Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

La malattia e il coraggio

Brevissima storia…

14 Febbraio 2014 di  Riccardo Rossi

Una bambina e una gatta volevano vivere aggrappate alla luna. E Il medico Giampietro Scalia ci racconta come vive un bimbo in ospedale.

Brevissima storia…
La storia di una bimba affetta da una malattia molto rara che affronta la sua patologia con il sorriso.  Questa bella e toccante storia è raccontata nel libro: “Brevissima storia di una bambina e di una gatta che volevano vivere aggrappate alla luna”. L’autore del volume è Giampietro Scalia, un medico ospedaliero che ha saputo narrare molto bene come vive un bambino ospedalizzato.

La protagonista del romanzo è una bambina di circa dieci anni, che potrebbe essere nostra figlia, o nostra sorella; una storia che ci regala molti spunti di riflessione.  “Negli altri ospedali dove sono stata ricoverata – parla la bimba protagonista del romanzo- nessuno mi aveva mai parlato della mia malattia, mentre Sasha mi ha spiegato che sono stata colpita da una malattia molto rara. Una di quelle patologie così rare che non hanno neanche un nome”. Nel romanzo si legge soprattutto tanta voglia di vivere della piccola protagonista, l’allegria, la fantasia.

La sofferenza, il dolore, la paura di una malattia che avanza, la percezione di una non guarigione sono presenti nel romanzo, ma in maniera delicata, l’ironia è spesso presente. E’ un testo che si legge velocemente e piacevolmente, sia per la bellezza e la scorrevolezza della storia, sia perché la casa editrice “Edizioni Angolo Manzoni” utilizza un carattere corpo 16 e un’interlinea molto ampia che aiuta nella lettura sia chi ha problemi di vista, sia chi è dislessico.

La bimba protagonista del romanzo è una vera forza della natura e ha un’infinita fantasia, riesce ad animare un gatto di peluche che capisce quello che sta vivendo. Nel volume sono raccontate delle belle amicizie tra la bambina protagonista e due bambini, anche loro ricoverati, Zoe il talassemico e Akuro. Una bella figura è quella di Sasha l’infermiera che si affeziona ai bambini e poi c’è Erik il burattinaio che fa ridere i bambini a crepapelle. I personaggi e i dialoghi sono molto accattivanti e hanno il grande merito di parlare di temi importanti: la malattia, il ricovero, la morte, con una delicatezza estrema. “I sintomi transitori sono, tanto per intenderci, la giustificazione più frequente messa in campo dai dottori quando non sanno più cosa dire”.  Le figure dei dottori e del primario sono narrate con gli occhi dei bambini, figure professionali dedite ai sintomi e allo sviluppo della malattia. E’ un testo adatto sia ai bambini, sia agli adulti, molto utile ai genitori che vogliono raccontare temi delicati come questi. Allegato al libro c’è anche un audio libro con la voce narrante di Franco Collimato.  Una favola moderna che ci fa innamorare delle piccole cose e che ci dona la fantasia per superare ogni avversità.

Giampietro Scalia,
Brevissima storia di una bambina e di una gatta che volevano vivere aggrappate alla luna, Edizioni Angolo Manzoni,
euro 24 
Riccardo Rossi
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Riccardo Rossi
Riccardo Rossi
Informazioni sull'autore

Qualche anno fa, Giuseppe Messina (un missionario), Giuseppe Motta (un imprenditore) e Riccardo Rossi, (un addetto stampa), scoprono di avere un desiderio comune: quello di creare un giornale di buone notizie. Che non fosse soltanto un magazine, ma un vero e proprio promotore di carità, di speranza e di gioia. 
Hanno ancora un sogno: quello di donare un po’ di Gioia e di seminare solidarietà.
La Gioia onlus è una associazione non lucrativa, di utilità sociale. L’associazione, nell’esclusivo perseguimento di solidarietà sociale, si propone lo svolgimento nei settori dell’assistenza sociale, beneficienza, istruzione e formazione; della cultura, dell’arte, dei diritti civili, della natura e dell’ambiente. Essa nasce con l’intento di promuovere la diffusione nella società in generale, e tra le persone deboli ed emarginate in particolare, del rispetto dei valori umani, dell’osservanza dei buoni costumi, della cultura dell’amore, dell’amicizia, della solidarietà attraverso la pubblicazione e distribuzione gratuita di giornali e riviste principalmente in istituti penitenziari, ospedali e scuole, nonché la promozione di studi, ricerche ed iniziative, conferenze e congressi, seminari e gruppi di studio. L’associazione, inoltre, svolge attività nei settori della cultura, dell’istruzione, della formazione e della carità.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni