Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

L’Europa ha il pil sullo stomaco

Finalmente legalizzate tutte le mafie!

26 Settembre 2014 di 

La trattativa ormai è superata e conclusa. Lo Stato è diventato Mafia.

Finalmente legalizzate tutte le mafie!
E’ delle ultime ore la notizia che i giudici hanno disposto l’ascolto, come testimone, del Presidente Napolitano, nell’ambito del processo sulla presunta trattativa Stato-Mafia. Re Giorgio ha subito dichiarato di non aver nulla da dire. E per una volta ha ragione! Si tratta di fatti vecchi, che risalgono a oltre dieci anni fa. La trattativa ormai è superata e conclusa.

Lo Stato è diventato Mafia. Qualcuno obietterà che lo è sempre stato, il che può anche essere giusto, ma si trattava di collusioni, di infiltrazioni nel Governo e nelle Istituzioni. Cose da poco. Ora, finalmente, Stato e Mafia sono un’unica cosa. E non è nemmeno merito nostro. I Dell’Utri e i Cosentino non c’entrano. Ce lo ha chiesto l’Europa. E noi abbiamo prontamente acconsentito. Quando? Semplice. Quando si è disposto, per truccare i conti degli Stati membri, di inserire nel PIL anche il volume d’affari derivante dal traffico della droga, dalla prostituzione e dal contrabbando. Imprese assai fiorenti, tutte gestite dalle mafie. E questo artificio contabile ci salva dalla bancarotta, dall’aumento del deficit, dallo spread e dallo sforamento del 3% sempre imposto dall’Europa. Dopo aver favorito lo sbarco degli Alleati per liberarci dal nazifascismo, ancora una volta è Cosa Nostra a salvare questo Paese. Altro che Berlusconi o De Magistris condannati ingiustamente. L’unico grande vero martire, ancora detenuto in carcere, è Totò Riina. L’uomo, assai lungimirante, costretto ad uccidere Falcone e Borsellino, i magistrati nemici dell’Italia, che non avevano capito quanto fosse importante, buona e giusta l’attività illegale.

Pensate, se fossero stati ancora vivi, quanti disoccupati in più, quante banche fallite, quante imprese chiuse avremmo avuto. Per fortuna ci ha pensato il buon Riina a far marciare le cose, a difendere il nostro sacro PIL. Per riparare al malfatto, al buon Napolitano, non resta che una via d’uscita: concedergli la Grazia e subito dopo dimettersi. Ma non per la vergogna, bensì per consentire al Parlamento di eleggere Riina Presidente della Repubblica, come congruo, sebbene tardivo, risarcimento dell’ingiusta carcerazione subita e degli indubbi meriti acquisiti nei confronti del Paese. W la mafia! W l’Italia! W l’Europa!
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Informazioni sull'autore
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Video correlati

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni