Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Contro l’anemia e per rinforzare le ossa

Melone: il sapore dell’estate

09 Luglio 2015 di  Flaminia Antonucci

PRINCIPI ATTIVI: Vitamine A,B, sali minerali
CONTROINDICAZIONI: nessuna

Melone: il sapore dell’estate
Il cucumis melo, meglio conosciuto come melone, appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee. Originaria delle zone del Caucaso, questa pianta viene generalmente coltivata nei Paesi con clima mite e i suoi frutti sono dolci e gustosi. Alcuni ritengono che il melone abbia origini asiatiche ma, secondo altre fonti, la sua origine sarebbe invece africana.

In Italia venne introdotto in età cristiana con il nome di popones o melones, termini che sono rimasti negli anni (il primo più usato nell’Italia meridionale, il secondo al nord). In Europa il melone venne introdotto da Carlo VIII e raggiunse la sua massima diffusione dopo il XV secolo. Esistono tre varietà di meloni: quelli estivi (cosiddetti retati, caratterizzati da striature in rilievo) e i cantalupi che hanno la buccia liscia e sono più aromatizzati e profumati; molto apprezzato e consumato è anche il melone invernale con la scorza gialla o verde e la polpa chiara, generalmente dolce e saporita. Il melone ha ispirato assonanze fra il mondo vegetale e la natura umana: va ricordato il proverbioUomini e meloni, dal di fuori non si sa se sono buoni”. Secondo un’antica leggenda cinese, un grande melone giallo portato dalla corrente di un ruscello si dischiuse dando alla luce una splendida bambina per la gioia di due anziani coniugi.

Francesco Redi, medico e studioso allievo di Galileo, curò, per gli attacchi di gotta il principe di Condè generale del Re Sole, prescrivendogli una dieta a base di meloni. A questi frutti va il merito della vittoria della Francia contro l‘Olanda, un risultato che sembrava compromesso a causa della malattia del condottiero. Nel XV secolo, infine, alcuni missionari provenienti dall’Asia, arrivati a Cantalupo vicino a Roma, corroborarono le loro benedizioni con semi di melone. Nella città italiana questi semi avevano trovato il terreno adatto, pronti a dare vita a intere generazioni di profumatissimi meloni Cantalupo.  

Da un punto di vista fitoterapico, il melone, ricchissimo di acqua, aiuta a prevenire la disidratazione nelle giornate più calde. Essendo ricco di ferro aiuta a combattere l’anemia e, grazie alla elevata presenza di betacarotene, previene la formazione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare e delle smagliature. La vitamina B, presente in questo frutto, ricarica dal punto di vista “umorale” e si è anche rivelata ottima nel contrastare la fame nervosa.  Inoltre questa vitamina migliora la capacità visiva e rinforza le ossa e i denti. Il melone ha anche proprietà rinfrescanti, diuretiche, depurative e lassative ed è indicato in caso di stipsi, emorroidi e  dolori reumatici. Le sue proprietà disinfiammanti, diuretiche e fluidificanti per il sangue sono molto efficaci per la rigenerazione delle cellule. Il melone, infine, contiene inoltre un agente anticoagulante, che permette di prevenire la formazione di grumi nel sangue, che possono causare infarto o ictus.
Flaminia Antonucci
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Flaminia Antonucci
Flaminia Antonucci
Informazioni sull'autore
E’ laureata in Lettere presso l’Università “La Sapienza” di Roma, con specializzazione in dialettologia italiana. La passione per i dialetti l’ha portata a girare la penisola alla ricerca delle molte “lingue” che vi si parlano. E in questo suo peregrinare ha scoperto che il Paese dei campanili è anche il Paese delle erbe. Di qui nasce la sua passione per la fitoterapia che l’ha portata a sperimentare personalmente quasi ogni rimedio erboristico. Ha collaborato per circa un decennio con una nota erboristeria della Capitale, per la quale ha creato numerose tisane originali.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni