BRINDISI. Una ragazza di sedici anni dilaniata dallo scoppio di un ordigno, una ridotta in fin di vita, tre ragazze con ustioni su tutto il corpo, due delle quali in gravi condizioni e una probabilmente perderà gli arti inferiori, altre cinque persone colpite in maniera meno grave: è il bilancio, orrendo, di un attentato compiuto stamane dinanzi ad una scuola brindisina, l’Istituto Professionale di Stato per i Servizi Sociali ‘Francesca Laura Morvillo Falcone’ di Brindisi, che conta 600 alunni.
Le persone in condizioni meno gravi sono tre studenti che vengono soccorsi in ospedale per forti manifestazioni da ansia e due passanti che vengono curati perché colpiti da otalgie a causa dello scoppio. Un attentato, quello di stamattina a Brindisi, diretto contro la scuola, secondo i primi accertamenti degli investigatori. Si sarebbe trattato di un ordigno confezionato artigianalmente con un innesco collegato a due bombole di gas. Le tre bombole di gas, probabilmente collocate anche ad un timer, erano state collocate su un muretto vicino ad un cancello secondario della scuola Morvillo Falcone di Brindisi. L’esplosione ha coinvolto alcune studentesse che erano appena scese da un autobus urbano e stavano raggiungendo l’edificio scolastico. Non a caso è il preside della scuola che esprime il timore e l’orrore che serpeggia nelle teste di tutti, via via che si delineano i particolari dell’attentato: ”’È stato fatto per uccidere – sostiene il professore Angelo Rampino – le ragazze entravano proprio a quell’ora. Fosse accaduto alle 7,30 non ci sarebbe stata nessuna conseguenza”. D’altro canto, ha rilevato poco dopo l’attentato il neosindaco, Mimmo Consales (in carica da una settimana), sono troppe le ”coincidenze” perché il pensiero non corra subito ad un attentato mafioso di forte valenza simbolica: è stato colpito l’istituto intitolato alla moglie di Giovanni Falcone, a pochi giorni dal ventesimo anniversario della strage di Capaci, e nel giorno dell’arrivo a Brindisi della Carovana antimafia. È stata inoltre colpita la scuola, gli studenti, i giovani, proprio i giovani che dalla Sicilia alla Calabria alla Puglia hanno costituito l’elemento più forte di rifiuto della cultura mafiosa di guerra e di morte. All’ospedale ‘Perrino’ in queste ore, un’altra sedicenne lotta contro la morte: come la sua coetanea, e forse amica, Melissa Bassi, morta nell’esplosione, è stata tra gli studenti maggiormente investiti dallo scoppio. La ragazza viene ora operata, avendo riportato gravissime ferite all’addome e ustioni su gran parte del corpo. Degli altri feriti, due soli hanno ferite di lieve entità e se la caveranno – pare – con poco. Gli altri – a quanto si apprende – avrebbero riportato ustioni almeno del 40%, e uno di loro avrebbe subito fratture e gravissimi danni agli arti inferiori. A Brindisi è arrivato il procuratore della distrettuale antimafia di Lecce, Cataldo Motta, per tenere nella Procura di Brindisi con le forze di polizia una riunione per le strategie di indagine sull’attentato. Vi parteciperà anche il vicecapo della polizia, Francesco Cirillo.


Bombole di gas e detriti
Sul luogo dell’attentato sono al lavoro i tecnici della polizia scientifica e i vigili del fuoco. L’area adiacente l’ingresso della scuola è piena di detriti mentre la zona è stata transennata per almeno 200 metri. Sul luogo dell’attentato è ben visibile la macchia nera sulla parete di recinzione della scuola, laddove dovrebbe essere l’ordigno. I detriti sono volati anche a decine di metri di distanza dal luogo dell’esplosione. Il fondo di una bombola di gas è volato a circa 50 metri di distanza sfiorando una Fiat Punto che stava transitando vicino alla scuola, mentre un pezzo di insegna di un esercizio commerciale è stato trovato a 250 metri di distanza. La gente che abita nelle vicinanze della scuola afferma di aver udito distintamente più botti in rapidissima successione.

 

Alle 18 manifestazione antimafia in città con don Ciotti
“È confermata la manifestazione di oggi alle 18 – ha detto il coordinatore nazionale della Carovana antimafia, Alessandro Cobianchi -. Confermiamo la manifestazione insieme al comune, manteniamo le iniziative delle visite ai beni confiscati, annulliamo la festa a Lecce”. Sulla matrice, tuttavia, Cobianchi mantiene cautela: “è un attentato tremendo – dice – che non può essere ridimensionato, perché ci sono le bombole di gas, c’è un detonatore ed anche se la matrice non è chiara, questo ordigno è collocato davanti a una scuola, che ha un nome simbolico, in una giornata simbolica, a ridosso di un anniversario simbolico”. Cobianchi, vicino al luogo dell’attentato alla scuola “Morvillo Falcone”, ha riferito ancora che alla manifestazione di oggi parteciperanno don Luigi Ciotti, presidente di Libera, Paolo Beni, presidente nazionale Arci e Susanna Camusso, segretario nazionale Cgil.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *