Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Tomarchio lancia l’etichetta solidale

17 Marzo 2016 di  Riccardo Rossi
Tomarchio lancia l’etichetta solidale

Investire in progetti etici; caricare la marca di emozioni e contenuti; comunicare il proprio impegno sul territorio: Sibat Tomarchio è la prima azienda in Sicilia che sposa un progetto solidale, raccontandolo ai consumatori attraverso l’etichetta del prodotto più amato dai siciliani: la storica aranciata. Un’impronta imprenditoriale che segue quel percorso di responsabilità sociale d’impresa oggi al centro del marketing: modello innovativo in un’ottica di sostenibilità che veicola valori e buone pratiche. Nasce in questa direzione la partnership con Laboriusa, la prima piattaforma di crowdfunding del Sud Italia, ideata per sostenere progetti di beneficienza attraverso le donazioni di utenti digitali che, con le loro offerte, potranno dar vita a iniziative di grande valore: dal teatro della disabilità, all’home restaurant gestito da immigrati, alla “Chiocciola Bicocca” per aiutare dieci soggetti svantaggiati e il finanziamento di un albergo etico a Noto per l’accoglienza di ragazzi autistici. “Sorsi di solidarietà” sarà il messaggio veicolato dall’etichetta dell’aranciata Tomarchio, presente a marzo negli scaffali della grande distribuzione con l’invito a donare su www.laboriusa.it.

 

Un’operazione, quella messa in campo da Tomarchio bibite, che ha il doppio obiettivo di finanziare una buona causa e di promuovere il consumo di un prodotto locale nella logica della responsabilità sociale. Ma qual è la ricetta che accomuna Sibat Tomarchio e il crowdfunding di Laboriusa? Far conoscere una Sicilia operosa che respira l’aria d’innovazione tecnologica nel segno della tradizione e dei valori.

 

Fonte: https://www.facebook.com/Laboriusa/?ref=ts&fref=ts

 

Riccardo Rossi
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Riccardo Rossi
Riccardo Rossi
Informazioni sull'autore

Qualche anno fa, Giuseppe Messina (un missionario), Giuseppe Motta (un imprenditore) e Riccardo Rossi, (un addetto stampa), scoprono di avere un desiderio comune: quello di creare un giornale di buone notizie. Che non fosse soltanto un magazine, ma un vero e proprio promotore di carità, di speranza e di gioia. 
Hanno ancora un sogno: quello di donare un po’ di Gioia e di seminare solidarietà.
La Gioia onlus è una associazione non lucrativa, di utilità sociale. L’associazione, nell’esclusivo perseguimento di solidarietà sociale, si propone lo svolgimento nei settori dell’assistenza sociale, beneficienza, istruzione e formazione; della cultura, dell’arte, dei diritti civili, della natura e dell’ambiente. Essa nasce con l’intento di promuovere la diffusione nella società in generale, e tra le persone deboli ed emarginate in particolare, del rispetto dei valori umani, dell’osservanza dei buoni costumi, della cultura dell’amore, dell’amicizia, della solidarietà attraverso la pubblicazione e distribuzione gratuita di giornali e riviste principalmente in istituti penitenziari, ospedali e scuole, nonché la promozione di studi, ricerche ed iniziative, conferenze e congressi, seminari e gruppi di studio. L’associazione, inoltre, svolge attività nei settori della cultura, dell’istruzione, della formazione e della carità.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni