Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Fior de gaggìa… A te pe’ trovà marito te ce vorebbe ‘na maggìa!

Fiore d’arancio tutti aspettano dalla sposa il lancio

24 Maggio 2013 di  Flaminia Antonucci

PRINCIPI ATTIVI: flavonoidi, polisaccaridi
POSOLOGIA:
Uso interno: Tintura madre: 20 gtt 3 volte al giorno
Tisana: un cucchiaio per una tazza d’acqua in infusione per 5 min
Uso esterno: Disponibile sotto forma di gel o crema da applicare in loco.
CONTROINDICAZIONI: Non note. Evitare comunque l’uso in gravidanza

Fiore d’arancio tutti aspettano dalla sposa il lancio
Maggio e giugno sono tradizionalmente i mesi dei matrimoni. Chi non è allergico a questa istituzione, oltre che ai pollini, amerà senz’altro i fiori d’arancio (Citrus aurantium).

Una splendida pianta che ha anche delle proprietà fitoterapiche importanti. Secondo la leggenda, il re di Spagna ricevette in regalo da una principessa una pianta d’arancio talmente bella da farlo innamorare. Un giorno, un ambasciatore ne chiese al re un ramoscello, ma il sovrano disse di no. Offeso, l’ambasciatore chiese aiuto al giardiniere del re, in modo che, dietro pagamento di 50 monete d’oro, gli procurasse un rametto dell’ambita pianta. Il giardiniere procurò il ramoscello all’ambasciatore e ottenne in cambio le monete d’oro, che donò alla figlia come dote perché, fino ad allora, nessuno voleva sposarla in quanto la sua famiglia era povera. Il giorno delle nozze la figlia del giardiniere mise tra i capelli un ramoscello di fiori d’arancio,  perché proprio ad esso doveva la sua felicità. Da quel momento i  fiori d’arancio sono considerati di buon auspicio per i matrimoni e, secondo il Galateo, dovrebbero essere gli unici gioielli consentiti il giorno delle nozze.

fiori d’ arancio, inoltre, sono simbolo di fertilità e di purezza virginale. Questa pianta, originaria della Cina, sia nella sua variante dolce che amara, è stata documenta in Italia ed in Europa intorno al XIV secolo e risulta citata fin dal I secolo a.C. nelle cronache degli antichi Romani, che la conoscevano con il nome di “melarancia”. Nei paesi orientali fiori e frutti erano considerati beneauguranti e ogni anno, dal 1100, un carico di frutti partiva da Pechino verso i templi, al fine di offrire un sacrificio gradito agli dei.

Piccola curiosità: la tradizione di addobbare chiesa e abito da sposa con fiori d’arancio nacque ai tempi delle Crociate, quando l’Occidente venne a contatto con la cultura orientale. I saraceni li consideravano fonte di fecondità e per questo li regalavano alle proprie spose. Al giorno d’oggi, meno romanticamente, i fiori d’arancio, chiamati anche “zagare”, vengono usati in fitoterapia per le proprietà digestive, carminative e sedative. Utili, quindi, in caso di dispepsia, colite, insonnia e cefalea.  Per uso esterno, l'arancio amaro è indicato per il trattamento delle ulcere cutanee e delle infezioni dell’apparato uro-genitale.
Flaminia Antonucci
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Flaminia Antonucci
Flaminia Antonucci
Informazioni sull'autore
E’ laureata in Lettere presso l’Università “La Sapienza” di Roma, con specializzazione in dialettologia italiana. La passione per i dialetti l’ha portata a girare la penisola alla ricerca delle molte “lingue” che vi si parlano. E in questo suo peregrinare ha scoperto che il Paese dei campanili è anche il Paese delle erbe. Di qui nasce la sua passione per la fitoterapia che l’ha portata a sperimentare personalmente quasi ogni rimedio erboristico. Ha collaborato per circa un decennio con una nota erboristeria della Capitale, per la quale ha creato numerose tisane originali.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni