2 novembre
In onda la finale di Tale e quale show, il programma in cui personaggi famosi devono vestirsi in maniera simile a un cantante re-interpretandone un brano. Un po’ come fa Ligabue con Bruce Springsteen. Tra i giurati della trasmissione c’è ancora Claudio Lippi, che era prossimo alla pensione prima di diventare un esodato per colpa della Fornero. Tra i concorrenti, invece, Paolo Conticini, il divertente attore che compare sempre nei film di Christian De Sica. No, non Boldi, ho detto divertente.

3 novembre
Stabilita la programmazione delle reti Rai per la notte di Natale. Su Raiuno, in diretta da Roma, sarà trasmesso uno straordinario flash mob con migliaia di persone coinvolte: la Messa da San Pietro. Su Raidue spazio ai film La vita è una cosa meravigliosa, La vita è meravigliosa, La vita è bella, La vita è così così, La vita è appena sufficiente. Su Raitre, invece, andrà in onda l’ultimo cinepanettone dei Vanzina, Natale a casa: ormai a corto di idee, Massimo Boldi e Christian De Sica si rinchiudono in un ospizio a guardare il Canto di Natale di Topolino. Ma trovano comunque il modo di deliziarci con due o tre scorregge.

4 novembre
E’ il giorno del ritorno di Barbara D’Urso su Canale 5 anche di domenica. A Domenica Live, la D’Urso invita Vittorio Sgarbi, Flavia Vento, Serena Garitta e il papà di Sarah Scazzi, rendendo superfluo qualsiasi intento satirico di questa rubrica.

5 novembre
Antonella Clerici viene colpita da una colica durante La prova del cuoco. Così ora sa quel che provano i suoi telespettatori.

6 novembre
Entusiasmo tra gli addetti ai lavori per l’intervista rilasciata da Nicole Minetti a Simona Ventura a Cielo che gol!. “Disapprovo l’80 % delle cose che fai, ma mi incuriosisci e voglio capire chi sei”, dice la Minetti alla conduttrice. Il confronto tra le due, tuttavia, si rivela impietoso: da una parte una donna laureata, con un’esperienza politica alle spalle e un’ottima padronanza delle lingue; dall’altra, una donna rifatta, ex compagna di un calciatore, e con un inglese pessimo.

7 novembre
Prosegue l’ostracismo di Beppe Grillo nei confronti della televisione. Andrea Riva, per esempio, consigliere comunale del MoVimento Cinque Stelle a Cesano Maderno*, è stato espulso dal partito perché diciassette anni fa, quando era in terza elementare, ha partecipato a una puntata di Solletico con i suoi compagni di classe.
Andrea Riboldi, invece, è stato cacciato dal meet up di Fara in Sabina perché una volta nel 1999 è finito per sbaglio in un’inquadratura del programma Linea Verde. E per di più stava guidando una macchina a benzina con la carrozzeria in acciaio invece che a idrogeno con la carrozzeria in canapa.
Escluso anche Gianni Cavalli, colpevole di essere comparso in un filmino della sua cresima. Secondo Beppe Grillo, “i filmini della cresima ti uccidono, digli di smettere. E’ l’atteso quarto d’ora di celebrità di Andy Warhol: i parenti applaudono commossi nel condividere l’emozione di un’effimera celebrità, beati della tua raggiunta visibilità”.
Il prossimo candidato all’esclusione dal movimento, nella black list di Casaleggio, è un certo B.G., che pare aver ottenuto un certo successo sul piccolo schermo negli anni Ottanta.

8 novembre
Torna, a grande richiesta, Campioni – Il sogno. Quest’anno Ciccio Graziani è alla guida del Barcellona: il vulcanico allenatore dovrà impegnarsi a fondo per vincere il campionato, conquistare la Champions League e evitare che Daniele Bossari torni a condurre il programma. I catalani hanno iniziato benissimo la stagione, anche grazie alle magie di Gullo, che ha preso il posto di Leo Messi, e alla bravura di Diego Armando Maradona junior, acclamato e invocato ogni domenica dagli 80mila del Camp Nou: le patatine che vende sugli spalti sono davvero buone.

* Cesano Maderno: città attualmente in provincia di Monza e Brianza, già in provincia di Milano, prossimamente in provincia di Milano dopo aver rischiato di andare in provincia di Como e in provincia di Varese – ché si sa, questo governo è impegnato a snellire la burocrazia.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *