Algeria: preoccupazione sulla situazione dei diritti umani a Tinduf

E’ forte la preoccupazione tra i responsabili delle Organizzazioni per i diritti umani in Nord Africa per le continue violazioni dei diritti umani nei campi di Tindouf, nel sud dell’Algeria, commesse dal Polisario contro i profughi che non sono mai cessate dall’installazione dei primi campi.

Il controllo sistematico esercitato dalle “forze di sicurezza del Polisario” e dall’esercito algerino su tutti gli accessi ai campi, in particolare su ONG e osservatori stranieri, fa sì che la maggioranza degli abitanti dei campi siano bambini, donne e anziani in quanto gli uomini vengono obbligatoriamente arruolati all’interno delle milizie armate.

Ciò che accade da decenni nei campi di Tindouf in termini di soprusi e repressione e atrocità contro i Saharawi implica la responsabilità diretta dell’Algeria nella sua qualità di sponsor del Polisario. Queste violazioni vanno dal fenomeno del rapimento alla deportazione dei bambini, passando per le varie ondate di repressione delle rivolte popolari nei campi e le pratiche di tortura e rapimento degli oppositori della formazione armata sahrawi.

Gli abitanti dei campi sono impegnati da giorni in una campagna di critica alla gestione definita “suicida” del Polisario. Infatti, la crisi sanitaria globale che ha portato a una diminuzione degli aiuti umanitari concessi dai soliti erogatori di aiuti e la decisione del Polisario di riprendere le armi ha ulteriormente aggravato la situazione umanitaria nei campi di Tindouf.

È così che il Direttorio del Polisario, ansioso di rafforzare il suo presunto “sforzo bellico”, ha introdotto una serie di misure drastiche: La riduzione dei cesti alimentari distribuiti alla popolazione, l’arruolamento obbligatorio degli uomini, il divieto di ogni tipo di commercio, l’imposizione di tasse sulla fornitura di energia elettrica e la sottomissione dei profughi con fantasiose multe.

Le violazioni dei diritti umani nei campi di Tindouf riguardano anche i bambini, sfollati a Cuba, con l’obiettivo di indottrinarli ideologicamente, sottoporli ad addestramento militare e sfruttarli privandoli di ogni contatto con le loro famiglie. Queste violazioni dei diritti dei bambini sono compiute con indifferenza da parte di alcune organizzazioni interessate ai diritti umani.

L’ONG francese “Alleanza internazionale per la difesa dei diritti e delle libertà (AIDL)” ha pubblicato il 04.01.2021 una dichiarazione in cui condanna il reclutamento di bambini soldato da parte del fronte del Polisario. Allo stesso modo, diversi media locali e stranieri si sono recentemente occupati di questa vicenda, denunciando le pratiche del Polisario contro i bambini reclutati con la forza nelle file delle sue milizie.

L’ONG “Commissione Indipendente per i Diritti Umani” e l’ONG mauritana con status ECOSOC “Rete per l’Unità e lo Sviluppo Umano”, con “il Relatore Speciale sulle esecuzioni extragiudiziali, sommarie o arbitrarie”, nonché il Relatore sui diritti umani dei migranti e il 7 gennaio 2021 il relatore speciale sulla tortura e altri trattamenti o punizioni crudeli, disumani o degradanti ha inviato una comunicazione urgente all’indirizzo del governo algerino, resa pubblica dall’OHCHR il 7 marzo 2021. I Relatori Speciali sequestrati hanno rilasciato le seguenti dichiarazioni:

“Queste violazioni sembrano rientrare in una tendenza più generale di violazioni sistematiche che sarebbero state commesse dalle forze di sicurezza algerine contro i profughi sahrawi…”.

“Nei campi di Tindouf sono state intensificate le attività di repressione e le pratiche discriminatorie nei confronti dei rifugiati durante lo stato di emergenza legato alla pandemia di COVID-19”.

Questi atti di violazione possono essere classificati tra gli atti di detenzione arbitraria e molestie degli oppositori, come il caso dei 03 blogger sahrawi e quello di Mustapha Salma Ould Sidi Mouloud, a cui il Polisario ha vietato di entrare nei campi di Tindouf, di raggiungere la sua famiglia, attesta la palese mancanza di rispetto per le libertà e il diritto di espressione. Poi quelli di sparizione forzata come il caso di Ahmed Khalil detto “Carlos”, ex capo del Polisario responsabile delle risorse umane. Un altro esempio delle gravi violazioni dei Diritti Umani da parte del “Polisario” è quello della scomparsa forzata dell’ex dirigente Sidi Ahmed El Khalil, il cui caso è stato citato al paragrafo 8 della relazione del Segretario Generale dell’ONU sulla Sahara (S / 2019/282).
Un’altra categorie di violazioni riguardano i casi di tortura, stupro e detenzione forzata come il caso della denuncia presentata in Spagna dall’Associazione Saharawi per la Difesa dei Diritti Umani (ASADEDH): La denuncia di ASADEDH è stata ammessa dal giudice dell’Udienza Nazionale, José de la Mata nel 2007, per fatti che risalgono a più di trentacinque anni, accusando così Brahim Ghali e altri dirigenti di aver condotto una campagna per eliminare le élite sahrawi al fine di avere il controllo totale sui campi di Tindouf. Poi c’è il caso di Khadijatou Mohamed Mahmoud, volontaria nei campi di Tindouf, vittima, nel 2010, di un atto di stupro e di un tentativo di stupro da parte di diversi funzionari locali.

Related Articles