Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Ciaroncè di Moena

08 Giugno 2012 di  Bruno Cosentini

Se vi trovate a passare in Val di Fassa fermatevi a Moena e, al ristorante, chiedete di assaggiare i ciaroncè. Se, invece, preferite restare a casa, provate a prepararli seguendo le mie istruzioni…

Ciaroncè di Moena
Sembrerebbero dei banalissimi ravioli, grande errore! Anche se qualcuno, per fare prima, pure in Val di Fassa, proprio ravioli vi passa…spacciandoli per ciaroncè.
Gli originali sono infatti prodotti quasi senza farina, la qual cosa, bisogna ammetterlo, rende non facilissima l’esecuzione, ma, tant’è, bisogna provarci anche perché, riuscendoci, sarete molto soddisfatti.

Lessate 500 grammi di patate a pasta gialla, pelatele, schiacciatele con lo schiacciapatate ed aggiungeteci un uovo intero ed un albume, salate, e un po’ di farina fino ad ottenere una pasta morbida e vellutata, ma di consistenza tale da poter essere spianata con il matterello a spessore di 2-3 millimetri. Il quantitativo della farina dipende dalla qualità delle patate; dovrete però riuscire ad usarne il meno possibile: io ci sono riuscito con circa 50 grammi!
Sbollentate 600 grammi di spinaci in acqua salata; una volta cotti strizzateli a fondo, tritateli grossolanamente ed infine saltateli in padella con 30 grammi di burro avendo cura di verificare la totale scomparsa dell’acqua residua.
Stendete sul tavolo da lavoro un foglio di carta da forno su cui spianerete la pasta fino a portarla allo spessore previsto. (la carta da forno serve per facilitare l’operazione di distacco dei ciaroncè).
Tagliate la pasta in quadrati di circa 10 cm di lato. Ponetevi al centro un cucchiaino abbondante di spinaci e poi piegate la pasta a triangolo avendo cura di chiudere con attenzione i bordi.
Scottate in una pentola per non più di un paio di minuti i ciaroncè e poi passateli in padella dove avrete sciolto 50 grammi di burro e 25 cl di olio extravergine con abbondante parmigiano grattugiato fresco.
Buon appetito !
Bruno Cosentini
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Bruno Cosentini
Bruno Cosentini
Informazioni sull'autore
Ingegnere, dopo molti anni trascorsi tra l'Aeirtalia, la Boeing di Seattle, l'Eternit e la Metalrame del Gruppo Pirelli, dove ha ricoperto la carica di amministratore e direttore generale, è passato dalla fucina alla cucina dedicandosi ai clienti del ristorante "Il Vinacciolo", a Napoli.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni