Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Puritan tour

31 Gennaio 2016 di 
Puritan tour
Gli italiani sono noti per la calorosa accoglienza che riservano ai loro ospiti, anche quando gli stanno sulle palle. È questo il caso di Hassan Rouhani, presidente dell’Iran in visita a Roma qualche giorno fa. Quale migliore occasione per visitare i monumenti e le opere della città eterna senza turisti, borseggiatori, centurioni mafiosi e vigili taglieggiatori?

Prima tappa, tempio delle vestali, si sa, le giovani vergini sacre sono sempre un avvincente  argomento di conversazione. Seconda tappa, da Checco er porchettaro, qui i men in black della sicurezza hanno fatto sparire ogni riferimento ai suini e hanno girato tutti i quadretti di Padre Pio, il menù revisionato prevedeva acqua e pepe. Terza tappa, Musei Capitolini, dove, una volta coperte tutte le statue nude, Rouhani ha potuto ammirare le schegge di un vaso da notte di epoca imperiale. Tappa finale, puttan tour a via Salaria, prontamente avvisate, le prostitute si sono coperte con velo e chador, ma così facendo hanno bloccato il traffico allungando i tempi di contrattazione.   

Insomma una degna ospitalità, quella di un paese governato da censori baciapile, riservata al leader di un paese dove i diritti umani sono archiviati alla voce “sti cazzi”. Del resto solo i nostri politici possono coprire un nudo di marmo antico e nel contempo calarsi le mutande senza il minimo imbarazzo.  
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Informazioni sull'autore
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni