Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Ruoli nella società

06 Giugno 2011 di  Dalila Liguoro

Anche chi ha di sé l’immagine dell’uomo libero dovrà mettere in scena un personaggio comportandosi nei modi già previsti dalla società

Ruoli nella società
Il termine “ruolo” deriva dalla parola latina rotulus che vuol dire copione. In psicologia il concetto di ruolo non differisce molto: indica quell'insieme di caratteristiche e azioni inerenti ad una persona in una determinata situazione o posizione, stabile o occasionale.



Attori e stereotipi
E' come un personaggio assegnato (o autoassegnato) ad un attore, con un copione per gran parte già scritto, con caratteristiche da rispettare e aspettative da non deludere.      
Ovviamente non esiste attore che abbia impersonato un solo ruolo nella propria vita, certo ci sono quelli preferiti o che riescono meglio, ma è impossibile passare da un film all'altro o da una scena all'altra della nostra vita, senza cambiare almeno in parte ruolo.
Come ogni bravo attore dobbiamo dunque calarci al meglio nella parte. Questo non vorrà dire fingere di essere qualcosa che non si è, dopotutto siamo sempre noi l'involucro del nostro personaggio, starà a noi interpretarlo e metterlo in scena, seguendo ciò che abbiamo inteso o voluto intendere per questa parte.
Dunque il ruolo è una sorta di copione di cui dispone un individuo che si trova in una determinata posizione sociale, in un determinato contesto e in una determinata società; questo vuol dire che tale copione contiene le norme istituzionali e le aspettative a questo strettamente legate.
L’uomo produce se stesso in una società che lo produce, cioè che gli dà le carte da utilizzare nell’esecuzione dei suoi ruoli: le basi stereotipate dei diversi ruoli che si possono assumere, così che in ogni ruolo troveremo un “abito” adatto a noi.  

La libertà prevedibile
Nell’eseguire il ruolo, qualsiasi individuo, anche il più controtendente, non potrà non tener conto del significato sociale che ha questo nella sua società, delle caratteristiche che in questo sono viste, della compatibilità con le situazioni che si presentano. Anche chi ha di sé l’immagine dell’uomo libero dovrà mettere in scena questo personaggio comportandosi nei modi in cui la società prevede che si debbano comportare le persone in quel determinato ruolo.
Nel bagaglio culturale di ogni società sono infatti già scritte le norme per lo svolgimento dei ruoli, norme accessibili a tutti, comprensive degli elementi comportamentali e affettivi adeguati.
In questo modo i ruoli uniscono gli individui fra loro, perché faranno sì che si parli un linguaggio comportamentale comune. Grazie a questo effetto coesivo si può sostenere che i ruoli siano la base delle società, e delle istituzioni che la compongono.
Infatti l’individuo fa sua la cultura della società in cui vive, imparando a mettere in scena i ruoli da questa richiesti, ma la società stessa con le sue istituzioni è creata proprio dagli individui e dai loro ruoli.

Socializzazione primaria e secondaria
Così mentre nella socializzazione primaria, che si verifica nella prima infanzia, l'individuo acquisisce le prime esperienze con un mondo già apparecchiato, nella socializzazione secondaria, si introduce nei nuovi settori della sua società, in maniera più attiva e cosciente: interiorizzando le istituzioni di cui farà parte, acquisendo le conoscenze legate ai vari ruoli (contenuti nella propria identità e con cui verrà a contatto) ma al tempo stesso portando a questi il suo contributo, attraverso gli stessi ruoli che si troverà a interpretare.
Quindi le istituzioni danno sì le norme per i ruoli, ma i ruoli costituiscono le istituzioni stesse.
Durante la socializzazione secondaria, le conoscenze relative alle istituzioni faranno sì che l’individuo nell’eseguire un ruolo comunichi impressioni di se stesso compatibili con le qualità personali appropriate al ruolo e alla situazione, in quella determinata società. E al tempo stesso, sappia come giudicare i comportamenti delle altre persone, assegnando ad essi determinati ruoli. Inoltre acquisirà una tale conoscenza e saprà riconoscere i diversi ruoli che gli si presenteranno, con tutte le caratteristiche ad essi inclusi; riuscirà così a rendersi conto se determinati atteggiamenti sono consoni oppure no al ruolo che lui, o la persona a lui di fronte, sta mettendo in scena. A questo punto potrà confermare vecchi ruoli o iniziare il lungo processo che darà l'avvio alle entrate di nuovi ruoli, nuovi copioni e di conseguenza nuove istituzioni.
Ecco perché lo studio dei ruoli è utile per comprendere la società
Dalila Liguoro
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Dalila Liguoro
Dalila Liguoro
Informazioni sull'autore

Nata a Milano nel 1977, vive e lavora tra Milano e Lainate dove ha aperto due studi di Psicologia e Grafologia. Di matrice interattivo-cognitiva, ha sviluppato la teoria del Ruolo e del Personaggio della quale si serve nei suoi corsi sull'autostima e di geragogia. 
Pioniera delle consulenze online, dedicate a coloro che non possono raggiungere gli studi facilmente.
Specializzata in criminologia; organizza gruppi d'aiuto per chi subisce violenza o convivenze difficili, ed è consulente di studi legali per perizie psicologiche e criminologiche.
Specializzata in grafodiagnosi e successivamente in perizia grafotecnica. Svolge corsi di Grafologia sia per privati che per aziende. Collabora con diversi avvocati e con il tribunale di Milano per il quale è consulente di ufficio.
Collabora con centri culturali e università dedicate agli adulti e alla terza età
Esperta psicologa in ambito sportivo, collabora con diverse palestre, circuiti, organizzazioni sportive e riviste dedicate allo sport.
E' stata presentatrice e autrice di rubriche dedicate alla psicologia e alla grafologia per TeleNBC e Tele Cuore.

http://www.facebook.com/spaziopsichico

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni