Algeria: esercito attacca civili sahrawi a Tinduf

Si conta un morto e un ferito grave

L’esercito algerino ha attaccato un gruppo di civili sahrawi nei campi di Tindouf provocando un morto e un ferito grave.

Secondo quanto riferisce l’emittente televisiva “Med1”, le forze dell’esercito algerino hanno attaccato due civili sahrawi disarmati dai campi di Tindouf nella notte di sabato 20 novembre, provocando un morto e un ferito.

Le vittime sono Lakbir Ould Sid Ahmed Ould El Markhi e Mohammed Fadel Ould Ould Chghibine. Il primo è morto mentre il secondo è rimasto gravemente ferito.

La sparatoria è avvenuta a cinque chilometri a ovest dei campi di Tindouf, mentre le vittime si trovavano a bordo di un veicolo fuoristrada. Una Jeep dell’Esercito Popolare Nazionale Algerino (ANP) ha sparato al loro veicolo a un posto di blocco, senza alcun preavviso. Questo nuovo crimine dell’esercito algerino si aggiunge alle numerose violazioni commesse dall’ANP contro i profughi di Tindouf. Negli ultimi 5 anni, non meno di venti vittime Saharawi sono state uccise dall’ANP.

I due sahrawi presi di mira provengono entrambi dalla tribù Sellam – Rguibat. Secondo le ultime notizie, i membri della famiglia di Lakbir Ould Mohamed Ould sid Ahmed Ould El Markhi si rifiutano di recuperare la salma del loro caro che si trova in un deposito che funge da obitorio nel cosiddetto ospedale cittadino di Tindouf.

Related Articles