Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Protegge cuore e arterie e migliora il sonno

Anguria, il frutto dell’estate!

02 Luglio 2015 di  Flaminia Antonucci

PRINCIPI ATTIVI: VitaminaB6, sali minerali
CONTROINDICAZIONI: Nessuna

Anguria, il frutto dell’estate!
Frutto tipico dell’estate, l’anguria, (Citrullus Vulgaris), appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae, il suo frutto è molto voluminoso dalla forma sia rotonda che ovale e può superare il peso di venti chilogrammi.

Le prime notizie riguardanti la coltivazione dell’anguria risalgono a circa 5.000 anni fa, in Egitto, dove, a tal proposito, sono stati rinvenuti preziosi geroglifici che testimoniano la veridicità di tale notizia; le origini della pianta, stando alla testimonianza del famoso esploratore Livingstone, paiono però essere africane. Secondo la religione egizia il cocomero, nascendo dal seme del dio Seth, divinità del deserto e dei morti, veniva spesso deposto nelle tombe dei faraoni come forma di sostentamento per l’aldilà. I nobili lo offrivano agli ospiti in visita quale ristoro dalle fatiche e dalla sete. Nella Bibbia è scritto che gli Ebrei, nel deserto del Sinai, rimpiangevano i cocomeri mangiati in Egitto.

Questo frutto è celebrato in famosi quadri di grandi maestri come Caravaggio o Matisse. Fin dall’antichità ha avuto diversi nomi: cocomero e anguria sono quelli più popolari. Cocomero deriva dal latino “citrullus vulgaris”, mentre anguria dal greco “angurion”, nomi dalla origine diversa ma dallo stesso significato: cetriolo. Secondo una leggenda, per la sua forma di palla, è stato uno dei primi strumenti di gioco degli dei. Fu introdotta in Europa a partire del XIII secolo con l'invasione dei Mori.

L'anguria più insolita viene oggi dal Giappone, in particolare dalla regione Zentsuji, dove i produttori fanno crescere le angurie all'interno di contenitori quadrati ricavandone dei frutti cubici facili da impilare e trasportare.

Esiste anche un’arte, il watermelon carving, ovvero l'intaglio dell'anguria, celebrato dal 2006 a Praga durante il Melounovy Festival: si tratta di una vera e propria galleria dove artisti di tutto il mondo lavorano le angurie intagliandole e ricavandone delle splendide sculture.

Da un punto di vista fitoterapico, l’anguria, grazie all’elevata presenza di acqua, aiuta a mantenere la corretta idratazione durante le giornate più calde e protegge la pelle da un’eccessiva esposizione ai raggi UVA. La citrulina, una sostanza presente in questo frutto, aiuta a combattere l’ipertensione e a proteggere cuore e arterie. Il consumo di anguria può inoltre contribuire a migliorare la qualità del sonno. Mangiare un paio di fettina di anguria dopo cena può stimolare nell'organismo la produzione di serotonina, per via del suo contenuto di carboidrati. Grazie alla presenza di vitamina B6 e di magnesio, l’anguria è un frutto altamente energetico anche se ipocalorico. Grazie all’assoluta assenza di grassi, infine, è uno degli alimenti più efficaci per contrastare e combattere gli inestetismi della cellulite.
Flaminia Antonucci
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Flaminia Antonucci
Flaminia Antonucci
Informazioni sull'autore
E’ laureata in Lettere presso l’Università “La Sapienza” di Roma, con specializzazione in dialettologia italiana. La passione per i dialetti l’ha portata a girare la penisola alla ricerca delle molte “lingue” che vi si parlano. E in questo suo peregrinare ha scoperto che il Paese dei campanili è anche il Paese delle erbe. Di qui nasce la sua passione per la fitoterapia che l’ha portata a sperimentare personalmente quasi ogni rimedio erboristico. Ha collaborato per circa un decennio con una nota erboristeria della Capitale, per la quale ha creato numerose tisane originali.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni