Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

I cristiani d'Oriente in 200 scatti d'autore

30 Settembre 2014 di  Golem

Un reportage dall’Egitto alla Siria.
Al Vittoriano di Roma, ingresso gratuito

I cristiani d'Oriente in 200 scatti d'autore

ROMA. Un anziano monaco copto egiziano insegna ad un gruppo di novizi l'arte della liturgia, bambini armeni giocano nella loro cittadella-fortezza di Gerusalemme, fedeli di Qaraqosh in Iraq pregano davanti al monastero del loro villaggio non lontano da Mosul.

Scene di vita quotidiana di una cristianità che sta ormai scomparendo nell'emigrazione e sotto la spada dei jihadisti del Califfato nero di Al Baghdadi, sono immortalate nella mostra fotografica Parabole d'Oriente, il cristianesimo alla sfida del nuovo millennio, allestita nella sala della Gipsoteca, nel complesso del Vittoriano (Altare della Patria) a Roma. L'esposizione, circa 200 foto più un filmato in bianco e nero che racconta antiche persecuzioni di cristiani tra cui il genocidio armeno del 1915 in Turchia, si compone di due parti. Nelle prime sale sono in mostra le foto  scattate in Medio Oriente durante tre anni di viaggi (2010-2013) da Michele Borzoni tra le comunità cristiane disseminate tra Egitto, Palestina, Israele, Libano, Giordania, Siria, Iraq, una popolazione diretta erede dei primi apostoli cristiani. Le immagini ritraggono i cristiani nei loro luoghi sacri o anche nell'intimità delle case. Sono sopratutto ritratti d'interni che accompagnano lo spettatore - come sottolinea la curatrice della mostra, Renata Ferri - "a guardare ogni scena dove tutto è silenziosamente vita". Nella seconda parte, foto messe a disposizione dalla grandi agenzie di news internazionali (Reuters, AP, Getty pictures) mostrano  le violenze anti-cristiane in Medio Oriente, dalle macerie della cittadina siriana di Maalula agli attacchi terroristici contro le chiese in Egitto e Iraq. Le due parti della mostra sono in realtà un unico racconto tragico: risale solo al 2013  la foto di Borzoni che ritrae una piccola folla di cristiani a Qaraqosh, in Iraq, mentre pregano davanti ad un muro dove - secondo un'antica leggenda – compaiono una volta all'anno le ombre di sette cristiani martirizzati nel XIV secolo per essersi rifiutati di convertirsi all'Islam. E' passato un solo anno e la stessa Qaraqosh, sul confine tra l'Iraq e il Kurdistan iracheno è stata a sua volta martirizzata dai fondamentalisti dell'Isis che, in quella zona, hanno compiuto una vera pulizia etnica anti-cristiana. La mostra, visitabile gratuitamente fino al primo ottobre 2014, è stata promossa dall'Ambasciata di Armenia presso la Santa Sede e dalla Comunità di Sant'Egidio. E' aperta dal lunedì al giovedì dalle 9.30 alle 18.30 e il venerdì, il sabato e la domenica dalle 9.30 alle 19.30.

Golem
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Golem
Golem
Informazioni sull'autore
GOLEM fornisce Informazione, Approfondimenti, Opinioni, Commenti di esperti e Documenti integrali sulle notizie di maggior interesse.
GOLEM è il porto dell’Informazione che accoglie chiunque voglia salvarsi dalla tempesta delle notizie.
GOLEM completa le notizie con ciò che gli altri non hanno il tempo, la voglia e la possibilità di raccontare.
Giustizia, Legislazione, Economia, Fisco, Lavoro, Società, Ambiente, Sanità:
GOLEM aggiunge al lavoro dei suoi giornalisti specializzati i commenti e le spiegazioni di esperti e tecnici in tutti i settori.
Lavoratori, professionisti, manager, imprenditori, commercianti, artigiani e semplici naviganti possono trovare ciò che cercano e quello che hanno perduto.
GOLEM è la bussola dell’Informazione nel mare delle notizie.
GOLEM è anche Satira, la più antica, efficace e sintetica versione dell’Informazione. La sezione è affidata a vignettisti, disegnatori, umoristi e sceneggiatori.
Per togliere la maschera alle false notizie.

GOLEM
la bussola dell'Informazione nel mare delle notizie.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni