Settimanale di notizie, approfondimenti, opinioni, commenti di esperti e documenti integrali.

Follow Us

Le proprietà “magiche” dell’aglio

Aglio, fravaglio, fattura ca nun quaglia

08 Febbraio 2013 di  Flaminia Antonucci

Principi attivi: allicina, vitamina a, b, c
Posologia: Capsule: la quantità necessaria di allina presente deve essere di 40 mg al dì quindi 2-3 cps al giorno possibilmente a stomaco vuoto,
Tintura madre: 40-50 gocce 3 volte al giorno
Interazioni: Non associare a Ginko Biloba, anticoagulanti piastrinici e antinfiammatori non steroidei (Fans)

Aglio, fravaglio, fattura ca nun quaglia
Tutti conosciamo l’aglio (Allium Sativum), lo usiamo per cucinare, lo vediamo nei film come rimedio contro i vampiri, ne sentiamo l’odore, non proprio gradevolissimo (dovuto al disolfuro di diallile) ma non tutti ne conoscono le caratteristiche terapeutiche, o la storia.
Già 5000 anni fa veniva coltivato in medio Oriente. Gli Ebrei lo assumevano il venerdì in previsione degli incontri coniugali del sabato. I Romani lo raccomandavano con il coriandolo aggiunto al vino durante i banchetti orgiastici. Era invece vietato ai monaci buddisti. Una lunga storia che, tra verità e leggenda, ci ha portato fino alle recenti scoperte. Una delle patologie più diffuse nel mondo occidentale è l’ipertensione.

Naturalmente esistono in commercio moltissimi farmaci chimici, ma l’aglio è un ottimo sostitutivo per tenere sotto controllo la pressione. Infatti, non è un ipotensivo semplice (cioè sintomatico), ma un vero e proprio regolatore della pressione arteriosa, impedisce cioè, con un corretto e prolungato utilizzo, gli sbalzi di pressione pericolosi per cuore e arterie. Inoltre, soprattutto se associato alla cipolla, ha una eccellente funzione antiaggregante piastrinica. Possiede una forte funzione antisettica soprattutto per le affezioni delle vie respiratorie e agisce su tutto il sistema circolatorio sia cerebrale che centrale. E, inoltre, ma non meno importante non presenta alcuna tossicità e può, quindi, essere usato per periodi prolungati senza dover aumentare il dosaggio. L’elevato potere fluidificante dell’aglio sulla circolazione sanguigna fa quindi consigliare di non associarlo ad altri farmaci anticoagulanti chimici. Naturalmente il corretto utilizzo di questo alimento prevede un trattamento costante e prolungato e si associa ai consigli medici di una dieta iposodica. Fortunatamente esistono in commercio capsule completamente inodori e insapori che evitano lo spiacevole odore dell’alimento fresco.
Flaminia Antonucci
© goleminformazione.it - riproduzione vietata
Flaminia Antonucci
Flaminia Antonucci
Informazioni sull'autore
E’ laureata in Lettere presso l’Università “La Sapienza” di Roma, con specializzazione in dialettologia italiana. La passione per i dialetti l’ha portata a girare la penisola alla ricerca delle molte “lingue” che vi si parlano. E in questo suo peregrinare ha scoperto che il Paese dei campanili è anche il Paese delle erbe. Di qui nasce la sua passione per la fitoterapia che l’ha portata a sperimentare personalmente quasi ogni rimedio erboristico. Ha collaborato per circa un decennio con una nota erboristeria della Capitale, per la quale ha creato numerose tisane originali.
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni