Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Alemanno ce l’ha piccolo!

10 Agosto 2012 di 

Un romano vero, Pasquino, altro che ‘sto sindaco burino, che quando Roma da Hitler venne visitata, scrisse: “povera Roma mia de travertino, t’hanno vestita tutta de cartone, pe’ fatte arimirà da ‘n’imbianchino!”

Alemanno ce l’ha piccolo!
Del Sindaco di Roma, quello con la faccia da coma, non conosciamo le dimensioni del pene ma sappiamo con chi fa le sue cene: con i vecchi camerati e i più decerebrati tutti li ha piazzati o alla urbana nettezza, che la città è una schifezza o all’ATAC nella dirigenza e infatti l’autobus sembra più una diligenza, ma per non esser accusato di negligenza a chi da una consulenza? A LATTARULO MAURIZIO che in passato ha avuto qualche vizio, qualche debolezza umana, come far parte della BANDA DELLA MAGLIANA o esser processato per aver coi NAR complottato, anche se l’hanno assolto forse perché non del tutto stolto.

Poi, per non farsi mancar niente, nomina VICEPRESIDENTE un giovanotto convincente e soprattutto conveniente, che non tiene conferenze ma porta tante preferenze: PICCOLO SAMUELE. Il Carneade novello dimostra che Alemanno di piccolo ha sicuramente il cervello. Infatti non lo nomina solo vicepresidente del Consiglio Comunale, che comunque non è male, ma anche responsabile della SICUREZZA di tutta la Capitale, finché non si scopre che il nostro sceriffo è proprio un brutto ceffo. Un mese fa viene arrestato perché 100 milioni d’IVA non ha versato e di associazione a delinquere e finanziamento illecito è accusato. Ma non basta. Quest’ultimo arrivato nella CASTA, dopo che il fisco ha frodato e svariati milioni intascato, pure l’ENEL ha fregato. Al contatore ha messo la classica “zeppa”, che manco “nonna Peppa”, così aveva la villa illuminata e la bolletta non pagata. E in questo Paese, dove chi ha ragione ha torto e viceversa, ci si domanda pure perché và tutto storto? La risposta è semplice: ognuno è complice di questa classe dirigente che conta più di un delinquente.

Chi ama ROMA e a rassegnarsi non si doma, vedendo ALEMANNO, che qualcuno giustamente chiama ALEDANNO, non può non andare col pensiero a quello che fu un romano vero, PASQUINO, altro che ‘sto Sindaco burino, che nell’ultima pasquinata, quando Roma da Hitler venne visitata, scrisse: “povera Roma mia de travertino, t’hanno vestita tutta de cartone, pe’ fatte arimirà da ‘n’imbianchino!” E così continua a fare chi oggi ha la responsabilità di governare, sperando di ingannare, con una serie di trucchi, noi poveri mammalucchi. E pensare che questa città, senza più verità, per oltre vent’anni ha rinunciato a colui che l’ESTATE ROMANA aveva inventato, regalando un po’ di gioia a chi gli “anni di piombo” aveva a noia. RENATO NICOLINI è morto, ma chi allora aveva torto... Ha ancora torto!

P.S. - Il video qui accanto è dedicato a Renato Nicolini e a tutti coloro che di ciò che hanno fatto in quella stagione, giusto o sbagliato che fosse, non rimpiangono nulla, ma proprio nulla.
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Informazioni sull'autore
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Video correlati

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni