“Nei mesi estivi i tempi di attesa per le visite specialistiche domiciliari sono diventati insostenibili, in particolare per gli anziani e per i pazienti affetti da patologie molto complicate”. Lo afferma Salvatore Isaia, presidente di Anaste Campania (associazione nazionale strutture per la terza età).

“Abbiamo ricevute centinaia di segnalazioni che evidenziano il disservizio da parte delle Asl territoriali e che costringe gli utenti a rivolgersi ai presidi ospedalieri, oppure a sanitari in forma privata. E’ necessario pianificare con maggiore efficacia la presenza di medici in questo periodo dell’anno – ha aggiunto Isaia – e potrebbe essere importante istituire al più presto un centro di prenotazione unico regionale per le visite specialistiche domiciliari, così come già accade in altre regioni italiane (Calabria, Liguria e Lombardia), dove si registrano risultati positivi con tempi di attesa ridottissimi”. 

“In questo modo – conclude il numero uno di Anaste Campania – si eviterebbe l’inutile disagio per i malati e un doppio risparmio: per il servizio sanitario regionale e le tasche dei cittadini campani”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *