Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Gli esami non finiscono mai? Vinci lo stress

L’eleuterococco di mamma!

14 Giugno 2013 di  Flaminia Antonucci

PRINCIPI ATTIVI: glicosidi, saponine triterpeniche.
POSOLOGIA: Non efficace l’uso di estratto o polveri non titolati.
Estratto Secco:  0.3 gr per cps. 1cps 2 volte al giorno.
Tintura Madre: 50 gtt. 2 volte al giorno da bere in mattinata.
CONTROINDICAZIONI: Sconsigliato l’uso in gravidanza. Non superare i 3 mesi di trattamento e le dosi consigliate. Un abuso può creare problemi di insonnia, palpitazioni, ansia.

L’eleuterococco di mamma!
In questo periodo, in Italia, migliaia di ragazzi si preparano ad affrontare gli esami di maturità, da sempre fonte di stress non solo per gli studenti, ma anche per le loro famiglie.

Le molte ore di studio creano problemi di stanchezza psicofisica, ansia e irritabilità, che possono rendere la “volata finale” faticosa. L’Eleuterococco (Eleutherococcus Senticosus ) appartiene alla famiglia delle Arialiacee e cresce nelle zone fredde dell’Estremo Oriente. Chiamato anche “bevanda del diavolo”, per le sue straordinarie proprietà tonificanti, l’eleuterococco è anche noto come “ginseng siberiano”, perché appartiene alla stessa famiglia del ginseng coreano e cinese, ma cresce spontaneo soprattutto nel nord della Russia.

L’eleuterococco non è un semplice surrogato del famoso ginseng ma una pianta con caratteristiche proprie. In primo luogo è “adattogena”, ovvero aiuta l’organismo ad “adattarsi” agli stress psicofisici e ambientali, aumentando la resistenza fisica e mentale. E’ anche un eccellente tonico energetico e corroborante in caso di intensa attività fisica e mentale, depressione con astenia psicofisica, valido oltre che per gli studenti anche per i convalescenti.

A testimoniare le grandi proprietà energetiche dell’eleuterococco, basti pensare che veniva usato dagli atleti olimpici sovietici, soprattutto negli sport di resistenza. Inoltre, sempre nell’ex-Unione Sovietica, veniva somministrato addirittura agli astronauti. Le proprietà di questa pianta sono ulteriormente utili per rinforzare il sistema immunitario, in quanto aumentano il numero dei linfociti T, anticorpi naturali presenti nel corpo umano.

L’eleuterococco è anche conosciuto come “Ginseng delle donne”, perché ben si adatta all’organismo femminile. Sotto stress, infatti, le donne sono più soggette agli stati d’ansia e alla depressione, per questa ragione, un tonico più forte, come il ginseng o il guaranà, potrebbe aumentare la tensione nervosa. Invece l’eleuterococco migliora la prestazione fisica e mentale senza indurre nervosismo o agitazione. Infine possiede una discreta virtù afrodisiaca, perché stimola le ghiandole surrenali e sessuali, con un conseguente aumento della libido.
Flaminia Antonucci
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Flaminia Antonucci
Flaminia Antonucci
Informazioni sull'autore
E’ laureata in Lettere presso l’Università “La Sapienza” di Roma, con specializzazione in dialettologia italiana. La passione per i dialetti l’ha portata a girare la penisola alla ricerca delle molte “lingue” che vi si parlano. E in questo suo peregrinare ha scoperto che il Paese dei campanili è anche il Paese delle erbe. Di qui nasce la sua passione per la fitoterapia che l’ha portata a sperimentare personalmente quasi ogni rimedio erboristico. Ha collaborato per circa un decennio con una nota erboristeria della Capitale, per la quale ha creato numerose tisane originali.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni