Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Calcolo della cedolare secca sugli affitti

Cedolare secca sugli affitti: i dubbi

29 Settembre 2012 di  Massimiliano Toriello

Per la scelta della tassazione unica sugli affitti abitativi è d’obbligo la raccomandata agli inquilini per la rinuncia all’adeguamento del canone, il meccanismo di calcolo per la convenienza passa dalla valutazione sulla composizione dei redditi percepiti a quella sulla propria aliquota marginale fino al confronto con l’aliquota secca sulle cedolare al posto della tradizionale Irpef e addizionali regionali e comunali.

Per la scelta della tassazione unica sugli affitti abitativi è d’obbligo la raccomandata agli inquilini per la rinuncia all’adeguamento del canone, il meccanismo di calcolo per la convenienza passa dalla valutazione sulla composizione dei redditi percepiti a quella sulla propria aliquota marginale fino al confronto con l’aliquota secca sulle cedolare al posto della tradizionale Irpef e addizionali regionali e comunali.
Aspetto da non sottovalutare è dato dalla obbligatorietà della rinuncia all’adeguamento Istat dei contratti di fitto e dell’aumento di questi ultimi negli anni successivi derivanti da apposite clausole contrattuali. Tale dato va depurato dal mancato versamento dell’imposta di registro per tutta la durata della locazione, che come si sa, è al 50 per cento a carico dei proprietari e degli inquilini.
L’opzione è a dire il vero ritrattabile anno per anno nel caso in cui il proprietario, al nuovo esame di convenienza trovi, vantaggiosa la tassazione tradizionale.
Ulteriori aspetti da considerare sono dati dall’inasprimento delle sanzioni previste in caso di fitti non dichiarati, quasi tutte a discapito dei proprietari. Queste ultime arrivano alla determinazione, in caso di denuncia da parte dell’inquilino, di un canone “d’ufficio” circa cinque volte minore di quello di mercato, per tutta la durata della locazione, quattro anni più quattro. L’idea non sempre condivisibile, è quella di innescare un corto circuito tra proprietari ed inquilini volto allo sgretolamento del muro di omertà ai quali soggiacevano gli ultimi nel caso in qui i proprietari inserissero, tra le condizioni di stipula del contratto di fitto, quella di dichiarare un canone ridotto o nullo. Ora la situazione sembra cambiata in modo radicale e, forse, sperequato a tutto vantaggio degli inquilini, i quali sono dotati di un’arma, che se utilizzata in malafede, non lascia margini sufficienti di difesa ai proprietari di fabbricati.

© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Massimiliano Toriello
Massimiliano Toriello
Informazioni sull'autore
E' dottore commercialista e Revisore Contabile. Collabora alla cattedra di diritto Costituzionale della Facoltà di Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Napoli "l'Orientale". Giornalista pubblicista, è autore di numerose pubblicazioni in materia contabile, fiscale e previdenziale.
E' presidente della associazione "ATTIVA ONLUS" per la tutela dei diritti civili dei titolari di partita Iva.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni