Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Da Sion al Quirinale

I protocolli dei savi di Napolitano

04 Aprile 2013 di 

In esclusiva i primi dieci punti dei dieci saggi.

I protocolli dei savi di Napolitano
Al contrario dei Protocolli dei Savi di Sion, inventati in Russia all’inizio del XX secolo, dalla polizia segreta zarista e ripresi dalla propaganda antisemita nazista, le indicazioni delle commissioni nominate dal Presidente della Repubblica, di seguito pubblicate, sono assolutamente autentiche.
Al fine di scongiurare una sicura decadenza del Mondo è necessario evitare di:

1) Garantire la piena libertà sessuale delle ragazze e alzare l’età minima per il matrimonio;
2) Fornire mezzi contraccettivi alle adolescenti e legalizzare l’aborto;
3) Garantire diritti eguali alle mogli e alle compagne di relazioni adulterine e ai figli nati da questi rapporti;
4) Garantire diritti eguali agli omosessuali, fornire protezione sociale alle prostitute;
5) Garantire alle donne il diritto di denunciare il proprio marito per aggressione sessuale, prevedendo pene eguali a quelle previste per lo stupro di uno/a sconosciuto/a;
6) Garantire un eguale diritto all’eredità a donne e uomini;
7) Rimpiazzare il concetto di custodia della donna con quello di partnership;
8) Garantire l’uguaglianza dei diritti matrimoniali;
9) Togliere l’autorità sul divorzio agli uomini e renderla di competenza di un giudice;
10) Rimuovere la necessità di un’autorizzazione del marito per viaggiare, lavorare o utilizzare contraccettivi.

Vabbè, lo confessiamo, gli autori di questo decalogo non sono i “Saggi” di Napolitano, ma i “Fratelli Musulmani”, che tutti ci immaginiamo come un gruppo di maschi anziani dalla mentalità tradizionalista e un po’ ristretta. Esattamente come ci immaginiamo siano i “Fratelli Napolitani”.Ma benedett’uomo, siamo tutti concordi che essere donna o giovane, di per sé non sia un valore, ma nemmeno vecchi e rincoglioniti lo è! Intanto, dati alla mano, il “femminicidio” nel nostro Paese è in costante aumento. In Italia, le donne le estromettiamo dai ruoli di potere, le sfruttiamo e se ci rompono i coglioni le ammazziamo. Siamo Occidentali e Cristiani, noi… Mica musulmani! E a proposito di Musulmani, la marocchina Ruby, piange davanti al Tribunale di Milano e dice di essere stata violentata da giudici e giornalisti e di non aver avuto rapporti sessuali con Berlusconi. La tunisina Amina Tyler, ispirandosi a “femen” posta una fotografia del suo corpo nudo su Internet e sulla propria pelle scrive: “il mio corpo è solo mio e non è la fonte dell’onore di nessuno”. Ora pare l’abbiano rinchiusa in una clinica psichiatrica e riempita di antidepressivi. Ruby e Amina, due ragazze, due vittime, due violenze. I colpevoli sempre gli stessi: maschi anziani animati dal potere dell’impotenza.
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Informazioni sull'autore
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Video correlati

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni