Roma. Per la serie “Discorsi sul metodo”, giovedì 21 e venerdì 22 marzo 2019 l’Istituto Centrale per l’Archeologia promuove un nuovo appuntamento dal titolo “Archeologia urbana: casi studio e prospettive future”.

Il convegno internazionale rappresenta il primo incontro della Urban Archaeology Community costituita nell’ambito della European Association of Archaeologists – EAA (urbanarchaeology.org) ed è organizzato dall’ICA in collaborazione con il Museo Nazionale Romano, Sede di Palazzo Massimo, e con il progetto EuroTeCH (European Technologies and Strategies for Cultural Heritage at risk),coordinato dall’Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara.
All’archeologia urbana è richiesta la capacità di attuare scelte complesse sul destino delle tracce materiali conservate nel sottosuolo della città, gestendo la relazione fra la città del passato e quella presente e futura, contribuendo alla costruzione della sua identità e alla consapevolezza di coloro che la abitano. A decenni di distanza dalle prime esperienze del secondo dopoguerra nel Regno Unito, che hanno portato alla dibattuta definizione della disciplina, è giunto il momento di una riflessione condotta da parte di chi opera nel campo in paesi europei e non solo: l’Italia, il Regno Unito, l’Olanda, la Moldavia, Malta, Israele.
Il convegno rappresenta una prima occasione di riflessione e confronto per individuare elementi comuni e specificità della disciplina, e accoglie la presentazione ufficiale, nell’ambito del Ministero, del Geoportale Nazionale per l’Archeologia.
Giovedì dalle 16 alle 19 i lavori si terranno nella Sala Molaioli del Complesso monumentale del San Michele; venerdì dalle 9.30 alle 19 nella Sala conferenze del Museo Nazionale Romano, sede di Palazzo Massimo.

Per saperne di più
Istituto Centrale per l’Archeologia
Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio
Via di San Michele, 22
00153 Roma
Tel. 06 – 67234704

mbac-ic-archeo@mailcert.beniculturali.it

ic-archeo@beniculturali.it

http://www.ic_archeo.beniculturali.it/

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *