Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Mose e la spartizione delle tangenti

Ma cos’è questa crisi?

07 Giugno 2014 di 

Berlusconi è un poveretto rincoglionito che gira aggrappato a dei foglietti, Renzi sta immobile. Ma allora di chi è la colpa se siamo gli unici che non riescono a uscire dalla crisi?

Ma cos’è questa crisi?
Mosè stese la sua mano sul mare; e l’Eterno fece ritirare il mare mediante un gagliardo vento orientale durato tutta la notte, e ridusse il mare in terra asciutta; e le acque si divisero. (Esodo 14:21). Ne è passato di tempo dall’episodio narrato nella Bibbia. Oggi Mosè ha perso l’accento e pure la voglia.

Al suo posto sindaci, ministri, imprenditori e compagnia rubando, hanno steso la loro mano sul mare e in Eterno ritirano e fanno ritirare tangenti da gagliardi faccendieri tutt’altro che orientali, rischiando di ridurre il mare in terra asciutta e Venezia in un cumulo di macerie. Ma il problema và ben oltre la Laguna. Abbiamo votato a pochi giorni dallo scandalo dell’expò milanese e stiamo valutando i risultati delle elezioni, mentre il Sindaco di Venezia e un’altra trentina di notabili vengono arrestati per corruzione. Nel frattempo il PIL del Sud è sceso di 4 punti in più rispetto allo scorso anno e la disoccupazione giovanile è arrivata al 46%. In controtendenza rispetto al resto d’Europa, tutta in crescita e soprattutto agli Stati Uniti dove la disoccupazione è tornata ai livelli pre-crisi. Dispiace doverlo ammettere ma quello indicato negli ultimi anni come il “male assoluto”, ovvero Berlusconi, stavolta non ha colpe. Ormai è un poveretto che gira aggrappato a dei foglietti su cui qualcuno deve aver scritto quali medicine deve prendere e a che ora. E neppure il Renzi trionfante ha responsabilità. E’ al Governo da poco. A parte la mancetta elettorale di 80 euro, non ha fatto altro il che, stando alla tradizione democristiana, è un bene. Se stai immobile, almeno non farai danni. E Renzi, promesse, slide e twitter a parte, immobile sta. E responsabilità non si possono addossare neppure al M5S che sta all’opposizione. Ma allora di chi è la colpa se siamo gli unici che non riescono a uscire dalla crisi?

Probabilmente del milione e 200mila elettori che, alle ultime europee hanno dato il loro voto a 27 condannati sparsi nei vari schieramenti. Il P2D (partito dei delinquenti) ha preso più della lista Tsipras. Mettiamoci poi quelli che hanno votato PD, NCD e FI aspettandosi piccoli favori o grandi appalti e il “mistero” è risolto. Non a caso l’Italia è al primo posto quanto a corruzione e all’ultimo per detenuti condannati per quel reato. Se si aggiunge l’enorme evasione fiscale il gioco è fatto. Ecco perché nessun Premier può andare dalla Merkel e sbattere i pugni sul tavolo. Perché la Cancelliera tedesca, fresca della sua visita a Napoli, parafrasando Totò, gli direbbe: “ma mi faccia il piacere!”
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Informazioni sull'autore
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Video correlati
Rodolfo De Angelis, Ma cos'è questa crisi, 1933

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni