Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Ingroia e il diritto d’autore

Speciale erezioni

18 Gennaio 2013 di 

Breve saggio sull’orgasmo elettorale maschile.

Speciale erezioni
Nessun refuso, nessun redattore confuso, ma solo il corretto uso, del vocabolo attualmente più diffuso e affatto in disuso, con il quale si intende indicare, il pene maschile quando lo si vede alzare.

Ciò che provoca l’erezione, di solito è la sessuale eccitazione, ma nel maschio italico può anche esser l’elezione. La vista di una poltrona può più di una donna prona, la conquista di uno scranno, arrapa più del femminile affanno, diventare Presidente del Consiglio, rende più voraci di un coniglio, al Parlamento un homerposticino, piace assai più di un pompino. Comjeege spiegare ad esempio la foia, dell’ex giudice ANTONIO INGROIA? Da magistrato dallo Stato è stato abbandonato, dal ricorso di NAPOLITANO delegittimato e la sentenza della Consulta adesso lo insulta. Se fosse rimasto PIEMME, magari lemme lemme, su questa mestizia, avrebbe fatto giustizia. Per noi cittadini modesti, ma pur sempre onesti, avrebbe portato in tribunale, quella trattativa speciale, che al Paese ha fatto tanto male e a trattar con la Mafia avremmo saputo chi è stato, dall’interno del corpo dello Stato.

E invece INGROIA l’infoiato, non solo s’è candidato, ma addirittura un partito ha fondato, perché come deputato, dice che meglio la mafia avrebbe affrontato. Gli consigliamo un film: “Il Candidato”*, dove un valente avvocato, una volta che in Senato viene mandato, anziché sconfiggere la corruzione, cade più volte in tentazione. Perché questo è il rischio dell’erezione, ottenuta tramite l’elezione! E infatti il primo passo della sua RIVOLUZIONE CIVILE è un atto assai incivile. nonna_paperaINGROIA uomo di diritto s’è messo a fare il dritto, violando quello d’autore di diritto e nel primo manifesto elettorale, ha messo un DYLAN DOG tale e quale, spacciando il poveretto, per un lavoratore a progetto, tntfacendogli annunciare, che quel partito sarebbe andato a votare. Quelli che alla BONELLI occupano le alte stanze, hanno giustamente preso le distanze, perché per usare un loro personaggio, almeno di chieder l’autorizzazione bisogna avere il coraggio e qui certo non si può parlar di omaggio. Ma INGROIA caro, tu che della legalità eri esempio raro, nemmeno sei sceso in politica e già rispettar la legge ti costa fatica? Forse è per questo, che sei stato così lesto, a scegliere dell’INCUBO L’INDAGATORE, hai avuto un sogno premonitore, dove c’era un tuo elettore, magari uno di quelli che alla MAFIA pagano la tangente, uno di cui a nessuno frega niente, uno che sperava nella magistratura e che invece avrà l’ennesima fregatura. Ripensaci INGROIA, frena la tua foia! Usa il buon senso e pensa al doppio senso di “penale azione” : ci vuol sempre un’erezione, ma dà più soddisfazione!

*IL CANDIDATO (1972) Regia di Michael Ritchie con Robert Redford
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Informazioni sull'autore
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Video correlati

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni