Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Protegge il cuore e guarisce l’acne

Papaya, il frutto degli angeli

05 Maggio 2016 di  Flaminia Antonucci
Papaya, il frutto degli angeli
La papaya, nome scientifico Carica papaya, è una pianta appartenente alla famiglia delle Caricacee ed è anche conosciuta con l’appellativo albero dei meloni a causa della forma ovale che richiama quella del melone. La sua provenienza non è ancora stata chiarita, alcuni testi sostengono provenga dalla Malesia, mentre altri dal Messico. Certo è che la papaya è una pianta ormai diffusa in tutti i paesi tropicali il cui frutto può raggiungere gli  8 kg di peso.

Le prime notizie riguardo questo frutto risalgono ai resoconti della conquista del Messico da parte di Cortez. Gli Atzechi conoscevano bene i benefici di questo frutto e, quando i conquistatori ispanici iniziarono ad avere problemi digestivi a causa dell’eccessiva ingordigia, si servirono proprio della papaya per trovare sollievo. Furono proprio gli spagnoli a coniare il nome papaya partendo dall’indigeno ababai. La leggenda dice anche che, poco dopo la scoperta dell’America, Colombo e i suoi marinai definirono la papaya il frutto degli angeli per le grandi proprietà benefiche di questo frutto.

Da un punto di vista fitoterapico la papaya, specie quando completamente matura, contiene una buona quota di sostanze con proprietà antiossidanti, note per la capacità di proteggere l’organismo dall’invecchiamento cellulare e dalla formazione dei temuti radicali liberi. Grazie all’azione ipocolesterolizzante previene la formazione del colesterolo proteggendo cuore e arterie da malattie cardiovascolari. Contiene un prezioso enzima, la papainache si comporta allo stesso modo di un succo gastrico e ha quindi un forte potere digestivo. Per questo motivo è un frutto che si può tranquillamente consumare al termine di un abbondante pranzo o nelle diete dimagranti. La papaina è utile anche per eliminare i vermi intestinali. La medicina popolare cinese ha da sempre utilizzato questo frutto a tale scopo. Il rimedio prevede di far marinare la polpa del frutto nell’aceto di mele che viene poi bevuto per rimuovere i vermi intestinali.

Le proprietà battericide del frutto sono efficaci sia a titolo preventivo sia per guarire acne, dermatiti ed altri problemi della pelle.  Inoltre la papaya contiene una serie di costituenti molto utili alla salute degli occhi. Flavonoidi, vitamina A, beta-carotene, criptoxantina, luteina e zeaxantina hanno proprietà antiossidanti che proteggono gli occhi da parecchi disturbi e patologie. La vitamina A in particolare, tra le sue virtù, protegge gli occhi dalla degenerazione maculare, una patologia tipica dell’età avanzata. Va, però, consumata con attenzione. Pare infatti che l’assunzione prolungata di semi di papaya abbia un effetto contraccettivo sul genere maschile e nel peggiore dei casi possa anche portare alla sterilità.
Flaminia Antonucci
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Flaminia Antonucci
Flaminia Antonucci
Informazioni sull'autore
E’ laureata in Lettere presso l’Università “La Sapienza” di Roma, con specializzazione in dialettologia italiana. La passione per i dialetti l’ha portata a girare la penisola alla ricerca delle molte “lingue” che vi si parlano. E in questo suo peregrinare ha scoperto che il Paese dei campanili è anche il Paese delle erbe. Di qui nasce la sua passione per la fitoterapia che l’ha portata a sperimentare personalmente quasi ogni rimedio erboristico. Ha collaborato per circa un decennio con una nota erboristeria della Capitale, per la quale ha creato numerose tisane originali.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni