol dire o forse non lo può”. Ancora. La scena dello stupro de La fontana delle vergini (riproposto da monica_e_il_desiderio_01Wes Craven nel film d’esordio L’ultima casa a sinistra) è tagliata, come 25 metri di sforbiciate le ha subite pure Monica e il desiderio in tutte le scene di nudo di Harriet Andersson, la giovane protagonista, e nella sequenza in cui lei condivide il sacco a pelo col fidanzatino Harry (Lars Hekborg). Il silenzio, il film che chiude la trilogia del silenzio di Dio formata da Come in uno specchio e Luci d’inverno, subisce forse il maggior numero di interventi censori per far sì che la pellicola si presti appieno a una lettura spiritualista. Anna e Ester, le due sorelle protagoniste del film, durante un viaggio di ritorno in patria si fermano in un paese straniero sull’orlo della guerra. Il rapporto fra le due donne è conflittuale. Ester (Ingrid Thulin) è ammalata e alcolizzata, Anna (Gunnel Lindblom), che porta con sé anche il figlio adolescente, è più cinica e disinvolta. In quella terra di nessuno, dall’idioma incomprensibile, Anna si ritrova a spiare una coppia che fa l’amore e lei stessa farà poi sesso con uno sconosciuto, mentre in un’altra sequenza Ester si masturba. Tutte scene cancellate dalla censura italiana che ha provveduto anche a tradurre “anima” la parola “Hadjek” scritta da Ester in un biglietto per la sorella. Una parola misteriosa diventa così un estremo, chiaro messaggio per buona pace delle coscienze nostrane.

 

 

livI film e tre documentari
Oggi dei 42 film girati da Ingmar Bergman in mezzo secolo di attività, ne vengono riproposti 30 realizzati dalla Svensk Filmindustri e Gaumont restaurati e rimasterizzati in alta definizione con il recupero di tutti i passi censurati. Prodotta da BIM e QMedia, la Bergman Collection è distribuita da 01 distribution / Rai Cinema 01 ed è corredata da contenuti speciali inediti e da ebook storico-critici curati da Roberto Chiesi e Paola Cristalli per la Cineteca di Bologna. Completano la raccolta tre documentari, due dei quali disponibili per la prima volta in Italia. Si tratta di …But Film Is My Mistress di Stig Björkman, critico cinematografico e collaboratore di Bergman, presentato al Festival di Cannes 2010 e realizzato sotto la guida di Liv Ullmann, con le testimonianze di Woody Allen, Olivier Assayas, Bernardo Bertolucci, Tsai Ming-Liang, Arnaud Desplechin, John Sayles, Martin Scorsese e Lars von Trier. A Love Story: Liv & Ingmar del regista indiano Dheeraj Akolkar sul sodalizio artistico-sentimentale tra Bergman e Liv Ullman. E infine dello storico Dokument Fanny och Alexander, lungo backstage voluto e curato dallo stesso Bergman nel 1982 durante la lavorazione del film.

 

 

fanny_e_alFanny e Alexander
Svezia, Francia, Germania, 1982, con Erland Josephson, Pernilla Allwin, Gertil Guve, Ewa Froeling
2 disc collector’s edition, da nuovo master restaurato in alta definizione
Contenuti speciali: Dokument Fanny och Alexander un documentario di Ingmar Bergman (110 minuti)
ebook storico-critico di Fanny e Alexander a cura di Roberto Chiesi
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

Un’estate d’amore
Svezia, 1951, con Maj Britt Nilsson, Birger Malmsten, Alf Kjellin, Annalisa Ericson
Contenuti speciali: La città della nebbia un film di Ingmar Bergman
Ebook storico-critico di Una lezione d’amore a cura di Roberto Chiesi
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

Monica e il desiderio
da nuovo master restaurato in alta definizione
Svezia, 1953, con Harriet Andersson, Lars Ekborg, John Harryson, Dagmar Ebbesen
Contenuti speciali: Bergman e la censura il caso Monica e il desiderio
Ebook storico-critico di Monica e il desiderio a cura di Roberto Chiesi
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

Donne in attesa
Svezia, 1952, con Eva Dahlbeck, Anita Björk, Maj Britt Nilsson, Gunnar Björnstrand
Contenuti speciali: Eva di Gustaf Molander, da una sceneggiatura di Ingmar Bergman
Ebook storico-critico di Donne in attesa a cura di Paola Cristalli
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

Una lezione d’amore
Svezia, 1954, con Eva Dahlbeck, Gunnar Björnstrand, Yvonne Lombard, Harriet Andersson
Contenuti speciali: Ebook storico-critico di Una lezione d’amore a cura di Paola Cristalli
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

Sorrisi di una notte d’estate
da nuovo master restaurato in alta definizione
Svezia, 1955, con Eva Dahlbeck, Ulla Jacobsson, Gunnar Björnstrand, Bibi Andersson
Contenuti speciali: Sul set di Sorrisi di una notte d’estate, Bergman e la censura il caso Sorrisi di una notte d’estate
Ebook storico-critico di Sorrisi di una notte d’estate a cura di Paola Cristalli
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

fragoleIl posto delle fragole
da nuovo master restaurato in alta definizione
Svezia, 1957, con Bibi Andersson, Max von Sydow, Ingrid Thulin, Victor Sjöström
Contenuti speciali: Karin’s Face un cortometraggio di Ingmar Bergman, Sul set di Il posto delle fragole, Bergman e la censura il caso Il posto delle fragole
Ebook storico-critico di Il posto delle fragole a cura di Roberto Chiesi
Per la prima volta in Italia i sottotitoli sono stati ripristinati proponendo fedelmente i dialoghi originali nella loro versione incensurata.
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

L’occhio del diavolo
Svezia, 1959, con Bibi Andersson, Gunnar Björnstrand, Jarl Kulle, Stig Järrel
Contenuti speciali: Ritratto di un regista, Gian Luigi Rondi intervista Ingmar Bergman
Ebook storico-critico di L’occhio del diavolo a cura di Roberto Chiesi
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

Dal 27 dicembre è disponibile la seconda serie:

settimoIl settimo sigillo
da nuovo master restaurato in alta definizione
Svezia, 1957, con Bibi Andersson, Max von Sydow, Gunnar Biörnstrand, Bengt Ekerot
Contenuti speciali: Sul set di Il settimo sigillo, Bergman e la censura il caso Il settimo sigillo
Ebook storico-critico di Il settimo sigillo a cura della Cineteca di Bologna
Per la prima volta in Italia i sottotitoli sono stati ripristinati proponendo fedelmente i dialoghi originali nella loro versione incensurata Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

La fontana della vergine
da nuovo master restaurato in alta definizione –Versione incensurata disponibile per la prima volta in Italia
Svezia, 1960, con Max von Sydow, Birgitta Petterson, Gunnel Lindblom, Birgitta Valberg
Contenuti speciali: Sul set di La fontana della vergine, Bergman e la censura il caso La fontana della vergine
Ebook storico-critico di La fontana della vergine a cura della Cineteca di Bologna
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

Crisi + Tormente + Sete
2 disc collector’s edition
Contenuti speciali: Ebook storico-critico di Crisi, Tormento e Sete a cura di Roberto Chiesi
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

Come in uno specchio
Svezia, 1961, con Harriet Andersson, Max von Sydow, Gunnar Björnstrand, Lars Passgard
Contenuti speciali: Intervista a Max von Sydow; Intervista a Gunnar Björnstrand, Backstage
Ebook storico-critico di Come uno specchio a cura della Cineteca di Bologna
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

Luci d’inverno
da nuovo master restaurato in alta definizione
Svezia, 1962, con Max von Sydow, Ingrid Thulin, Gunnar Björnstrand, Gunnel Lindblom
Contenuti speciali: Sul set di Luci d’inverno, Bergman e la censura il caso Luci d’inverno
Ebook storico-critico di Luci d’inverno a cura della Cineteca di Bologna
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

il_silenzioIl silenzio
Versione incensurata disponibile per la prima volta in Italia
Svezia, 1963, con Ingrid Thulin,Gunnel Lindblom, Jorgen Lindström
Contenuti speciali: Light Keeps Me Company un documentario sul direttore della fotografia Sven Sykvist, Bergman e la censura il caso Il silenzio
Ebook storico-critico di Il Silenzio a cura della Cineteca di Bologna
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

A proposito di tutte queste signore
Svezia, 1964, con Bibi Andersson, Harriet Andersson, Eva Dahlbeck, Allan Edwall
Contenuti speciali: Casa del Cinema: Liv Ullman parla di Bergman e Fellini
Ebook storico-critico di A proposito di tutte queste signore a cura della Cineteca di Bologna
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

Il volto
Svezia, 1958, con Bibi Andersson, Max von Sydow, Ingrid Thulin, Gunnar Björnstrand
Contenuti speciali: Intervista a Max von Sydow
Ebook storico-critico di Il volto a cura della Cineteca di Bologna
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

Dal 16 gennaio 2013 è disponibile la terza serie:

Scene da un matrimonio
2 disc collector’s edition, da nuovo master restaurato in alta definizione
Svezia, 1973, con Bibi Andersson, Erland Josephson, Liv Ullmann, Jan Malmsjö, Anita
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

Persona
Svezia, 1966, con Bibi Andersson, Liv Ullmann, Gunnar Björnstrand, Margaretha Krook
Formato video: Pal 16/9 Pillarbox
Formato audio: Italiano Dolby Digital 2.0; Originale 2.0 con sottotitoli in italiano

 

Sussurri e grida
Svezia, 1962, con Harriet Andersson, Ingrid Thulin, Erland Josephson, Liv Ullmann

 

sinfoniaSinfonia d’autunno
da nuovo master restaurato in alta definizione
Svezia, 1978, con con Liv Ullmann, Ingrid Bergman, Lena Nyman, Halvar Björk

 

Dopo la prova
Svezia, 1983, con Ingrid Thulin, Erland Josephson, Lena Olin, Nadja Palmstjerna-Weiss

 

Un mondo di marionette
Svezia, 1980, con Robert Atzorn, Christine Bucjegger, Heinz Bennent, Erwin Faber

 

Il rito
Svezia, 1969, con Ingrid Thulin, Gunnar Björnstrand, Erik Hell, Andres Ek

 

…But film is my mistress
in uscita per la prima volta in Italia
un film–documentario di Stig Björkman

 

A love story: Ingmar & Liv
in uscita per la prima volta in Italia
un film-documentario di Dheeraj Akolkar

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *