Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Dai più alti vigneti d’Europa

Il Prié Blanc della Valle d’Aosta

12 Luglio 2013 di  Valentina Vercelli

Il vino di montagna per antonomasia cresce fino a 1.200 metri di altitudine, a pochi chilometri da Courmayeur.

Il Prié Blanc della Valle d’Aosta
Il Prié Blanc, vitigno che dà origine al rinomato Blanc de Morgex et de La Salle, entuasiasma gli appassionati di vino per le sue incredibili caratteristiche: è diffuso infatti solo in Valdigne, sulla sinistra orografica della Dora Baltica, ad altitudini che raggiungono i 1.000-1.200 metri di quota, dando così vita alle vigne più alte dell’intera Europa.

Inoltre, la sua resistenza al freddo lo ha reso immune agli attacchi di fillossera, che hanno devastato i vigneti di tutto il continente a inizio Novecento, e così le viti sono a piede franco, una vera rarità.
Le origini del vitigno sono controverse; per alcuni è un vitigno autoctono valdostano, conosciuto già nell’VIII secolo d.C., per altri invece sarebbe stato importato nella regione dai Vallesi, nella prima metà del Seicento.
Intorno agli anni Settanta del Novecento i produttori di Prié Blanc hanno cominciato a unirsi e confrontarsi, fino a dare origine nel 1983 alla Cooperativa du Vin Blanc –a tutt’oggi l’azienda-faro della varietà– e ad ottenere la Doc nel 1986.

La pianta, di solito allevata a pergola bassa per riparare i frutti dal vento e per sfruttare il calore che sale di notte dal terreno, ha un ciclo vegetativo estremamente breve: germoglia all’inizio della primavera e i grappoli sono maturi a inizio settembre; in questo modo riesce a sfuggire a brinate e gelate, che a quelle altitudine sono frequenti anche in aprile e maggio, e alle prime nevicate che si possono presentare a fine settembre, inizio ottobre.
La varietà ha foglia medio-piccola, trilobata o pentalobata; i grappoli hanno grandezza media, forma conica o cilindrica, con acini medi, rotondi, con buccia sottile e poco pruinosa.

Il Blanc de Morgex et de La Salle ha colore giallo paglierino tenue, con riflessi verdolini, un profumo fine di frutti ed erbe di montagna e un sapore delicato e fresco grazie alla spiccata acidità. Molto indicato come vino da aperitivo, va bevuto giovane e sempre ben fresco; a tavola si sposa assai bene con antipasti delicati, pesce, carni bianche e fontina.

I produttori consigliati
Cave du Vin Blanc de Morgex et de La Salle
Vallée d’Aoste Blanc de Morgex et de La Salle Dop, 100% Prié Blanc, venduto in loco a 7,60 euro.
Rayon Vallée d’Aoste Blanc de Morgex et de La Salle Dop, 100% Prié Blanc, venduto in loco a 8,90 euro.
Piagne Vallée d’Aoste Blanc de Morgex et de La Salle Dop, 100% Prié Blanc, venduto in loco a 10 euro.
Su prenotazione è possibile effettuare visite e degustazioni in cantina.
Località La Ruine, Chemin des Iles 19, Morgex (AO), tel. 0165.800331, www.caveduvinblanc.com

Ermes Pavese
Vallée d’Aoste Blanc de Morgex et de La Salle Dop, 100% Prié Blanc, venduto in loco a 8,50 euro.
Nathan Vallée d’Aoste Blanc de Morgex et de La Salle Dop, 100% Prié Blanc, venduto in loco a 13,50 euro.
Su prenotazione è possibile effettuare visite e degustazioni in cantina.
Strada Pineta 26, Morgex (AO), tel. 0165.800053, cell. 347.4409153, www.pavese.vievini.it

Maison Vevey Albert
Vallée d’Aoste Blanc de Morgex et de La Salle Dop, 100% Prié Blanc, venduto in loco a 9 euro.
Fraz. Villair 67, Morgex (AO), cell. 347.4351738, 347.1098243.
Valentina Vercelli
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Valentina Vercelli
Valentina Vercelli
Informazioni sull'autore

Milanese, 37 anni, dopo il liceo classico e una laurea in lettere moderne con indirizzo comunicazione, si è chiesta che cosa le sarebbe piaciuto fare nella vita. E si è risposta: “scrivere e viaggiare”. Le sono sembrate due attività ben poco remunerative e, quindi, ci ha bevuto su per dimenticare. Così si è appassionata anche di vino.

Fortunatamente, nonostante le premesse, tutto è andato quasi per il meglio: è diventata giornalista professionista, ha lavorato nelle redazioni delle più importanti testate di turismo e continua a interessarsi di vitigni poco conosciuti e viticoltori eroici. Ma nella prossima vita ha già deciso che farà il cardiochirurgo a Berlino.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni