Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Dialogo immaginario di Totonno ‘u curtu

Il ritorno dei corti viventi

14 Dicembre 2012 di 

Sono tornati… Sono affamati… E non sono vegetariani!

Il ritorno dei corti viventi
“Chisti hanno scassato a‘ michia!” – disse TOTONNO ‘U CURTU a suo figlio TOTINO ‘U CURTU. “E chi sarebbero chisti?” – Chiese Totino ‘u Curtu a suo padre Totonno ‘u Curtu. “Chisti!” – Rispose laconico Totonno ‘u Curtu a suo figlio Totino ‘u Curtu, indicando il giornale, quello con la g minuscola, inteso come quotidiano.

E sul Giornale, quello con la G maiuscola, non inteso come quotidiano ma come house horgan aziendale, c’era scritto che BERLUSCONI stava per ridiscendere in campo. “Ma patri, a te non piaceva il cavaliere, non me lo facisti votari alle ultime elezioni?” – Chiese Totino ‘u Curtu a suo padre Totonno ‘u Curtu. “A schifìo, finì!” Sentenziò Totonno ‘u Curtu e prima che suo figlio Totino ‘u Curtu potesse replicare, proseguì: “ Tu sei ancora ‘nu caruso, figghio mio e certe cose non le puoi sapere. All’inizio degli anni ’90 la DEMOCRAZIA CRISTIANA non ci dava più garanzie. Facimmo qualche ammazzatina, tipo SALVO LIMA, ma chelli nente. E allora c’accordammo. Voi ci date qualche giudice, vi levate dalle palle e noi vi risparmiamo la vita. Accettarono. La sentisti la vedova di quel fetuso del giudice BORSELLINO? “Il giorno prima di essere ammazzato, mio marito andò a Roma, da NICOLA MANCINO. Quando tornò disse di aver sentito aria di morte.” E difatti il giorno dopo morette! Avevano rispettato l’accordo, figghio mio. E si levarono pure dalle palle. A noi ci bisognava un nuovo partito. C’era quel signore di Milano, BERLUSCONI, amico degli amici degli amici e lo mettemmo in sella. All’inizio le cose bene, andarono. Ma poi, un po’ per le bottane, un po’ perché s’era fatto viecchio, fice ‘nu casino! E mo’ c’ha scassato ‘a minchia!” Concluse Totonno ‘u Curtu.

“L’ammo a accirere?” Chiese suo figlio Totino ‘u Curtu. “Inutile, sarebbe. S’è già acciso da solo! Ormai la gente, come lo vede si tocca! Tene ‘u malocchio. E insieme a lui lo tengono pure gli altri. E poi so’ scimuniti. Pensa a BRUNETTA, ha detto che non ha i piccioli per pagare l’IMU e che se li deve far prestare da una banca. Ma chi gli crede più. “Allora alle prossime elezioni dobbiamo votari a BERSANI, a GRILLO?” Chiese Totino ‘u Curtu a suo padre Totonno ‘u Curtu. “Ma quando mai?!” Replicò Totonno ‘u Curtu a suo figlio Totino ‘u Curtu. “Basta coi partiti! Basta delegare! E ‘affanculo pure i TECNICI! Da domani governiamo noi direttamente, di persona medesimi, perché siamo tutti Curti, ma quelli che hanno il cuore più vicino al buco del culo, siamo noi!” E detto questo, Totonno ‘u Curto diede un violento manrovescio a suo figlio Totino ‘u Curtu, per rafforzare il concetto!
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Informazioni sull'autore
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Video correlati

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni