Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Il Fiano di Avellino

11 Maggio 2012 di  Valentina Vercelli

Il vitigno bandiera dell’Irpinia, dà vita a uno dei migliori vini bianchi del Sud Italia. Elegante, complesso e adatto all’invecchiamento, il Fiano si beve con il pesce e con la mozzarella di bufala.

Il Fiano di Avellino
Celebre vino campano, prodotto in 26 comuni dell’Irpinia, tutti in provincia di Avellino, in una zona di quasi 300 kmq che arriva ai confini della provincia beneventana, il Fiano è un grande bianco, tutelato con la Doc a partire dal 1978 e con la Docg dal 2003.

La Docg può essere accompagnata in etichetta dalla menzione tradizionale di origine classica Apianum, che richiama il nome originario del vitigno. Furono, infatti, i greci a introdurre in Italia la Vitis Apicia o Apina e a piantarla nel comune che da essa prende nome, Lapio, tutt’oggi una delle zone a maggiore vocazione. L’appellattivo, citato anche da Columella e Plinio, è da riferirsi al dolce profumo dell’uva, capace di richiamare sciami di api; nel corso dei secoli, il termine Apina, divenne Apiana, poi Afiano, fino all’odierno Fiano.
Storicamente era un vino dolce e leggermente frizzante, già molto apprezzato a partire dal Medioevo, tanto che sono stati ritrovati nei registri ufficiali ordini di Fiano da parte di Federico II di Svevia e di viti da Carlo d’Angiò, che lo volle piantare nella propria vigna reale. Nel XIX secolo la produzione vinicola irpina, complessivamente superiore a un milione di ettolitri, era tanto importante da dettare la costruzione della prima strada ferrata locale, subito ribattezzata “ferrovia del vino”, che facilitò moltissimo l’esportazione verso i mercati italiani ed europei.
A consacrare definitivamente il Fiano e la viticoltura irpina in generale, fu l’istituzione della Regia Scuola di Viticoltura ed Enologia di Avellino, istituita da Francesco De Sanctis nel 1879.
L’invasione della fillossera ridusse, poi, drasticamente gli ettari coltivati a Fiano, tanto che si arrivò a 55 ettari, contro i 560 attuali.
Oggi, le caratteristiche del Fiano sono molto cambiate rispetto al Medioevo: è un vino bianco secco, profumato, elegante e strutturato, con un’ottima finezza e acidità, adatto all’invecchiamento. Oltre al Fiano, che deve essere impiegato per almeno l’85%, altri vitigni permessi dal disciplinare di produzione sono il Greco, la Coda di Volpe, entrambi autoctoni campani, e il Trebbiano toscano; per fregarsi della Docg deve avere un grado alcolico di almeno 11,5° e un’acidità minima di 5g/l. Il colore è giallo paglierino, più o meno intenso, a seconda del grado di affinamento, al naso presenta note agrumate e di frutta secca, macchia mediterranea, fiori ed erbe secche; al gusto è complesso, fine, elegante ed equilibrato, con un lungo finale caratteristico del vitigno, che ricorda la nocciola tostata.
Perfetto come aperitivo, a tavola si accompagna a piatti di pesce, come la zuppa di scoglio, i crostacei crudi o bolliti, il salmone alla piastra e il polipo in umido; da provare anche con un’insalata di porcini e ovuli crudi con scaglie di Parmigiano e con la mozzarella di bufala.
 
 
I produttori consigliati
Azienda Agricola Quintodecimo
Fiano di Avellino Docg Exultet, Fiano 100%, venduto in loco a 28 euro.
Visite guidate in cantina e degustazioni su prenotazione.
Via San Leonardo, Mirabella Eclano (AV), tel. 0825.449321, www.quintodecimovini.it/vini.swf
 
Guido Marsella
Fiano di Avellino Docg, Fiano 100%, venduto in loco a circa 18 euro.
Visite guidate in cantina e degustazioni su prenotazione. Si può pernottare all’agriturismo dell’azienda vinicola, posta a 800 m di altitudine: camera doppia sui 50 euro.
Via Marroni 1, Summonte (AV), tel. 0825.491005, 348.4777019, www.guidomarsella.com
 
Colli di Lapio Azienda Vitivinicola Romano Clelia
Fiano di Avellino Docg, Fiano 100%, venduto in loco a 12 euro.
Visite guidate in cantina e degustazioni su prenotazione.
C.da Arianello, Lapio (AV), tel. 0825.982184 – 982191, www.collidilapio.it
 
Villa Raiano
Fiano di Avellino Alimata, Fiano 100%, venduto in loco a 15 euro.
Visite guidate in cantina e degustazioni su prenotazione.
Via Bosco Satrano 1, loc. Cerreto, San Michele di Serino (AV), tel. 0825.595550, www.villaraiano.com
 
Valentina Vercelli
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Valentina Vercelli
Valentina Vercelli
Informazioni sull'autore

Milanese, 37 anni, dopo il liceo classico e una laurea in lettere moderne con indirizzo comunicazione, si è chiesta che cosa le sarebbe piaciuto fare nella vita. E si è risposta: “scrivere e viaggiare”. Le sono sembrate due attività ben poco remunerative e, quindi, ci ha bevuto su per dimenticare. Così si è appassionata anche di vino.

Fortunatamente, nonostante le premesse, tutto è andato quasi per il meglio: è diventata giornalista professionista, ha lavorato nelle redazioni delle più importanti testate di turismo e continua a interessarsi di vitigni poco conosciuti e viticoltori eroici. Ma nella prossima vita ha già deciso che farà il cardiochirurgo a Berlino.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni